Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


21
Part-time e calcolo dell’anzianità contributiva



In caso di part-time verticale, 8 ore al giorno per 6 mesi l’anno, si hanno penalizzazioni sulla futura pensione? Sulla questione si è espressa anche la Cassazione. Gli esperti del Patronato 50&PiùEnasco affrontano un caso specifico.

A cura di 50&PiùEnasco
 
DOMANDA

Sto concordando un’assunzione con contratto a tempo indeterminato part-time verticale, infatti mi è stato offerto di lavorare a tempo pieno (8 ore) per soli 6 mesi all’anno; se dovessi accettare tale proposta, avrò delle penalizza­zioni in termini pensionistici? Nello specifico come verranno considerati dall’Inps i 6 mesi in cui non lavorerò?

Grazie

 





 

RISPOSTA
Il quesito che ci pone è molto interessante, infatti sono diverse le sentenze che si sono espresse al riguardo. La disciplina comunitaria del sistema contributivo e pensionistico è dettata dalle direttiva CE 97/81, secondo cui l’anzianità contributiva utile ai fini della determinazione della data di acquisizione del diritto alla pensione deve essere calcolata per il lavoratore a tempo parziale, come se quest’ultimo fosse occupato a tempo pieno e, quindi, prendendo in considerazione anche i tempi non lavorati.

Solo qualora la prestazione lavorativa sia stata interrot­ta o sospesa per un impedimento, i perio­di di tempo non lavorati non rilevano sul calcolo dell’anzianità contributiva; inve­ce, se l’impiego è continuativo, non può esserci interruzione nell’anzianità contri­butiva.

L’Inps, invece, gestisce questi rapporti accre­ditando la contribuzione solo per i  mesi durante cui la prestazione viene svolta, considerando sospeso il rapporto di lavo­ro per i restanti  mesi, creando in capo ai dipendenti un vuoto rilevante ai fini della maturazione del diritto alla pensione.

Il Tribunale di Padova riconosce l’illegittimità della condotta dell’Inps, applicando il principio di diritto già elaborato, in relazione a una controversia di contenuto analogo, dalla Corte di Cassazione (con le sentenze n. 2467/2015 e n. 8565/2016); conferma questi principi, ricordando che l’eventuale disparità di trattamento sarebbe consentita solo in presenza di ragioni obiettive, del tutto assenti nella fattispecie; i periodi non lavorati, osserva il Giudice, nell’ambito del part time verticale ciclico costituiscono una normale modalità di esecuzione del contratto, e non si atteggiano come una sospensione o una interruzione dello stesso, in quanto il part time non comporta una sospensione dell’impiego.

Atteso che, nei contratti a tempo parziale verticale ciclico, il rapporto di lavoro perdura anche nei periodi di sosta (tale da impedire di considerare costituzionalmente obbligata una tutela previdenziale integrativa della retribuzione nei periodi di inattività, non spettando infatti né indennità di disoccupazione, Corte di Cassazione, Sezioni Unite, n. 1732/2003, né indennità di malattia, Corte di Cassazione n. 12087/2003), i periodi non lavorativi non possono esser esclusi dal calcolo dell’anzianità contributiva necessaria ad acquisire il diritto alla pensione.

Il rapporto di lavoro part time ha invece delle ripercussioni sulla misura della pen­sione, poiché la retribuzione viene ripro­porzionata all’effettivo orario di lavoro svolto e, conseguentemente, anche i contributi previdenziali saranno versati in misura inferiore.

In attesa che l’Istituto recepisca la direttiva della Cassazione, l’unico strumento da mettere in atto, qualora ci si trovasse nella situazione sopra descritta, è il ricorso giudiziale.

Per qualsiasi problematica attinente l’argomento trattato, o per altra questione di natura previdenziale, il Patronato 50&PiùEnasco offre in via del tutto gratuita la consulenza e l’assistenza necessaria.

Leggi qui tutti gli articoli della rubrica previdenza

  Gli esperti di 50&PiùEnasco che curano questa Rubrica sono:
 Paolo Daprelà, Filomena Ianni, Mauro Torciano, Daniela Toschetti.

50&PiùEnasco è un Istituto di Patronato e di Assistenza Sociale, presente su tutto il territorio nazionale e fornisce la propria assistenza gratuita nello svolgimento delle pratiche relative a tutte le tipologie di prestazioni erogate da INPS (comprensive di quelle a carico dei lavoratori pubblici - ex INPDAP - e dei lavoratori dello spettacolo - ex ENPALS, ENASARCO, INAIL, Ministero dell'Interno.


 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.

Stampa
 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Pensioni: tornano a crescere, ma di poco

Dal prossimo gennaio è previsto un aumento dell’1,1% sull’attuale importo. Un valore modesto


Pensionati al lavoro

Gli over 60 impegnati in una attività lavorativa nel 2017 sono il 14,1%, un aumento del 3,6% sul 2008


Speciale Colombia e Panama

Un tour tra storia e modernità. Con 50&Più Turismo dall'11 al 22 marzo 2018


Chi vincerà il Trofeo invernale?

L’appuntamenton con le Olimpiadi 50&Più è ad Andalo (Tn) dal 28 Gennaio al 4 Febbraio 2018


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.