Cerca
Register   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


28
Energia: PREZZI troppo alti
Nel corso della presentazione annuale sullo stato dei servizi e sull’attività svolta dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il gas, il presidente Guido Bortoni ha annunciato un’ indagine conoscitiva per fare luce sui diversi casi di squilibrio dei prezzi del mercato libero rispetto al mercato tutelato.

C’è il mercato libero e quindi concorrenza che dovrebbe dare vantaggi sul prezzo dell’energia al consumatore finale. Allora perché l’energia  acquistata sul mercato libero è più cara rispetto al mercato tutelato? L’Autorità per l’Energia elettrica e il Gas ha constatato tale anomalia in più occasioni e ha deciso di aprire un’indagine conoscitiva. Dai risultati preliminari dell'attività di monitoraggio, avviata nel 2011, il presidente Guido  Bortoni, nel corso della sua presentazione annuale, ha sottolineato che ''emergono elementi di preoccupazione, sui quali l'Autorità ritiene necessario effettuare approfondimenti, anche in relazione all'importanza di far crescere il mercato libero dell'energia''.

I prezzi unitari applicati dai venditori al mercato libero sono, in diversi casi, ''più alti di quelli del mercato tutelato e, quindi, dei livelli che si avrebbero trasferendo sul cliente il prezzo di un paniere ragionevole acquistato nel mercato all'ingrosso. Dalle prime rilevazioni, la maggiorazione di prezzo sul mercato libero per la componente a copertura dei costi di approvvigionamento, sembra raggiungere livelli anche sensibilmente superiori a quelli del servizio di maggior tutela''.

Pertanto, ''l'Autorità ritiene doveroso aprire un'indagine conoscitiva per approfondire le ragioni sottostanti i citati differenziali di prezzo nel mercato retail italiano, estendendo tale indagine anche al settore gas”.
Poca fiducia ancora degli italiani rispetto alle offerte provenienti dal mercato libero.  Infatti “a fine 2011 solo il 13% delle famiglie – inclusi i condomini – era fornita di gas naturale a condizioni di mercato diverse da quelle di tutela. Nel settore elettrico il 18%.

Bortoni ha fatto poi osservare che, al lordo delle imposte il prezzo del gas per le utenze domestiche si è collocato a un livello superiore rispetto al prezzo medio europeo, con scostamenti positivi consistenti (+29% circa) per le classi di consumo più alte, per effetto di un livello di imposizione fiscale relativamente elevato rispetto alla media dei Paesi europei.

Tra crisi e aumenti del prezzo dell’energia, nel nostro Paese il consumo interno lordo di energia complessiva nel 2011 si è allineato all’analogo dato del 1999. Ma non è tanto questo a preoccupare l’Autorità dell’Elettrica e del Gas, quanto il “livello di crediti scaduti o in sofferenza nel pagamento dei servizi elettrici e gas. Nel biennio 2010–2011, infatti, circa il 10% delle famiglie era in condizioni di morosità. Tale percentuale sale al 19% nel caso delle piccole–medie imprese”.
Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Invalidità civile 2020: i nuovi importi

Pochi euro per tutti: è la situazione che molti affrontano da tempo, sebbene i trattamenti siano calcolati sui redditi dei singoli


Spese detraibili: dal 1° gennaio è cambiato il metodo di pagamento


Olimpiadi invernali: vince il Trofeo la provincia di Massa Carrara

Secondo posto per la squadra provinciale di Bergamo e terzo per Lucca


Incontri 50&Più in Sardegna

La grande festa de soci 50&Più quest’anno si tiene a Geremeas (Ca) dal 30 maggio al 28 giugno


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.