Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


04
TAX Compliance 2017



Sono oltre 300mila le lettere inviate dall’Agenzia delle Entrate ai contribuenti per informarli di possibili errori o dimenticanze rilevate nella dichiarazione dei redditi presentata nel 2014 per i redditi 2013.



a cura di 50&PiùCaaf

 

In analogia allo scorso anno, l’Agenzia delle Entrate con un comunicato stampa del 30 giugno 2017 ha reso noto che, nell’ambito dell’attività di compliance, al fine di favorire la collaborazione tra Fisco e contribuente e di promuovere l’adempimento spontaneo degli obblighi tributari, sta inviando una nuova tranche di comunicazioni, per permettere ai contribuenti di ravvedersi su eventuali errori commessi in sede dichiarativa. Le comunicazioni saranno in tutto circa 300mila, inviate già a partire dal mese di maggio e fino alla metà di settembre, e fanno seguito ai controlli eseguiti sulle dichiarazioni dei redditi presentate dalle persone fisiche per il periodo d’imposta 2013 (Modello 730/2014 ovvero Modello Unico 2014), sulle quali sono state rilevate alcune anomalie.

 

Si tratta di anomalie che l’Agenzia delle Entrate ha riscontrato a seguito dell’incrocio con i dati   relativi, ad esempio, a redditi dei fabbricati (derivanti dalla locazione di immobili, imponibili a tassazione ordinaria o soggetti a cedolare secca), redditi di lavoro dipendente e assimilati(inclusi gli assegni periodici corrisposti dal coniuge o ex coniuge), redditi prodotti in forma associata (derivanti dalla partecipazione in società di persone ovvero in associazioni tra artisti e professionisti), redditi derivanti dalla partecipazione in società a responsabilità limitata in trasparenza, che risulterebbero non dichiarati nella dichiarazione UNICO 2014 o 730/2014.

 

Tali anomalie in passato sarebbero state oggetto, sin da subito, di un avviso di accertamento, sensi dell’art. 41- bis del DPR 600/1973, mentre alla luce dell’istituto dell’adempimento collaborativo, vengono preventivamente sottoposte all’attenzione del contribuente che potrà regolarizzarle attraverso il ravvedimento operoso, con la possibilità di effettuare le opportune correzioni e i conseguenti versamenti delle somme dovute, beneficiando della riduzione delle sanzioni.

 

All’interno delle comunicazioni inviate dall’Agenzia viene fornita una dettagliata indicazione degli elementi da cui hanno tratto origine le anomalie.

Inoltre per i cittadini abilitati ai servizi telematici, nella sezione “L’Agenzia scrive” del cassetto fiscale, viene messo a disposizione un prospetto utile per chiarire in modo approfondito i vari elementi di anomalia oggetto di segnalazione.

Il contribuente che riceve la lettera di compliance, in sintesi, può rimediare all’errore consultando il proprio cassetto fiscale, in possesso di pin e password rilasciati dall’Agenzia delle Entrare, oppure può rivolgersi ad un CAF chiedere assistenza:

- se il rilievo è infondato, dovrà produrre adeguata documentazione a riprova dell’errore commesso dell’Agenzia delle Entrate con l’invio della comunicazione;

- se invece vengono riconosciuti gli errori o le omissioni che gli sono stati rilevati, ha la possibilità di correggerli mediante il ravvedimento operoso (Art. 13 D.Lgs. 472/1997) che si perfeziona:

  • attraverso la presentazione della dichiarazione integrativa per l’anno 2013;
  • il pagamento delle maggiori imposte dovute;
  • il pagamento degli interessi dovuti sulla maggiore imposta pagata;
  • il pagamento della sanzione prevista per “infedeltà dichiarativa”, ridotta ad 1/6 (art. 13 comma 1 lett. b-ter, D.Lgs. 472/1997).

 

 

   Cosa c'è da sapere...

L’Agenzia delle Entrate con un nuovo comunicato stampa del 02 agosto 2017 ha precisato che relativamente alle lettere inviate ai contribuenti a partire dal mese di maggio, c’è tempo fino al 2 ottobre 2017 per rimediare a errori o dimenticanze sui redditi percepiti nell’anno d’imposta 2013 e non dichiarati al fisco.

E’ da ritenere, quindi, che l’Agenzia, per i contribuenti che non saneranno la propria posizione, procederà all’emissione di un Avvisi di Accertamento soltanto dopo il suddetto termine.

E chiaro anche che l’istituto del ravvedimento operoso potrà essere applicato fino tanto che al contribuente non viene notificato l’Avviso di Accertamento.

Applicando il ravvedimento operoso, la sanzione prevista è quella della “infedeltà dichiarativa”, come stabilito dall’art. 1 comma 2 del D.Lgs. 471/1997, pari al 90% della maggiore imposta da versare, ridotta ad un sesto, ovvero il 15%.


Nel caso in cui, invece, si è omesso di indicare un canone di locazione di immobile ad uso abitativo assoggettato a cedolare secca (art. 1, comma 7 D.Lgs. 471/1997), lo si è dichiarato solo parzialmente, la sanzione va:

- da un minimo del 180% a un massimo del 360%, se i canoni sono stati dichiarati parzialmente;

- da un minimo del 240% a un massimo del 480%, in caso di omessa dichiarazione.

Agli importi di cui sopra, applicando l’istituto del ravvedimento operoso, con la riduzione ad un sesto, la sanzione risulterà pari:

- al 30% (1/6 di 180%), nel primo caso;

- al 40% (1/6 di 240%), nel secondo caso.


Sulla maggiore imposta dovuta, oltre alla sanzione, vanno calcolati gli interessi al saggio legale annuo (art. 1284 c.c.), che vanno indicati separatamente nel modello F24 di pagamento.

 

Grazie alla competenza dei suoi esperti fiscali, 50&PiùCaaf svolge un elevato servizio di assistenza apponendo il visto di conformità che, per i dati certificati, ti esonera da ogni incombenza e dai futuri controlli dell’Amministrazione Finanziaria sulla tua dichiarazione dei redditi Modello 730. Ogni anno oltre 800.000 lavoratori e pensionati scelgono il nostro Caaf.

 


 Per sapere come diventare socio 50&Più Clicca qui

 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.

Stampa
 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

A Venezia si tiene GoldAge, il forum degli over 50

L'appuntamento è dal 14 al 17 novembre. Tra gli ospiti, l’astronauta Umberto Guidoni e il regista Pupi Avati. VIDEO


In 50 per le Semifinali di Italia In... canto

A Roma l’evento che selezionerà i 20 finalisti dell’unico talent dedicato agli over 50


Pensioni: torna la rivalutazione

Dopo anni di blocco e inflazione negativa, i pensionati potranno ottenere da gennaio 2018 un incremento dell’1,3% sull'importo attuale


ISEE: i Caf scrivono all’Inps

Lettera al presidente Inps, Tito Boeri, per scongiurare il rischio dell’interruzione del servizio delle dichiarazioni


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.