Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


11
APe Social: le novità per il 2018


La Legge di Stabilità ha ampliato la platea dei lavori gravosi: agli 11 già previsti si aggiungono marittimi, pescatori, lavoratori agricoli, siderurgici. I requisiti per fare domanda.

 


A cura di 50&PiùEnasco


Dell’Ape Social si è parlato tanto nell’ultimo anno. Su questa prestazione molti italiani hanno riposto la speranza di poter anticipare la pensione. La nuova Legge di Stabilità ha introdotto ulteriori novità sulla platea dei destinatari. Ecco allora una panoramica su tutte le categorie di lavoratori coinvolte e i requisiti necessari per accedere alla prestazione. Innanzitutto, è bene ricordare che l’Ape Social è un’indennità di natura assistenziale a carico dello Stato, (introdotta nel 2017), erogata dall’Inps in favore di soggetti in stato di bisogno che abbiano compiuto almeno 63 anni di età e che non siano già titolari di pensione diretta.

L’indennità è corrisposta, a domanda, fino al raggiungimento dell’età prevista per la pensione di vecchiaia. Il beneficio può essere richiesto dagli iscritti all’Assicurazione Generale Obbligatoria, alle forme sostitutive ed esclusive della stessa e alla Gestione Separata. Riguarda quindi tanto i lavoratori dipendenti del settore privato sia gli autonomi che i parasubordinati nonché i lavoratori del pubblico impiego, con esclusione però dei liberi professionisti iscritti presso le casse professionali. Vediamo quali sono i
requisiti e le condizioni.

 

Requisiti:
- 63 anni di età;
- una contribuzione minima di 30 anni per coloro che sono disoccupati, invalidi, assistono e convivono con un disabile;
- una contribuzione minima di 36 anni per i lavoratori che svolgono attività difficoltose o rischiose, di cui - almeno sei anni svolti in queste attività;
- non godere di pensione diretta;

Condizioni soggettive:
- stato di disoccupazione per licenziamento, anche collettivo, dimissioni giusta causa, risoluzione consensuale (procedura di cui all’art.7 della L. 604/1966).
- aver concluso da almeno 3 mesi di godere della prestazione per disoccupazione;
- assistenza da almeno sei mesi del coniuge, persona unita civilmente, parente di primo grado conviventi con handicap in situazione di gravità ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104;
- riduzione della
capacità lavorativa uguale o superiore al 74%;
- lavoratori dipendenti che, al momento della decorrenza dell’APe sociale, risultino svolgere o aver svolto in Italia, per almeno sei anni, in via continuativa,una o più attività lavorative particolarmente pesanti «lavoratori gravosi».

Lavoratori che svolgono attività gravose:
- operai dell’industria estrattiva, dell’edilizia e della manutenzione degli edifici;
- conduttori di gru o di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni;
- conciatori di pelli e di pellicce;
- conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante;
- conduttori di mezzi pesanti e camion;
- personale delle professioni sanitarie infermieristiche e ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni;
- addetti all’assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza;
- insegnanti della scuola dell’infanzia e educatori degli asili nido;
- facchini, addetti allo spostamento merci e assimilati;
- personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia;
- operatori ecologici e altri raccoglitori e separatori di rifiuti.

Novità 2018

La prima delle novità introdotte con l’emendamento del Governo alla Legge di Stabilità è l’ampliamento della platea dei lavori gravosi: agli 11 già previsti si aggiungono marittimi, pescatori, lavoratori agricoli, siderurgici. In tutto 15 categorie. L’allargamento della platea riguarda sia l’Ape Sociale sia la pensione anticipata precoci.

Seconda novità riguarda il beneficio per le donne con figli, infatti avranno un anno di sconto per ogni figlio, sul requisito contributivo di accesso, fino a un massimo di due anni.

 


 


   In evidenza...


Le 15 mansioni gravose interessate all’APe Social





Per qualsiasi problematica attinente l’argomento trattato, o per altra questione di natura previdenziale, il Patronato 50&PiùEnasco offre in via del tutto gratuita la consulenza e l’assistenza necessaria.



Leggi qui tutti gli articoli della rubrica previdenza

 Gli esperti di 50&PiùEnasco che curano questa Rubrica sono:
 Paolo Daprelà, Filomena Ianni, Mauro Torciano, Daniela Toschetti.

50&PiùEnasco è un Istituto di Patronato e di Assistenza Sociale, presente su tutto il territorio nazionale e fornisce la propria assistenza gratuita nello svolgimento delle pratiche relative a tutte le tipologie di prestazioni erogate da INPS (comprensive di quelle a carico dei lavoratori pubblici - ex INPDAP - e dei lavoratori dello spettacolo - ex ENPALS, ENASARCO, INAIL, Ministero dell'Interno.

 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.


Stampa

 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

A Venezia il Trofeo delle Olimpiadi 50&Più

Lecce, scende di un gradino e si classifica seconda, al terzo posto la squadra di Belluno. VIDEO


Al via la 25° edizione delle Olimpiadi 50&Più

Gabriella Dorio e Marcello Guarducci accendono il braciere olimpico e agli atleti dicono: "Non fermatevi mai!"


Flat tax: solo un problema di finanza pubblica?

I benefici maggiori della nuova tassazione dovrebbero interessare i redditi medi, anche se resta qualche dubbio sulle coperture finanziarie


Mostra del Cinema: al Lido i Corti di Lunga Vita

Presentazione del Concorso di cortometraggi di 50&Più in collaborazione con la Fondazione Ente dello Spettacolo


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.