Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


17
Trasformazione dell’invalidità civile in assegno sociale sostitutivo



Il passaggio è automatico, ma cosa accade se non è stato pagato nessun rateo di invalidità civile? La Corte di Cassazione chiarisce il quesito. 


 A cura di 50&PiùEnasco  

L’assegno sociale è un sussidio economico destinato alle persone che hanno redditi inferiori alle soglie minime definite dalla legge. La sua erogazione non è automatica: gli interessati che vogliono ottenere il sussidio devono presentare un’apposita domanda.

L’assegno sociale è concesso provvisoriamente sino a verifica delle condizioni di residenza e reddituali del richiedente. Vengono considerati il reddito personale per i non coniugati e il reddito cumulato con quello del coniuge, per i cittadini sposati. Tale verifica è realizzata annualmente, portando la concessione dell’assegno a rinnovarsi di anno in anno.

Anche l’assegno di invalidità civile è legato all’assegno sociale, infatti al compimento dei 65 anni di età (67 anni dal 2019), i sussidi assistenziali erogati per gli invalidi civili (totali e parziali) sono trasformati in assegno sociale.

A stabilirlo è l’art. 19 della legge 118/71 che definisce tale trasformazione come automatica: l’assegno mensile e pensione di inabilità diventano assegno sociale per tutti i soggetti che erano titolari precedentemente della provvidenza economica assistenziale. In modo analogo fa lo stesso l’art. 10 della legge 381/70 per i sordomuti titolari di pensione non reversibile.

Un modo per semplificare le misure assistenziali previste dal welfare, unificando in un’unica forma (l’assegno sociale appunto) le diverse forme di sussidio previste.

Nel caso degli invalidi civili e degli inabili i requisiti per l’assegno sociale sono un po’ diversi da quelli fissati per gli altri aventi diritto. Ad esempio, ai fini dell’erogazione dell’assegno sociale viene considerato solo il reddito personale del richiedente, anche se è sposato.

Anche i limiti di reddito sono diversi e corrispondono a quelli previsti per la richiesta dell’invalidità o dell’inabilità civile. Infine, l’assegno sociale per gli inabili e per gli invalidi è erogato sempre per intero e il suo importo per il 2019 è di 372,98 euro al mese (maggiorabile fino a 457,99 euro).

Chiarito che, uno dei requisiti per il conseguimento dell'assegno sociale sostitutivo è che il soggetto risulti titolare di una prestazione di invalidità civile (es. assegno mensile o pensione di inabilità civile) all'età di 65 anni, (67 anni nel 2019), che la trasformazione opera d'ufficio da parte dell'Inps, senza che l'invalido debba produrre alcuna domanda, cosa accade se l'invalido fa domanda per la concessione dell'invalidità civile pochi giorni prima del raggiungimento dell'età limite sopra prevista?

In questo caso, anche se l'interessato soddisfa tutti i requisiti per la concessione dell'invalidità civile, si pone il problema se gli possa essere riconosciuto il diritto all'assegno sociale sostitutivo, in quanto la decorrenza del trattamento è differita dalla legge al primo giorno del mese successivo alla domanda amministrativa. 

 


   In evidenza...

Dal 2019 servono 5 mesi in più per l’assegno sociale

A partire dal 1° gennaio 2019 per l’assegno sociale sostitutivo della pensione d’inabilità civile, per l’assegno mensile di assistenza agli invalidi parziali nonché per l’assegno sociale sostitutivo della pensione non reversibile ai sordi, il requisito anagrafico è innalzato di 5 mesi e, pertanto, l’età richiesta per poter accedere alle prestazioni in oggetto sarà pari a 67 anni rispetto ai 66 anni e 7 mesi previsti per il 2018. Lo rende noto l’Inps con un messaggio del 6 dicembre 2018.


 

 


Per qualsiasi problematica attinente l’argomento trattato, o per altra questione di natura previdenziale, il Patronato 50&PiùEnasco offre tutta la consulenza e l’assistenza necessarie.



Leggi qui tutti gli articoli della rubrica previdenza

 Gli esperti di 50&PiùEnasco che curano questa Rubrica sono:
 Paolo Daprelà, Filomena Ianni, Mauro Torciano, Daniela Toschetti.


50&PiùEnasco è un Istituto di Patronato e di Assistenza Sociale, presente su tutto il territorio nazionale e fornisce la propria assistenza gratuita nello svolgimento delle pratiche relative a tutte le tipologie di prestazioni erogate da INPS (comprensive di quelle a carico dei lavoratori pubblici - ex INPDAP - e dei lavoratori dello spettacolo - ex ENPALS, ENASARCO, INAIL, Ministero dell'Interno.


 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.


Stampa




 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Verifica dei redditi: invito ai pensionati

Entro il 31 marzo è necessario comunicare all’Inps i redditi del 2017 e del 2016. La mancata comunicazione comporta la sospensione delle prestazioni legate al reddito


Asseconda la tua creatività!

Al via le iscrizioni al Concorso di Prosa, Poesia, Pittura e Fotografia di 50&Più. C'è tempo fino al 12 aprile


Lucca vince il Trofeo delle Olimpiadi invernali 50&Più

Al secondo posto la squadra provinciale di Vicenza e al terzo la squadra della provincia di Genova


Quota 100: 50&PiùEnasco lancia un nuovo servizio

Sampaolo: “Per comprendere non solo se si ha diritto ma anche vantaggi e svantaggi della scelta”


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.