Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


13
Pensionati al lavoro

Gli over 60 impegnati in una attività lavorativa nel 2017 sono il 14,1%, un aumento del 3,6% sul 2008 . Per il 34,5% degli over 50 continuare a lavorare dopo la pensione è una concreta possibilità. Lo evidenzia uno studio di Ermeneia – Studi & Strategie di Sistema per conto dell’Associazione 50&Più.

Lavorare dopo la pensione? E’ una realtà che oggi riguarda il 14,1% dei pensionati italiani, più 3,6% rispetto al 2008 quando erano il 10,5% . E’ quanto emerge dalla ricerca “La responsabilità di diventare un anziano attivo” realizzata da Ermeneia – Studi & Strategie di Sistema per conto dell’Associazione 50&Più, condotta su un campione di 1.700 individui, uomini e donne, dai 50 ai 70 anni e oltre, distribuito su tutto il territorio nazionale.

L’impegno lavorativo dei pensionati sembrerebbe destinato a salire, visto che la propensione al prolungamento della vita lavorativa dopo l’entrata in quiescenza interessa una parte significativa degli intervistati: il 34,5% dell’intero campione ritiene “certamente e/o probabilmente utile e/o necessario” svolgere un’attività di lavoro dopo la pensione. Nello specifico lo è per il 38,3% dei 50-59enni e per il 35,8% dei 60-69enni. La percentuale si mantiene elevata anche per i 70enni e oltre (29,9%).

Le motivazioni
Le ragioni che spingono a intraprendere una attività lavorativa oltre i limiti anagrafici del pensionamento sono le più varie. La motivazione principale è per il semplice piacere di continuare a essere attivo anche tramite il lavoro. La pensa così il 50,3% degli intervistati, più gli uomini (53,1%) che le donne (46,8%). Ma c’è anche la necessità di poter disporre di un reddito ulteriore rispetto alla pensione per il 45,9% degli intervistati, percentuale che sale al 57,2% nella fascia di età 50-59 anni. Non solo: il 16,2% degli uomini e 13,2% delle donne, vede il lavoro come un modo per rimanere aggiornati su quanto avviene nel mondo. Inoltre, lavorare anche da pensionato permette di avere un ruolo sociale più importante (per il 16,6% degli uomini e l’11,5% delle donne). Infine, il 10% degli intervistati continua o continuerà a lavorare perché ha un’azienda o un’attività autonoma.


«Dietro ai dati sul forte aumento dell’occupazione degli ultracinquantenni, diffusi anche in questi giorni dall’Istat, c’è anche il desiderio o la necessità di doversi impegnare nel lavoro anche dopo la pensione, commenta Gabriele Sampaolo, segretario generale di 50&Più. D’altra parte – prosegue – dobbiamo fare i conti sia con il progressivo aumento dell’innalzamento della speranza di vita sia con la prospettiva di ricevere pensioni più magre. Pertanto, pur non rinunciando a perseguire un giusto trattamento pensionistico, è del tutto legittimo restare attivi anche attraverso una attività lavorativa che segua le proprie attitudini e aspirazioni».
Stampa


 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Concorso 50&Più: Farfalle e Libellule d'oro 2018

Proclamati i vincitori della XXXVI edizione del Concorso Prosa, Poesia, Pittura e Fotografia. VIDEO


Concorso 50&Più, le prime premiazioni

I 4 supervincitori del Concorso 50&Più 2017 votati dai lettori della rivista 50&Più e del sito 50epiu.it


Al via il Concorso 50&Più

A Salsomaggiore Terme (Pr) da tutta Italia per la finalissima di Prosa, Poesia, Pittura e Fotografia


Pensioni: superare la “Legge Fornero”

Tra le proposte sul tavolo del nuovo Governo c’è la cosiddetta quota 100 per il ritiro dall’attività lavorativa


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.