Cerca
Register   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie > ASSOCIAZIONE > Costume e Società


29
Italia: FUTURO demografico
Nel 2065 saremo 61,3 milioni. L’età media passerà da 43,5 di oggi a 49,8 nel 2059. Diminuirà la fascia della popolazione fino a 14 anni e la popolazione stranierà supererà i 14 milioni al 2065.

Saremo sempre più longevi e vivremo in una società più multietnica. A dirlo sono le previsioni demografiche dell'Istat tracciate nel rapporto Il futuro demografico del Paese. Una proiezione che ci porta fino al 2065.

Quanti saremo? Nel breve e nel medio termine la popolazione italiana crescerà per poi via via decrescere. Nel 2042 raggiungeremo un massimo di 63,9 milioni di abitanti, ma nel lungo termine, al 2065, potremmo scendere a 61,3 milioni. L’età media sembra destinata ad aumentare. Oggi si attesta a 43,5 anni, ma nel 2065 sarà prossima ai 50 anni (49,8). Dopo tale anno, il processo di invecchiamento dovrebbe stabilizzarsi intorno ai 49,7 anni. 

L’Istat sottolinea il notevole aumento degli anziani nei prossimi 30 anni: gli ultra 65enni, oggi pari al 20,3% del totale, nel 2043 supereranno il 32% . Dopo tale anno, tuttavia, la quota di ultra 65enni si consoliderà intorno al valore del 32-33%, con un massimo del 33,2% nel 2056.

All’aumento degli over 65 farà da contraltare la diminuzione della popolazione con fascia d’età fino a 14 anni: oggi pari al 14% scenderà al 12,4% nel 2037 per raggiungere un massimo di 12,7% nel 2065.

La popolazione in età lavorativa (15-64 anni) evidenzia, nel medio termine, una lieve riduzione, passando dall’attuale 65,7% al 62,8% nel 2026. Nel lungo termine, invece, ci si aspetta una riduzione più accentuata, fino a un minimo del 54,3% nel 2056, anno dopo il quale l’indicatore si stabilizza, con un valore del 54,7% nel 2065, per un intervallo di stima compreso tra il 53,8% ed il 55,8%. Dati comunque da riconsiderare alla luce dell’attuale riforma previdenziale che allunga l’età del pensionamento.

Saremo una società sempre più multietnica. Considerate le ipotesi relative ai movimenti migratori con l’estero e sulla base di un comportamento riproduttivo superiore a quello della popolazione di cittadinanza italiana, si prevede che la popolazione residente straniera possa aumentare considerevolmente nell’arco di previsione: da 4,6 milioni nel 2011 a 14,1 milioni nel 2065, con una forbice compresa tra i 12,6 ed i 15,5 milioni.

Contestualmente, nel periodo 2011-2065 l’incidenza della popolazione straniera sul totale passerà dall’attuale 7,5% a valori compresi tra il 22% e il 24% nel 2065.

Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Invalidità civile 2020: i nuovi importi

Pochi euro per tutti: è la situazione che molti affrontano da tempo, sebbene i trattamenti siano calcolati sui redditi dei singoli


Spese detraibili: dal 1° gennaio è cambiato il metodo di pagamento


Olimpiadi invernali: vince il Trofeo la provincia di Massa Carrara

Secondo posto per la squadra provinciale di Bergamo e terzo per Lucca


Incontri 50&Più in Sardegna

La grande festa de soci 50&Più quest’anno si tiene a Geremeas (Ca) dal 30 maggio al 28 giugno


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.