Cerca
Register   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


05
Corte dei Conti: fisco ECCESSIVO
Fisco fuori linea, recessione, corruzione sistematica. L’analisi della magistratura contabile.

Il ricorso ad aumenti del prelievo tributario che si è reso necessario per rispondere alle richieste
dell'Europa ha forzato "una pressione fiscale già fuori linea nel confronto europeo" e favorito "le condizioni per ulteriori effetti recessivi". E' l'allarme lanciato dal presidente della Corte dei Conti, Luigi Giampaolino, in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario 2013, sottolineando la necessità di ridurre la pressione e di "una più equa distribuzione del carico fiscale".

"Al nuovo Parlamento e al nuovo Governo spetta il compito di esplorare le azioni in grado di generare una più equilibrata composizione di entrate e spese", ha detto il Presidente della Corte dei Conti evidenziando la necessità di "restare sul sentiero di risanamento che conduce al pareggio di bilancio". In Italia la corruzione ha assunto una "natura sistemica" che "oltre al prestigio, all'imparzialità e al buon andamento della pubblica amministrazione pregiudica l'economia della nazione".

Poi i partiti. Secondo il presidente Giampaolino i controlli sui bilanci dei partiti politici dovevano andare alla Corte dei Conti, non a una commissione ad hoc. ''Si tratta di una problematica che, 'ratione materiae', meritava in verità di essere ricompresa tra quelle ordinariamente attribuite alla cognizione di questa Corte'', dice Giampaolino. La scelta del legislatore, invece, ricorda la magistratura contabile, ''è stata quella di addivenire alla creazione di un nuovo organismo'', la Commissione per la trasparenza e il controllo dei rendiconti dei partiti e dei movimenti politici.

Sono 5.000 gli organismi "costituiti e partecipati dagli enti locali" e il loro indebitamento è valutato "in oltre 34 miliardi di euro". Lo ha detto il procuratore generale della Corte dei Conti, Salvatore Nottola, intervenendo all'inaugurazione dell'anno giudiziario, sottolineando che "la gestione degli enti partecipati spesso sfugge al controllo dell'ente" e che comunque sullo stesso gravano "le conseguenze dannose di una gestione disavveduta o di comportamenti illeciti, a volte anche delittuosi".

Le frodi legate alla illecita utilizzazione di fondi comunitari "hanno determinato in Italia, malgrado l'impegno dei Nuclei speciali della Guardia di Finanza, la sottrazione al bilancio dell'Unione europea, negli ultimi 10 anni, di oltre 1 miliardo di euro". Ha sottolineato il procuratore generale della Corte dei Conti.
Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Invalidità civile 2020: i nuovi importi

Pochi euro per tutti: è la situazione che molti affrontano da tempo, sebbene i trattamenti siano calcolati sui redditi dei singoli


Spese detraibili: dal 1° gennaio è cambiato il metodo di pagamento


Olimpiadi invernali: vince il Trofeo la provincia di Massa Carrara

Secondo posto per la squadra provinciale di Bergamo e terzo per Lucca


Incontri 50&Più in Sardegna

La grande festa de soci 50&Più quest’anno si tiene a Geremeas (Ca) dal 30 maggio al 28 giugno


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.