Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


25
Il nuovo Bonus verde e le altre detrazioni Irpef



C’è tempo fino al 31 dicembre 2018 per approfittare delle agevolazioni fiscali per la sistemazione degli spazi verdi, ristrutturazioni edilizie, risparmio energetico, bonus mobili.


a cura di 50&PiùCaaf

Con la Legge di Bilancio 2018 è stato ampliato il campo di applicazione della detrazione fiscale già prevista per le spese di ristrutturazione ed il risparmio energetico. Infatti, sono state inserite le spese per la sistemazione e copertura degli spazi verdi ad uso privato per le unità abitative, il cosiddetto bonus verde.

 In particolare il comma 12 dell’art. 1 della legge di Bilancio 2018 dispone che: 
“per l’anno 2018, ai fini delle imposte sui redditi delle persone fisiche, dall’imposta lorda si detrae un importo pari al 36 per cento delle spese documentate, fino ad un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 5.000 euro per unità immobiliare ad uso abitativo, sostenute ed effettivamente rimaste a carico dei contribuenti che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile sul quale sono effettuati gli interventi relativi alla: 

a) «sistemazione a verde» di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi; 
b) realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili”.

Può beneficiare della detrazione chi possiede o detiene, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile oggetto degli interventi e che ha sostenuto le relative spese. Hanno quindi diritto alla detrazione i contribuenti che risultano essere:

- proprietari o nudi proprietari; 
- titolari di diritti reali di godimento (usufruttuario, titolare del diritto di abitazione e d’uso);
- detentori (inquilino o comodatario). 

La detrazione è riconosciuta per gli interventi agevolabili effettuati su aree scoperte private di un edificio esistente. Ciò porta a ritenere non agevolabili le spese sostenute per la “sistemazione a verde” in fase di costruzione di un nuovo immobile. 

Il bonus verde spetta anche per le spese sostenute per interventi eseguiti sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali, fino a un importo massimo complessivo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo. In questo caso, ha diritto alla detrazione il singolo condomino nel limite della quota a lui imputabile, a condizione che la stessa sia stata effettivamente versata al condominio entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Non è detraibile il semplice acquisto di fiori e piante per il giardino e il terrazzo, ovvero i costi relativi all’ordinaria manutenzione del verde (periodico taglio dell’erba, potatura e pulizia). L’Agenzia delle Entrate ha chiarito, infatti, che la detrazione riguarda interventi straordinari di “sistemazione a verde”, con particolare riferimento alla fornitura e messa a dimora di piante ed arbusti di qualsiasi genere o tipo. Sono quindi da considerare agevolabili le opere che si inseriscono in un intervento relativo all’intero giardino, consistente nella “sistemazione a verde” ex novo o nel radicale rinnovamento dell’esistente.

Se sostenuta nell’ambito di tali interventi straordinari, anche la spesa per la collocazione di piante in vasi può risultare agevolabile.

La nuova detrazione IRPEF spettante è pari al 36% della spesa sostenuta, nel limite massimo di spesa pari a € 5.000. A tal fine va considerato che:

- possono essere ricomprese anche le spese di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi agevolati;
- il pagamento deve essere effettuato dall’ 01.01 al 31.12.2018 tramite strumenti idonei a consentire la tracciabilità delle operazioni.

Dalla formulazione della norma non risulta necessario effettuare il pagamento con bonifico. Il richiamo generico a strumenti di pagamento tracciabili porta infatti a ritenere possibile il pagamento anche con assegni o carte di credito, debito o bancomat. 

La detrazione va ripartita in 10 rate annuali di pari importo, a decorrere dall’anno di sostenimento (dal 2018 al 2027). La detrazione massima fruibile in ciascun anno ammonta quindi a € 180 (5.000 x 36% : 10).

Si evidenzia, infine, che in caso di cessione dell’unità immobiliare sulla quale sono stati eseguiti gli interventi agevolati, la detrazione non utilizzata passa all’acquirente, salvo diverso accordo delle parti; in caso di decesso, invece, dell’avente diritto, la detrazione non utilizzata si trasmette all’erede che conserva la detenzione materiale e diretta del bene.

   
   Cosa c'è da sapere...

Con la legge di Bilancio per l’anno 2018 è stata confermata la proroga della detrazione, nella misura del 65%, per gli interventi di riqualificazione energetica relativamente alle spese sostenute fino al 31.12.2018. 

Con la legge di Bilancio per l’anno 2018 è stata confermata la proroga della detrazione, nella misura del 65%, per gli interventi di riqualificazione energetica relativamente alle spese sostenute fino al 31.12.2018. 

Per gli interventi di seguito elencati, invece, la detrazione per le spese sostenute a partire dall’01/01/2018 è stata ridotta al 50%: 

- acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi;

- acquisto e posa in opera di schermature solari;

- acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, con l’importo massimo della detrazione pari a € 30.000;

- sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto ex Regolamento UE n. 811/2013.

La detrazione, inoltre, è esclusa se l’efficienza risulta inferiore alla suddetta classe A di prodotto.

Per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione, la detrazione in esame è riconosciuta nella misura del 65%, se l’efficienza risulta almeno pari alla citata classe A di prodotto e l’intervento prevede anche la contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti di cui alle classi V, VI o VIII della Comunicazione della Commissione 2014/C 207/02.

La detrazione è, inoltre, riconosciuta nella misura del 65% in caso di:

- sostituzione dell’impianto di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro;

- acquisto e posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione.

Per le spese relative agli interventi sulle parti comuni condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3 finalizzati congiuntamente:

- alla riduzione del rischio sismico;

- alla riqualificazione energetica;

è possibile fruire di una maggiore detrazione pari all’80% o all’85% della spesa sostenuta, a seconda che la riduzione del rischio sismico sia pari ad 1 o 2 classi, su un ammontare massimo di spesa pari a € 136.000 moltiplicato per il numero delle unità di ciascun edificio, da ripartire in 10 quote annuali. 

Per il 2018 è stata confermata anche la proroga, per le spese sostenute fino al 31.12.2018, della detrazione IRPEF per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio di cui all’art. 16-bis, TUIR:

- nella misura del 50%, anziché del 36%;

- su un importo massimo di € 96.000, anziché € 48.000.

Dal 2018 la stessa legge di bilancio ha introdotto l’obbligo di trasmettere all’Enea, entro 90 giorni della fine dei lavori, le informazioni sugli interventi di recupero del patrimonio edilizio che consentono di conseguire un risparmio energetico, analogamente a quanto già previsto per la riqualificazione energetica degli edifici. 

Ad oggi, 24 ottobre 2018, non è ancora possibile trasmettere all’Enea i dati relativi agli interventi edilizi realizzati nel 2018 che comportano un risparmio energetico (leggi la comunicazione sul sito dell’Enea http://www.acs.enea.it/invio/). 

È stata confermata, infine, la proroga fino al 31.12.2018 della detrazione IRPEF del 50% prevista a favore dei soggetti che sostengono spese per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici rientranti nella categoria A+ (A per i forni) finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di interventi di recupero del patrimonio edilizio, per il quale si fruisce della relativa detrazione.

Per poter fruire della detrazione relativamente alle spese sostenute nel 2018 è necessario che i lavori di recupero edilizio siano iniziati a decorrere dall’01.01.2017.

Come in passato la detrazione è fruibile in 10 quote annuali e l’ammontare massimo della spesa detraibile è pari ad € 10.000, indipendentemente dall’importo delle spese sostenute per i lavori di recupero del patrimonio edilizio


 

Grazie alla competenza dei suoi esperti fiscali, 50&PiùCaaf svolge un elevato servizio di assistenza apponendo il visto di conformità che, per i dati certificati, ti esonera da ogni incombenza e dai futuri controlli dell’Amministrazione Finanziaria sulla tua dichiarazione dei redditi Modello 730. Ogni anno oltre 800.000 lavoratori e pensionati scelgono il nostro Caaf.

 


 Per sapere come diventare socio 50&Più Clicca qui

 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.

Stampa

 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Pensioni: magra rivalutazione dal 2019

Nulla cambia, o quasi, per la rivalutazione automatica. Novità, invece, per i trattamenti medio-alti con il ripristino delle fasce di reddito previste dalla Legge 388


Tornano le Olimpiadi invernali di 50&Più

Sarà Sansicario, in provincia di Torino, ad ospitare la nuova edizione che si terrà dal 27 gennaio al 3 febbraio


Le grandi crociere di 50&Più

L’Oriente, fra spiagge e cultura: Singapore, Malesia e Thailandia con Costa Fortuna dal 29 gennaio al 5 febbraio 2019


Nuova sede del Patronato 50&PiùEnasco a Ottawa

Premiato con l'Aquila d'oro, l'imprenditore italo-canadese Angelo Filoso


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.