Cerca
Register   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


21
La TERRA che vogliamo
A vent’anni dall’ultimo summit sulla sostenibilità ambientale, a Rio de Janeiro, dal 20 al 22 giugno si svolge l’Assemblea delle Nazioni Unite “Rio+20” per discutere sul futuro del Pianeta.

  Articolo di Sadìa Maccari tratto dalla rivista 50&Più di giugno.

Dall’Ontario al Tibet, passando per la Campania, il Laos, il Vietnam e gli Stati Uniti. Da un capo all’altro della Terra, ma comunque sullo stesso pianeta. Inquilini  e corresponsabili in un ambiente comune. Così nasce “Rio+20”, la conferenza mondiale delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile, un incontro a vent’anni dal precedente che si tenne sempre in Brasile.
 
Si svolge dal 20 al 22 giugno, vedendo confluire gente da ogni parte del Globo, con l’obiettivo di fare il punto sul futuro del pianeta. Dal 1972 a oggi i governi di tutto il mondo hanno sottoscritto importanti dichiarazioni sullo sviluppo sostenibile, ma è bene capire quanto siano state rispettate e, soprattutto, cosa manchi alle nostre economie per intraprendere un percorso che sia davvero ecocompatibile.

Dal 1972 si sono fatti grandi sforzi per intraprendere il cammino della sostenibilità, ma oggi più di allora s’intravedono i benefici di un’economia che sia al passo con l’ambiente e che, oltre a preservarne l’integrità, ne potenzi le possibilità di offerta all’uomo.

Secondo illustri ambientalisti, i risultati della Conferenza di Rio del giugno 1992, come delle Tre Convenzioni di Rio, l’Agenda 21 e la Dichiarazione di Rio, hanno segnato profondamente la politica mondiale, ma ci si affida a “Rio+20” per fare il vero salto di qualità. Per Achim Steiner, direttore esecutivo del Programma Ambiente delle Nazioni Unite (Unep) e vice segretario generale dell’Onu, investendo il 2% del Pil mondiale annuo (in media circa 1.300 miliardi di dollari) fino al 2050 in 10 settori chiave dell’economia globale (fra cui energia, acqua, pesca, foreste, riciclaggio dei rifiuti, mobilità e agricoltura), si può uscire dalla crisi economica e ambientale avviando la transizione verso un’economia verde.

Un’economia che, in molti Paesi, sta iniziando a dare i primi frutti e che vede la nostra Penisola aggiudicarsi dei bei risultati, soprattutto col solare. Ma siamo in buona compagnia: la Germania da più di un decennio incentiva politiche per le rinnovabili; il Giappone ha optato per il basso utilizzo di fonti energetiche derivanti dal carbone; la Cina si sta dando da fare con l’eolico e il solare. Per non parlare del Brasile, impegnato nella lotta contro la deforestazione. Sta di fatto che “Rio+20” ha due obiettivi importanti e non può fallire: accelerare la transizione verso la Green Economy e ridefinire l’economia globale con meccanismi che incentivino e premino lo sviluppo sostenibile.

Cosa assai distante?
No, affatto, solo che i governi nazionali stentano a lasciar decollare questo “New Deal Verde”. Perché dietro alle vecchie energie, come è immaginabile, esistono forti spinte conservatrici dettate soprattutto da interessi economici. Così, ad oggi, nessun Paese ha completato la transizione verso l’economia verde, anche se solo nel 2010 l’investimento nelle rinnovabili è cresciuto di oltre il 30% rispetto all’anno precedente, raggiungendo così quota 211 miliardi di dollari.

Per saperne di più:
www.uncsd2012.org
www.earthsummit2012.org
Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Invalidità civile 2020: i nuovi importi

Pochi euro per tutti: è la situazione che molti affrontano da tempo, sebbene i trattamenti siano calcolati sui redditi dei singoli


Spese detraibili: dal 1° gennaio è cambiato il metodo di pagamento


Olimpiadi invernali: vince il Trofeo la provincia di Massa Carrara

Secondo posto per la squadra provinciale di Bergamo e terzo per Lucca


Incontri 50&Più in Sardegna

La grande festa de soci 50&Più quest’anno si tiene a Geremeas (Ca) dal 30 maggio al 28 giugno


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.