Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Patronato > Pensioni > pensionevecchiaia


Pensione di vecchiaia

A) Assicurati con prima contribuzione anteriore al 1 gennaio 1996

1. Lavoratrici del settore privato e autonome
L’età richiesta nel 2012 per il pensionamento di vecchiaia delle lavoratrici dipendenti del settore privato é fissata a 62 anni ed  aumenterà di 18 mesi ogni 2 anni  per arrivare a 66 anni a partire dal 1° gennaio 2018.

Per le lavoratrici autonome e per quelle iscritte alla gestione separata nel 2012 l’età per il pensionamento di vecchiaia é fissata a 63 anni e 6 mesi ed aumenterà di un anno nel 2014, di un ulteriore anno nel 2016 ed infine di altri 6 mesi nel 2018, per arrivare a 66 anni.

Da gennaio 2013  l'età richiesta per andare in pensione verrà incrementata per effetto dell'aumento della speranza di vita.

Per tutte le categorie di lavoratrici rimane fermo il requisito minimo contributivo di 20 anni di contribuzione.



Le lavoratrici dipendenti (in forze al 28/12/2011) del settore privato potranno andare in pensione con 64 anni di età (requisito da adeguare alla speranza di vita) se entro il 31 dicembre 2012 avranno un’anzianità contributiva non inferiore a 20 anni e almeno 60 anni di età, se detta età è più favorevole rispetto all’età anagrafica richiesta per ciascun anno, nel periodo transitorio.

La pensione decorre dal mese successivo alla maturazione dei requisiti anagrafici e contributivi.


2. Lavoratrici e lavoratori del settore pubblico, lavoratori dipendenti del settore privato e lavoratori autonomi  

Per le lavoratrici ed i lavoratori dipendenti del settore pubblico, per i lavoratori dipendenti del settore privato e i lavoratori autonomi l’età per il pensionamento di vecchiaia viene fissata, a decorrere dal 1° gennaio  2012, a  66 anni.  Anche per essi opererà, dal 1 gennaio 2013, l'incremento per l'aumento della speranza di vita.



La pensione decorre dal mese successivo alla maturazione dei requisiti anagrafici e contributivi.

B) Assicurati con primo contributo successivo al 31 dicembre 1995

Ai lavoratori ed alle  lavoratrici con primo accredito contributivo successivo al 1° gennaio 1996  viene richiesta un'anzianità contributiva minima di 20 anni.

Essi potranno andare in pensione prima di aver compiuto 70 anni solo se l’importo della pensione maturata non é inferiore ad un  valore determinato (“soglia”), pari a  1,5 volte l’importo dell’assegno sociale, valore soglia che andrà annualmente rivalutato sulla base  della variazione media quinquennale del PIL.

Pensione dei lavoratori dipendenti del settore privato, dei lavoratori autonomi, dei  parasubordinati,  delle lavoratrici e dei lavoratori  del settore pubblico




Lavoratrici dipendenti del settore privato - requisito contributivo



Lavoratrici autonome e parasubordinate - requisito contributivo



All’età di 70 anni per maturare il diritto alla pensione di vecchiaia sono richiesti  almeno 5 anni di anzianità contributiva effettiva, indipendentemente dall’importo di pensione maturato.  

La pensione decorre dal mese successivo alla maturazione dei requisiti anagrafici e contributivi.
Dal 1°gennaio 2021 per tutti i lavoratori e le lavoratrici dipendenti del settore pubblico e privato, per i lavoratori e le lavoratrici iscritti alle gestioni speciali degli autonomi nonché per i lavoratori e le lavoratrici iscritti alla gestione separata, l’età per conseguire la pensione di vecchiaia è fissata in 67 anni.

Flessibilità dell’età pensionabile

La flessibilità per chi ritardi l’accesso alla pensione rispetto all’età minima stabilita dalla legge si sostanzia in un “premio” che consentirà l’applicazione sui trattamenti pensionistici di un coefficiente di trasformazione dell’età più conveniente.

In questa ottica è previsto che detti coefficienti saranno determinati per valori fino a 70 anni, salvo successivi adeguamenti alla speranza di vita.




AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.


 

 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.