Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie > CAF > Economia e Finanza


22
I BENZINAI vanno in sciopero

Stop del servizio dal 12 al 14 dicembre e dal 24 al 30 dicembre no ai pagamenti
con moneta elettronica.

Le organizzazioni dei gestori Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio hanno
proclamato una serie di iniziative di agitazione che culmineranno con la chiusura di tutti gli impianti della rete di distribuzione carburanti dal 12 al 14 dicembre 2012 ''senza garanzia dei livelli minimi di servizio'' e con una manifestazione nazionale a Roma convocata per il 12 dicembre, con un presidio a Piazza di Montecitorio. 

Le organizzazioni di categoria daranno vita anche al ''no RID day'', una protesta attraverso la quale ciascun gestore manderà ''insoluto'' il pagamento di una fornitura di carburanti ''a titolo di parziale anticipo sull'adeguamento della propria remunerazione cha sarà definita dalla futura contrattazione per il rinnovo degli accordi collettivi nazionali, in un giorno a scelta tra il 21, 22 e 23 dicembre prossimo''.

 I benzinai, poi, rifiuteranno il pagamento con moneta elettronica del rifornimento nella settimana dal 24 al 30 dicembre prossimi.  Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio ''denunciano la drammatica crisi strutturale che attraversa la distribuzione carburanti e colpisce duramente le migliaia di piccole imprese di gestione''.

In particolare le organizzazioni puntano il dito contro ''le istituzioni e la politica, distratti e disinteressati per decenni ad un settore produttivo strategico'' che ''portano su di loro la gravissima responsabilità di avere ormai spinto alla disperazione ed al fallimento una intera categoria che denuncia un indebitamento complessivo superiore ai 300 milioni di euro''.

I sindacati dei benzinai denunciano anche gli impegni ''completamente disattesi che Ministero e industria petrolifera si sono assunte con la sottoscrizione formale del verbale del 27 luglio scorso''. Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio si rivolgono infine alla Presidenza del Consiglio ed al Ministero dello sviluppo economico ''perché assumano le iniziative che il ruolo istituzionale e le leggi riservano loro, sia in termini di garanzia e di controllo sul rispetto delle norme, sia in termini di mediazione per le vertenze sociali e collettive''. Intanto da fonti sindacali si è appreso che i gestori  sono stati convocati dal Ministero dello Sviluppo economico per il 4 dicembre.

 

 

 

Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Pensione 2020: vecchie e nuove regole

Cercando di fornire risposte semplici, vediamo di chiarire cosa cambierà in tema di pensioni nel corso dell'anno entrante


Pensioni: sempre più magre dal 2020

Il nuovo anno non prevede alcuna grande novità per gli importi in pagamento, se non rivalutazioni assai modeste


50&Più: tornano le Olimpiadi invernali

Appuntamento dal 19 al 26 gennaio a San Sicario (TO), nel comprensorio sciistico della Via Lattea


Il nuovo portale dell'associazione 50&Più

Un sito moderno, dinamico, ricco di informazioni. Si chiama Spazio50 ed è aperto a tutti gli over 50


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.