Cerca
Register   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie > CAF > Quesito Fiscale


08
E' previsto il pagamento dell’Imu in caso di donazione con usufrutto dell’abitazione principale?

E' previsto il pagamento dell’Imu in caso di donazione con usufrutto dell’abitazione principale

 

Risposta a cura di 50&PiùCaaf




DOMANDA

Mio figlio di 21 anni, studente universitario, è convivente con me e mia moglie che siamo proprietari della nostra prima casa (quindi non soggetta ad Imu). Ebbene, mio figlio dovrebbe ricevere in donazione dalla mia mamma (proprietaria unica della sua unica abitazione, quindi non soggetta ad Imu) la proprietà della casa stessa mantenendone l'usufrutto.

La domanda è questa: visto che con la donazione mio figlio diverrebbe di fatto proprietario della abitazione della nonna, dovrà pagare l'Imu su detta abitazione? Ed anche se vi trasferisce la residenza? O per quella abitazione non dovrà pagarci l'Imu anche se rimane residente con i suoi genitori?

Grazie








       
       
   
 
Scrivi ai nostri esperti
di 50&Più Caaf, invia una mail a:
comunicazione.esterna@50epiu.it

Leggi qui gli altri quesiti fiscali
 
Nota trattamento dati personali
 



In via generale sono soggetti passivi dell'imposta municipale propria il proprietario di immobii ovvero il titolare del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi (articolo 9, comma 1, Dlgs 23/2011). In particolare, ai fini Imu e Tasi, è il titolare del diritto usufrutto a essere tenuto al versamento dell’imposta mentre il nudo proprietario non è tenuto ad alcun pagamento.

Tornando al suo quesito se sua mamma si riserva il diritto di usufrtto al 100% sull'immobile sarà quest'ultima a dover corrispondere le imposte comunali sull'abitazione (Imu e Tasi ove dovute).

E' il caso, tuttavia, di ricordare che l'Imu non è più dovuta sull'immobile adibito ad abitazione principale, purché non classificato nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9

Anche ai fini Irpef è l'usufruttuario a dover dichiarare l'immobile nella propria dichiarazione dei redditi mentre nessun obbligo si pone in capo al cosiddetto "nudo proprietario". 


 Cosa c'è da sapere 

L’Imu e la Tasi devono essere versate in due rate. La prima deve essere corrisposta entro il 16 giugno di ciascun anno sulla base dell’aliquota e delle detrazioni dei dodici mesi dell’anno precedente. La seconda, a saldo dell’imposta dovuta per l’intero anno, con eventuale conguaglio sulla prima rata, deve essere versata entro il 16 dicembre sulla base degli atti pubblicati sul sito www.finanze.gov.it alla data del 28 ottobre di ciascun anno.

L’Imu e la Tasi si pagano sugli immobili diversi dall'abitazione principale, e sue pertinenze di categoria C/2, C/6, C/7, nel limite massimo di una per ciascuna categoria catastale. L’esenzione per l’abitazione principale, non riguarda le abitazioni cosiddette “di lusso” (A/1, A/8 e A/9) che continuano a scontare sia l’Imu che la Tasi, ove previsto.

E’ bene ricordare che ai fini Imu per abitazione principale si intende l’immobile nel quale risultano sia la residenza anagrafica che la dimora abituale del possessore e dei suoi familiari. Il requisito della residenza anagrafica e della dimora abituale devono sussistere contemporaneamente per godere dell'esenzione dell'obbligo di pagamento.

Se il nucleo familiare ha dimora abituale e residenza anagrafica in immobili diversi:

 - ubicati nello stesso Comune, l’esenzione Imu si applica soltanto ad un immobile;

- ubicati in Comuni diversi, l’esenzione Imu è applicabile a ciascun immobile in cui risulta la residenza anagrafica e la dimora abituale del proprietario e dei suoi familiari.

 Gli esperti di 50&PiùCaaf che rispondono alle vostre domande sono: 

Marco Chiudioni, Stefania De Agrò, Ada Martino, Romeo Melucci, Giuseppe Russo.

Questa rubrica, curata dai nostri esperti fiscali, risponde al quesito più significativo e di interesse generale pervenuto nel corso della settimana. Se hai una domanda fiscale scrivi a: comunicazione.esterna@50epiu.it.

Rivolgiti a 50&PiùCaaf per il tuo modello 730, penseremo noi a certificare la correttezza dei dati inseriti apponendo il visto di conformità che ti permetterà di beneficiare di tutte le detrazioni e deduzioni fiscali a cui hai diritto. Ogni anno oltre 800.000 lavoratori e pensionati scelgono il nostro Caaf.

 Clicca qui per conoscere la sede di 50&PiùCaaf a te più vicina

Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

A colf, badanti e baby-sitter un bonus di 500 euro per due mesi

E' operativo il bonus a favore dei lavoratori domestici in difficoltà a causa dell’emergenza coronavirus


Un’alleanza oggi per l’italia di domani

Il nostro Paese necessita di una strategia chiara per risolvere le conseguenze economiche portate dall’emergenza sanitaria


Il teatro è longevità, recitare è un elisir di lunga vita

Lo sanno bene i tanti attori che, oggi, calcano la scena ben oltre i supposti limiti di età


Covid-19: i dati conclusivi del sondaggio 50&Più

La ricerca racconta speranze e paure degli over 55, al tempo della pandemia


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.