Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie > CAF > Economia e Finanza


29
I CONSUMI vanno al ribasso
Dato negativo per le vendite al dettaglio. E per i saldi è stata una stagione da dimenticare
La stretta della crisi si fa sentire sulle vendite al dettaglio. Secondo gli ultimi dati Istat a giugno scorso le vendite hanno registrato un aumento dello 0,4% rispetto al mese precedente, ma su base annua i risultati restano negativi: il calo è dello 0,5%.

Un aumento che nasconde delle ombre. L’incremento congiunturale delle vendite al dettaglio è legato a un rialzo dello 0,2% per il settore alimentare e dello 0,4% per quello non alimentare, ma se si guarda alla media del trimestre aprile-giugno 2012 l’Istat s’imbatte in una riduzione complessiva dell’1,7% rispetto al trimestre gennaio-marzo 2012. In sostanza, i consumi continuano a calare con piccole frenate, per poi ripartire nella discesa. Se poi si guarda alle tendenze, nel primo semestre 2012 l’indice grezzo scende dell’1,4%.

Visti da vicino: chi va bene e chi no.
A giugno l’andamento del “non food” su base annua, secondo l’Istat, mostra un calo in moltissimi settori. Le diminuzioni più marcate riguardano mobili, articoli tessili, arredamento (-4,6%); cartoleria, libri, giornali, riviste (-3,3%); informatica, telecomunicazioni, telefonia (-3,0%). Nello stesso periodo le vendite al dettaglio nei piccoli negozi scendono del 2,1% su base annua. Solo la grande distribuzione regge e beneficia di un aumento dell’1,8%, con i supermercati a +4% e i discount alimentari a +3,9%.

La fiducia scarseggia, anche se… Il clima di fiducia dei consumatori ad agosto mostra la coda e con un’ulteriore, lieve diminuzione passa da 86,5 a 86,0. Se riferita al clima economico generale in realtà il clima di fiducia è aumentato da 68,7 a 69,4, ma quando si parla di clima “personale” diminuisce da 92,9 a 92,0. Migliorano, ma solo leggermente, i giudizi sulla situazione economica del nostro Paese, mentre le attese sulla disoccupazione sono stazionarie. Tendono a migliorare le valutazioni sulla situazione economica della famiglia e i giudizi sulla opportunità di acquisto di beni durevoli, ma peggiorano quelle su opportunità e possibilità di risparmiare. A livello territoriale, è il Nord-ovest a “sperare” di più, mentre la fiducia si assottiglia nel resto del Paese.

Confcommercio: ancora lontana l’uscita dalla crisi. "Il modesto aumento congiunturale registrato nel mese di giugno dalle vendite è un dato che conferma lo stato di estrema criticità in cui versa la domanda interna per consumi. Al netto della variazione dei prezzi, infatti, i volumi venduti risultano sostanzialmente in linea con il dato registrato a maggio e mostrano un ridimensionamento particolarmente marcato rispetto allo stesso mese dello scorso anno", questo il commento dell'Ufficio Studi Confcommercio ai dati sulle vendite al dettaglio diffusi dall'Istat”.

"La situazione di difficoltà coinvolge ormai da tempo quasi tutti i segmenti di consumo - prosegue l'Ufficio Studi- ed interessa in misura molto accentuata la piccola distribuzione, dato che accresce le preoccupazioni sulla tenuta di una parte così importante della distribuzione che rischia di registrare, a fine 2012, un elevato numero di cessazioni di imprese. Anche il dato relativo al clima di fiducia delle famiglie, in peggioramento ad agosto soprattutto per il deteriorarsi della percezione relativa alla situazione personale, indica che la fase più negativa dei consumi non è stata ancora superata consolidando le ipotesi di un autunno difficile per la nostra economia".
 Per Federmoda questa stagione di saldi è da dimenticare. A pochi giorni dalla fine delle va male l’abbigliamento, si salvano un po’ le calzature. Quello dei saldi estivi 2012 resta un bilancio da dimenticare: dopo circa 60 giorni di vendite scontate, il calo fluttua tra il 13 e il 15%, una media che considera anche i risultati migliori delle vie della moda nei grandi centri

Grazie ai turisti.
A salvare il salvabile sono stati turisti russi, cinesi, coreani e brasiliani, che hanno comprato senza badare a spese. Ma solo per rendere l’idea della “Caporetto” degli acquisiti scontati, ecco qualche dato: a Milano le vendite segnano un -9%, mentre Roma dopo un iniziale -25% recupera (si fa per dire) con un -15/20%. Non migliora la situazione per Firenze e Venezia con un -13/15%, e Napoli con un -10%.

Le ultime speranze. Sono riposte nel colpo di coda finale: i “saldi dei saldi”. Secondo Massimo Torti, segretario generale di Federmoda, molti Comuni stanno organizzando iniziative in accordo con le associazioni dei commercianti, che scommettono sul desiderio autunnale di cambiamento dei consumatori, il cui guardaroba, considerate le precedenti stagioni di saldi, non viene cambiato da molto tempo.
Che dire? Chi vivrà, vedrà.
Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Incontri 50&Più in Sardegna

La grande festa de soci 50&Più quest’anno si tiene a Geremeas (Ca) dal 30 maggio al 28 giugno


Pensione 2020: vecchie e nuove regole

Cercando di fornire risposte semplici, vediamo di chiarire cosa cambierà in tema di pensioni nel corso dell'anno entrante


Pensioni: sempre più magre dal 2020

Il nuovo anno non prevede alcuna grande novità per gli importi in pagamento, se non rivalutazioni assai modeste


50&Più: tornano le Olimpiadi invernali

Appuntamento dal 19 al 26 gennaio a San Sicario (TO), nel comprensorio sciistico della Via Lattea


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.