Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


12
E' possibile l'esenzione Imu se uno dei due coniugi lavora in un'altra città e vive nell'abitazione di proprietà dell'altro?

E' possibile beneficiare dell'esenzione Imu se uno dei due coniugi lavora in un'altra città e vive nell'abitazione di proprietà dell'altro?

 

Risposta a cura di 50&PiùCaaf




DOMANDA

Vorrei sapere se devo pagare l'Imu. La mia situazione è la seguente: vivo e lavoro a Firenze, mentre mia moglie lavora all'Università di Ferrara dove vive e risiede in una casa di mia proprietà comprata prima del matrimonio. Domanda: posso avere benefici fiscali prima casa sia a Firenze che a Ferrara? La circolare n° 3/DF del 18 maggio 2012 nel mio caso non è esaustiva. E nel caso di un comodato gratuito a mia moglie? Potrebbe essere una soluzione?

Grazie

 






       
       
   
 
Scrivi ai nostri esperti
di 50&Più Caaf, invia una mail a:
comunicazione.esterna@50epiu.it

Leggi qui gli altri quesiti fiscali
 
Nota trattamento dati personali
 


RISPOSTA 

L’imposta municipale propria (IMU) si applica al possesso di fabbricati, escluse le abitazioni principali classificate nelle categorie catastali diverse da A/1, A/8 e A/9, di aree fabbricabili e di terreni agricoli ed è dovuta dal proprietario o dal titolare di altro diritto reale (usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie).

La Circolare del Ministero dell’Economia e delle Finanze n. 3/DF del 18/5/2012 ha evidenziato che per “abitazione principale si intende l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l’abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile”.


Il contribuente, pertanto, non può applicare le agevolazioni prima casa per più di una unità immobiliare. Inoltre le predette agevolazioni sono applicabili unicamente in presenza del “doppio” requisito della residenza anagrafica e dimora abituale.

Se il nucleo familiare ha dimora abituale e residenza anagrafica in immobili diversi ubicati nello stesso Comune, l’esenzione IMU, per espressa previsione normativa, si applica soltanto ad un immobile. Il legislatore non ha, però, stabilito la medesima limitazione nel caso in cui gli immobili destinati ad abitazione principale siano ubicati in comuni diversi, poiché in tale ipotesi il rischio di elusione della norma è bilanciato da effettive necessità di dover trasferire la residenza anagrafica e la dimora abituale in un altro comune, ad esempio, per esigenze lavorative.

Tornando al suo quesito è bene evidenziare che il soggetto passivo ai fini IMU è unicamente il proprietario e/o il titolare di altro diritto reale. Nel suo caso se l’immobile a Ferrara è di sua esclusiva proprietà non potranno essere applicate le agevolazioni riservate alla prima casa. Al contrario se l’immobile a Ferrara fosse stato detenuto in comproprietà con sua moglie quest’ultima, sulla sua quota di possesso, avrebbe potuto usufruire delle agevolazioni prima casa al sussistere del doppio requisito della residenza anagrafica e dimora abituale. Anche in caso di comodato gratuito il soggetto passivo dell’imposta rimarrebbe sempre il “proprietario” e le agevolazioni prima casa non sarebbero comunque applicabili.

 

Cosa c'è da sapere


Limposta unica comunale (IUC), introdotta - a decorrere dall’anno 2014 - dal comma 639 dell’art. 1 della legge n. 147 del 2013, si basa su due presupposti impositivi: il primo costituito dal possesso di immobili e collegato alla natura e al valore degli stessi e il secondo collegato all’erogazione e alla fruizione di servizi comunali.

La IUC si compone dell’imposta municipale propria (IMU), dovuta dal possessore di immobili, e di una componente riferita ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore che dell'utilizzatore dell'immobile, e nella tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell’utilizzatore.
Le abitazioni principali sono escluse sia dall’IMU sia dalla TASI, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 che restano assoggettate a entrambe le imposte.

L’Imu e la Tasi, sono dovute in due rate: la prima va versata entro il 16 giugno (prorogata al 18/6/2018 cadendo di sabato) e la seconda il 16 dicembre. Per il calcolo della prima rata di acconto il versamento è effettuato sulla base dell’aliquota e delle detrazioni dei dodici mesi dell’anno precedente. Per il saldo, al 16 dicembre, il conguaglio dovrà essere calcolato sulla base della delibera pubblicata dal Comune sul portale del Ministero dell’Economia e delle finanze (MEF) entro il 28 ottobre di ciascun anno.

Gli esperti di 50&PiùCaaf che rispondono alle vostre domande sono:
Marco Chiudioni, Stefania De Agrò, Ada Martino, Romeo Melucci, Giuseppe Russo.


Questa rubrica, curata dai nostri esperti fiscali, risponde al quesito più significativo e di interesse generale pervenuto nel corso della settimana. Se hai una domanda fiscale scrivi
a: comunicazione.esterna@50epiu.it.

50&PiùCaaf svolge un qualificato servizio di assistenza fiscale certificato dal visto di conformità, garantito da una polizza assicurativa e dalla competenza dei suoi esperti fiscali. E' scelto ogni anno da oltre 800.000 lavoratori e pensionati.

 Clicca qui per conoscere la sede di 50&PiùCaaf a te più vicina

Stampa


 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Il reddito di inclusione per le fasce più deboli

Si chiama REI ed è in vigore dal 1° gennaio 2018. Si tratta di un bonus da 187,50 a 539,83 euro al mese in base alla dimensione del nucleo familiare


La quattordicesima, pagamento a luglio

Introdotta dalla Legge n. 127 del 2007 sulle pensioni di importo basso, sarà in pagamento dal prossimo 1° luglio


Lo sport dopo i 50 anni: tornano le Olimpiadi di 50&Più

Dal 15 al 23 settembre in Toscana a San Vincenzo (Li), presso il Life Resort Garden Toscana


Conto alla rovescia per il Concorso 50&Più

L'evento dedicato alla creatività degli over 50 si arricchisce di eventi collaterali. Tra gli ospiti Silvia Mezzanotte


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.