Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


02
Ape Social e precoci: cosa accadrà alle tante domande respinte?


L'Inps procederà al riesame d'ufficio delle domande rifiutate. La categoria più numerosa riguarda i lavoratori che nel corso del periodo di disoccupazione hanno svolto una qualche forma di occupazione. Sono oltre 34 mila, di questi forse 10 mila avranno il pensionamento anticipato. Iter del riesame più lungo per chi ha svolto attività gravose.


A cura di 50&PiùEnasco



L'Inps ha completato, entro la data prevista del 15 ottobre, le operazioni di verifica delle domande di riconoscimento delle condizioni di accesso ai benefici per i richiedenti l'APE social o l'accesso alla pensione anticipata per i lavoratori precoci.

Dal controllo effettuato è risultato che molte domande di Ape Social sono state respinte: molti lavoratori si sono visti rifiutare la domanda perché avevano lavorato due o tre giorni con il lavoro interinale o con voucher, mantenendo comunque lo status di disoccupati.

Questo è solo un esempio, i casi sono tanti e la maggior parte delle respinte sono inesatte. Infatti, su un totale di 66.000 domande di accesso all’Ape social o alla pensione anticipata per i lavoratori precoci, il 70% è stato rifiutato. In base alle ultime novità, l’Inps ora dovrà riesaminare le istanze scartate.

Lo rende noto l'Istituto di previdenza, sottolineando che "alla luce dei nuovi indirizzi interpretativi" da parte del Ministero del Lavoro su alcune categorie di lavoratori, l'Inps "procederà al riesame delle istruttorie relative" e che "in caso di eventuale esito positivo del riesame stesso, sarà trasmesso d'ufficio agli interessati il provvedimento di certificazione del diritto al beneficio richiesto".

Il riesame d’ufficio potrà riguardare i disoccupati esclusi, con l’accoglimento anche delle domande di coloro che durante la disoccupazione hanno avuto periodi di occupazione attraverso voucher, lavoro in somministrazione, lavoro a termine. È la categoria più numerosa (oltre 34mila domande) e si potrà forse arrivare alla riammissione di circa 10mila persone. Il problema più serio però, riguarda le cosiddette attività gravose, infatti dall’Inps si attribuisce la «colpa» delle numerose esclusioni (oltre la metà delle 15mila domande) ai responsi di Inail e dello stesso Ministero, dunque, l’Istituto provvederà ad inviare gli elenchi dei bocciati al Ministero perché si provveda a ammetterli in graduatoria.

Con un altro messaggio, l’Inps ha chiarito che il requisito contributivo per accedere all’Ape potrà comprendere anche i contributi per il lavoro all’estero in Paesi europei convenzionati con Italia, ma il lavoratore ne deve chiedere la totalizzazione. La precedente indicazione, quindi, dell’Istituto che escludeva i contributi esteri viene a cadere.

I riesami, ha spiegato l’Inps, "non incideranno sulla decorrenza del trattamento richiesto, che per il 2017 rimarrà agganciata alla data di maturazione dei requisiti e delle condizioni di legge".

 

 



   In evidenza...


Le prossime scadenze

L’Ape Social, è un anticipo pensionistico che viene riconosciuto prima che sia maturata l’età pensionistica (di vecchiaia) e riguarda categorie di lavoratori che hanno diritto a tutele specifiche.Tali diritti sono stati introdotti con la legge 11 dicembre 2016, n. 232, Legge di bilancio 2017.

L'anticipo di pensione sotto forma di assegno fino a 1.500 euro mensili a carico dello Stato, viene concesso già a 63 anni prima del compimento dei requisiti per la pensione di vecchiaia (66 e 7 mesi) e con almeno 30 anni di contribuzione. Chi ha maturato i requisiti dopo la chiusura del termine per l'inoltro della domanda (15 luglio) può presentare domanda entro il 30 novembre. Mentre chi li matura entro il 2018, deve presentare la domanda entro il 31 marzo 2018.





Per qualsiasi problematica attinente l’argomento trattato, o per altra questione di natura previdenziale, il Patronato 50&PiùEnasco offre in via del tutto gratuita la consulenza e l’assistenza necessaria.



Leggi qui tutti gli articoli della rubrica previdenza

 Gli esperti di 50&PiùEnasco che curano questa Rubrica sono:
 Paolo Daprelà, Filomena Ianni, Mauro Torciano, Daniela Toschetti.

50&PiùEnasco è un Istituto di Patronato e di Assistenza Sociale, presente su tutto il territorio nazionale e fornisce la propria assistenza gratuita nello svolgimento delle pratiche relative a tutte le tipologie di prestazioni erogate da INPS (comprensive di quelle a carico dei lavoratori pubblici - ex INPDAP - e dei lavoratori dello spettacolo - ex ENPALS, ENASARCO, INAIL, Ministero dell'Interno.

 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.

Stampa
 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

A Venezia si tiene GoldAge, il forum degli over 50

L'appuntamento è dal 14 al 17 novembre. Tra gli ospiti, l’astronauta Umberto Guidoni e il regista Pupi Avati. VIDEO


In 50 per le Semifinali di Italia In... canto

A Roma l’evento che selezionerà i 20 finalisti dell’unico talent dedicato agli over 50


Pensioni: torna la rivalutazione

Dopo anni di blocco e inflazione negativa, i pensionati potranno ottenere da gennaio 2018 un incremento dell’1,3% sull'importo attuale


ISEE: i Caf scrivono all’Inps

Lettera al presidente Inps, Tito Boeri, per scongiurare il rischio dell’interruzione del servizio delle dichiarazioni


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.