Cerca
Register   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


31
Come si può recuperare una spesa non inserita nel 730/2019? Ecco la soluzione

Come si può recuperare una spesa non inserita nel 730/2019? Ecco la soluzione

 

 Risposta a cura di 50&PiùCaaf

 



DOMANDA

In merito alle spese non inserite sul 730/2019, chiedo informazioni riguardanti una spesa che il Caf non ha inserito nella scorsa dichiarazione dei redditi. Esiste un modo per poter recuperare e rimediare?  

Grazie







RISPOSTA

In linea generale se il contribuente, dopo aver presentato il Modello 730/2019, si è accorto di non aver fornito tutti gli elementi da indicare in dichiarazione, e l’integrazione e/o la rettifica comporteranno un maggior credito o un minor debito (ad esempio oneri non precedentemente indicati) può presentare un Modello Redditi PF 2019 Integrativo, entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione Modello Redditi PF 2020 relativa all’anno successivo (dichiarazione integrativa a favore). La differenza rispetto all’importo del credito o del debito risultante dal Modello 730 potrà essere indicata a rimborso, ovvero come credito da portare in diminuzione per l’anno successivo.

In sintesi, il contribuente che intenda integrare una dichiarazione già presentata deve compilare una nuova dichiarazione, completa di tutte le sue parti, esponendo redditi non dichiarati in tutto o in parte ovvero evidenziare oneri deducibili o per i quali spetta la detrazione, non indicati in tutto o in parte in quella precedente.

Pertanto, venendo al suo quesito, per recuperare una spesa che non è stata inserita nel Modello 730/2019, può presentare un Modello Redditi PF 2019 Integrativo, e il credito che scaturirà dalla dichiarazione integrativa potrà essere riportato direttamente nella dichiarazione Modello 730/2020 da presentare nel 2020 per l’anno d’imposta 2019, quale eccedenza risultante dalla precedente dichiarazione.

Cosa c’è da sapere ...

Dopo l'entrata in vigore del Dl 193/2016, l'articolo 2, comma 8, Dpr 322/1998, prevede che le dichiarazioni possono essere integrate, entro i termini previsti per l'accertamento, per correggere errori od omissioni, compresi quelli che abbiano determinato l'indicazione di un maggiore debito o di un minore credito (integrative a favore).

I termini per l'accertamento in caso di dichiarazione dei redditi regolarmente presentata sono fissati dall’articolo 43 del Dpr 600/1973, il quale prevede che "Gli avvisi di accertamento devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione".

E’ possibile, quindi, presentare una dichiarazione integrativa entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione ordinaria. In questo caso l’importo a credito, potrà essere utilizzato in compensazione, o per eseguire il versamento di debiti maturati a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione integrativa.   


Gli esperti di 50&PiùCaaf che rispondono alle vostre domande sono: 

Marco Chiudioni, Stefania De Agrò, Ada Martino, Romeo Melucci, Giuseppe Russo.

Questa rubrica, curata dai nostri esperti fiscali, risponde al quesito più significativo e di interesse generale pervenuto nel corso della settimana. Se hai una domanda fiscale scrivi a: comunicazione.esterna@50epiu.it.

Rivolgiti a 50&PiùCaaf per il tuo modello 730, penseremo noi a certificare la correttezza dei dati inseriti apponendo il visto di conformità che ti permetterà di beneficiare di tutte le detrazioni e deduzioni fiscali a cui hai diritto. Ogni anno oltre 800.000 lavoratori e pensionati
Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Come i senior vedono il futuro

Le risposte arrivano da un ampio sondaggio condotto da 50&Più sul dopo Coronavirus


Nuovo Decreto: cosa resta aperto e chi può lavorare

Le nuove misure per contrastare la diffusione del Coronavirus sono operarative. La lista delle attività consentite


“Io resto a casa”. Tutta l’Italia è zona protetta

Estese all’intero territorio le misure relative all’emergenza Coronavirus


Pensioni minime e aumenti per il 2020

È sempre questione di redditi, personali e di coppia. I limiti fissati per legge


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.