Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


24
Come trasformare l’assegno ordinario di invalidità in pensione di vecchiaia


La trasformazione dell'assegno ordinario di invalidità a pensione di vecchiaia avviene automaticamente. Sarà l’Inps che verificherà la sussistenza dei requisiti contributivi, ovvero 20 anni, al momento dell’età pensionabile. In alternativa, va presentata apposita domanda entro 120 giorni dal raggiungimento dei requisiti previsti.


A cura di 50&PiùEnasco


Per i lavoratori del mondo privato, sia autonomi sia dipendenti, l’ordinamento prevede che l’assegno ordinario di invalidità si trasformi in pensione di vecchiaia al perfezionamento dei requisiti anagrafici e contributivi previsti dalla nuova Legge 214/2011 (Legge Monti–Fornero). La peculiarità dell’assegno ordinario di invalidità, riconosciuto a causa di una infermità pari a meno di un terzo, ha una durata massima di tre anni e rinnovabile dall’interessato previo superamento di un’ulteriore visita medica nel semestre precedente la scadenza.

L’assegno ordinario di invalidità diventa definitivo se viene confermato per tre volte, trascorsi quindi 9 anni. Il comma 10, dell’art. 1 della Legge 12 giugno 1984, n. 222, prevede che, al compimento dell’età stabilita per il diritto a pensione di vecchiaia, l’assegno ordinario di invalidità si trasforma, in presenza dei requisiti di assicurazione e contribuzione, in pensione di vecchiaia. Un principio da tenere presente in quanto, una volta operata la trasformazione, il lavoratore non sarà più soggetto al rischio di vedersi revocato l’assegno per il venir meno del requisito sanitario (cioè la perdita o la riduzione della capacità lavorativa ) connessa a tale prestazione.

Nell’ipotesi in cui non sia possibile procedere alla trasformazione dell’assegno ordinario di invalidità in pensione di vecchiaia, l'assegno deve essere mantenuto in pagamento fino al momento in cui, per effetto di eventuali ulteriori periodi di contribuzione e della valutazione dei periodi di godimento dell'assegno, risulteranno conseguiti i requisiti previsti per procedere alla liquidazione d’ufficio della pensione di vecchiaia.

L’importo della pensione trasformata da assegno ordinario di invalidità in pensione di vecchiaia non potrà essere inferiore a quello dell’assegno in pagamento al momento della trasformazione. In ottemperanza alla previsione legislativa, l'importo della pensione di vecchiaia calcolato secondo le norme comuni, deve essere posto a raffronto con l'importo dell'assegno in pagamento alla data di compimento dell'età pensionabile (o del conseguimento dei requisiti di assicurazione e di contribuzione se posteriore), mettendo in pagamento, a titolo di pensione di vecchiaia, il maggiore dei due importi. Gli assegni di invalidità, con decorrenza successiva al 17/08/1995, possono essere ridotti in base all’ammontare dei redditi (dall’art. 1, comma 42, L. n. 335/1995).

AMMONTARE DEI REDDITI

PERCENTUALI DI RIDUZIONE

Reddito superiore a 4 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l'importo mensile in vigore al 1° gennaio.

25 %
dell'importo dell'assegno

Reddito superiore a 5 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l'importo mensile in vigore al 1° gennaio.

50 %
dell'importo dell'assegno

 

Al momento della domanda di AOI (assegno ordinario di invalidità), e per gli anni successivi, deve essere presentata una dichiarazione reddituale attestante i redditi percepiti nello stesso anno al fine di determinare l'esatta misura della riduzione da operare sull'assegno.

Gli assegni ordinari di invalidità concessi con decorrenza anteriore al 1.9.1995 vengono mantenuti in pagamento nello stesso importo.

Se l'assegno ridotto resta comunque superiore al minimo Inps può subire un secondo taglio. Ciò dipende dal numero dei contributi sulla base dei quali è stato calcolato:

  • con almeno 40 anni di contributi non c'è alcuna trattenuta aggiuntiva, in questo caso l'assegno è interamente cumulabile con il reddito da lavoro dipendente o autonomo, come previsto per le pensioni di vecchiaia e di anzianità;

  • con meno di 40 anni di contributi scatta la seconda trattenuta che varia a seconda che il reddito provenga da lavoro dipendente o autonomo. Nel primo caso è pari al 50% della quota eccedente il minimo Inps. Nel secondo caso, invece, è pari al 30% della quota eccedente il minimo, e comunque non può essere superiore al 30% del reddito prodotto.

Pertanto, alla luce di quanto indicato, la trasformazione da assegno ordinario a pensione di vecchiaia ne discendono anche altri due vantaggi da non trascurare:

1) il pensionato potrà cumulare senza alcun limite la pensione con eventuali redditi da lavoro, sia dipendente che autonomo (come accennato nella tabella, l’assegno di invalidità è cumulabile solo parzialmente con eventuali redditi da lavoro attraverso un meccanismo di decurtazione della pensione stessa);

2) in caso di decesso del pensionato gli eredi avranno diritto alla pensione di reversibilità (l’assegno di invalidità non è, infatti, reversibile nei confronti degli eredi i quali, nel caso di decesso di lavoratore titolare di AOI dovranno verificare la sussistenza dei requisiti contributivi per la pensione indiretta).

La trasformazione della pensione di invalidità in pensione di vecchiaia avviene automaticamente senza la necessità di presentare la domanda, infatti sarà lo stesso Istituto che al momento dell’età pensionabile che dovrà verificare la sussistenza dei requisiti contributivi (20 anni) e, in caso di accertamento positivo, a provvedere alla trasformazione dell’assegno.

In alternativa va presentata domanda di trasformazione entro 120 giorni dal raggiungimento del requisito previsto d’età e contribuzione per la pensione di vecchiaia.

 


   In evidenza...


Per la trasformazione sono utili anche i periodi non lavorati


I periodi di godimento dell'assegno per i quali non sia stata prestata attività lavorativa devono essere considerati utili ai fini del perfezionamento dei requisiti di contribuzione e di assicurazione.

Esempio:

Il Sig. Tizio il 1° novembre 2017 compie 66 anni e 7 mesi (età prevista per la vecchiaia) e percepisce un assegno di invalidità con 20 anni di contribuzione effettiva; inoltre, ha per 7 anni percepito l’assegno ordinario di invalidità senza aver mai prestato attività lavorativa.

Hai fini del diritto alla pensione di vecchiaia l’Inps (avendo raggiunto l’età prevista per la vecchiaia) gli accrediterà 27 anni di anzianità.

La prestazione però sarà calcolata esclusivamente sui 20 anni di contribuzione senza tenere conto dei 7 anni di contribuzione “fittizia”.







Per qualsiasi problematica attinente l’argomento trattato, o per altra questione di natura previdenziale, il Patronato 50&PiùEnasco offre in via del tutto gratuita la consulenza e l’assistenza necessaria.



Leggi qui tutti gli articoli della rubrica previdenza

 Gli esperti di 50&PiùEnasco che curano questa Rubrica sono:
 Paolo Daprelà, Filomena Ianni, Mauro Torciano, Daniela Toschetti.

50&PiùEnasco è un Istituto di Patronato e di Assistenza Sociale, presente su tutto il territorio nazionale e fornisce la propria assistenza gratuita nello svolgimento delle pratiche relative a tutte le tipologie di prestazioni erogate da INPS (comprensive di quelle a carico dei lavoratori pubblici - ex INPDAP - e dei lavoratori dello spettacolo - ex ENPALS, ENASARCO, INAIL, Ministero dell'Interno.

 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.


Stampa
 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Pensioni: tornano a crescere, ma di poco

Dal prossimo gennaio è previsto un aumento dell’1,1% sull’attuale importo. Un valore modesto


Pensionati al lavoro

Gli over 60 impegnati in una attività lavorativa nel 2017 sono il 14,1%, un aumento del 3,6% sul 2008


Speciale Colombia e Panama

Un tour tra storia e modernità. Con 50&Più Turismo dall'11 al 22 marzo 2018


Chi vincerà il Trofeo invernale?

L’appuntamenton con le Olimpiadi 50&Più è ad Andalo (Tn) dal 28 Gennaio al 4 Febbraio 2018


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.