Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


07
Box pertinenziale: sono previste detrazioni fiscali per l’acquisto da un privato? Ed è possibile recuperare quelle del 2008?

Box pertinenziale: sono previste detrazioni fiscali per l’acquisto da un soggetto privato? Ed è possibile recuperare quelle relative alle spese sostenute nel 2008?



Risposta a cura di 50&PiùCaaf



DOMANDA

 

Ho acquistato un appartamento nel dicembre 2008 da una impresa costruttrice con relative pertinenze: in quella data, potevo usufruire della detrazione fiscale per l’acquisto del box e del posto auto?

Al momento sto acquistando da un soggetto privato un appartamento con un box pertinenziale. posso usufruire della detrazione fiscale?

Grazie








       
       
   
 
Scrivi ai nostri esperti
di 50&Più Caaf, invia una mail a:
comunicazione.esterna@50epiu.it

Leggi qui gli altri quesiti fiscali
 
Nota trattamento dati personali
 


RISPOSTA

Le istruzioni alla compilazione della dichiarazione dei redditi per l’anno d’imposta 2008 (modello 730 e modello Unico PF), chiarivano espressamente che era possibile usufruire della detrazione per interventi di ristrutturazione edilizia (articolo 1, commi 17-19, legge 244/2007) anche da parte degli acquirenti di box o posti auto pertinenziali già realizzati, con esclusivo riferimento ai costi sostenuti per la realizzazione, sempre che gli stessi venivano comprovati dall’attestazione rilasciata dall’impresa costruttrice.

Tra i vari adempimenti obbligatori occorreva effettuare i pagamenti con bonifico bancario e/o postale ed inviare, dopo il rogito, la prescritta comunicazione al Centro operativo di Pescara.

Se a suo tempo non è stata rispettata la procedura per accedere ai benefici fiscali, non è più possibile ricorrere ora alla detrazione del 36%(articolo 1, commi 17-19, legge 244/2007) per un acquisto effettuato nel 2008.

Venendo all’acquisto del box che lei sta effettuando, occorre fare presente che, se si tratta di acquisto da soggetto privato e non di acquisto di box pertinenziale di nuova costruzione, le agevolazioni fiscali non trovano applicazione (ex articolo 16-bis del Tuir, Dpr 917/1986).

 


Cosa c’è da sapere...

Acquisto box, quando spetta l’agevolazione

Oltre che per gli interventi relativi alla realizzazione di autorimesse e posti auto, possono usufruire della detrazione d’imposta anche gli acquirenti di box o posti auto pertinenziali già realizzati.

La detrazione per l’acquisto del box spetta limitatamente alle spese sostenute per la sua realizzazione e sempre che le stesse siano dimostrate da apposita attestazione rilasciata dal venditore.

La condizione essenziale per usufruire dell’agevolazione è, comunque, la sussistenza del vincolo pertinenziale tra l’abitazione e il box.


Casi particolari

Nel caso in cui l’atto definitivo di acquisto sia stipulato successivamente al versamento di eventuali acconti, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che, in relazione ai pagamenti effettuati con bonifico bancario o postale, la detrazione d’imposta spetta solo se è stato regolarmente registrato un compromesso di vendita dal quale risulti la sussistenza del vincolo pertinenziale tra l’edificio abitativo e il box.

Se manca un preliminare di acquisto registrato, eventuali pagamenti effettuati con bonifico prima dell’atto notarile non sono ammessi in detrazione. In questo caso, infatti, al momento del pagamento non è ancora riscontrabile l’effettiva sussistenza del vincolo pertinenziale richiesto dalla norma.

Tale condizione può essere considerata comunque realizzata nell’ipotesi particolare in cui il bonifico viene effettuato nello stesso giorno in cui si stipula l’atto, ma in un orario antecedente a quello della stipula stessa (risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 7/E del 13 gennaio 2011).

Per gli acquisti contemporanei di casa e box con unico atto notarile, indicante il vincolo di pertinenza del box con la casa, l’acquirente può usufruire della detrazione sulle spese di realizzazione del medesimo, se specificamente documentate. A queste regole generali sono seguite ulteriori considerazioni dell’Agenzia, fatte con la circolare n. 43/E del 18 novembre 2016, a proposito della possibilità di usufruire della detrazione nei casi in cui siano stati effettuati pagamenti prima della stipula dell’atto notarile o quando manca un preliminare d’acquisto registrato, dai quali sia possibile rilevare il vincolo pertinenziale tra box e abitazione. In particolare, l’Agenzia ha ritenuto di poter riconoscere il beneficio fiscale anche in tali situazioni, ma a una specifica condizione: il vincolo deve risultare costituito e riportato nel contratto prima della data di presentazione della dichiarazione dei redditi nella quale il contribuente chiede la detrazione.

Più in generale, è possibile per l’acquirente di un box pertinenziale beneficiare della detrazione per gli importi versati in acconto sull’acquisto dell’immobile se alla data di presentazione della dichiarazione dei redditi è stato registrato il preliminare di acquisto (o il rogito).


Spese pagate senza bonifico

Sempre con la circolare n. 43/E del 18 novembre 2016, l’Agenzia delle Entrate è intervenuta per fornire istruzioni in merito alla detrazione dell’acquisto del box auto nei casi in cui il pagamento non sia stato disposto mediante bonifico. Con questo documento ha precisato che il contribuente può ugualmente fruire della detrazione, anche in assenza di pagamento mediante bonifico, a condizione che:


- nell’atto notarile siano riportate le somme ricevute dall’impresa che ha ceduto il box pertinenziale;

- ottenga dal venditore, oltre alla certificazione sul costo di realizzo del box, una dichiarazione sostitutiva di atto notorio con cui attesta che i corrispettivi accreditati a suo favore sono stati inclusi nella contabilità dell’impresa.


(fonte: Agenzia delle Entrate – Guida alle Ristrutturazione edilizie –aggiornata al 22 Settembre 2017).

 



 

Gli esperti di 50&PiùCaaf che rispondono alle vostre domande sono: Marco Chiudioni, Stefania De Agrò, Ada Martino, Romeo Melucci, Giuseppe Russo.


Questa rubrica, curata dai nostri esperti fiscali, risponde al quesito più significativo e di interesse generale pervenuto nel corso della settimana. Se hai una domanda fiscale scrivi
a: comunicazione.esterna@50epiu.it.

50&PiùCaaf svolge un qualificato servizio di assistenza fiscale certificato dal visto di conformità, garantito da una polizza assicurativa e dalla competenza dei suoi esperti fiscali. E' scelto ogni anno da oltre 800.000 lavoratori e pensionati.

 Clicca qui per conoscere la sede di 50&PiùCaaf a te più vicina

Stampa
 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

A Venezia si tiene GoldAge, il forum degli over 50

L'appuntamento è dal 14 al 17 novembre. Tra gli ospiti, l’astronauta Umberto Guidoni e il regista Pupi Avati. VIDEO


In 50 per le Semifinali di Italia In... canto

A Roma l’evento che selezionerà i 20 finalisti dell’unico talent dedicato agli over 50


Pensioni: torna la rivalutazione

Dopo anni di blocco e inflazione negativa, i pensionati potranno ottenere da gennaio 2018 un incremento dell’1,3% sull'importo attuale


ISEE: i Caf scrivono all’Inps

Lettera al presidente Inps, Tito Boeri, per scongiurare il rischio dell’interruzione del servizio delle dichiarazioni


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.