Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


17
Chi è intestatario di un mutuo per l'acquisto della prima casa, può detrarre gli interessi passivi anche se non ne è proprietario?

Chi è intestatario di un mutuo per l'acquisto della prima casa, può detrarre gli interessi passivi anche se non ne è proprietario?


Risposta a cura di 50&PiùCaaf



DOMANDA

Due coniugi hanno un contratto di mutuo per l'acquisto della prima casa, la proprietà invece è intestata solo a uno dei due. Il non intestatario dell'abitazione può detrarre gli interessi del mutuo?

 

Grazie
 






       
       
   
 
Scrivi ai nostri esperti
di 50&Più Caaf, invia una mail a:
comunicazione.esterna@50epiu.it

Leggi qui gli altri quesiti fiscali
 
Nota trattamento dati personali
 


RISPOSTA

 

La Circolare dell’Agenzia delle Entrate del 4/4/2017 n. 7/E – Guida alla compilazione della dichiarazione dei redditi- a conferma di quanto già evidenziato nei precedenti documenti di Prassi ha precisato che per fruire della detrazione è necessario che il contribuente sia contemporaneamente intestatario del mutuo e proprietario dell’unità immobiliare. La detrazione spetta, in presenza degli altri requisiti, per gli interessi pagati nell’anno sulla base della percentuale di intestazione del contratto di mutuo. Non è invece necessario che ci sia corrispondenza tra la quota di proprietà dell’immobile e la quota di detrazione spettante per gli interessi passivi (29.01.2001 n. 7, risposte 2.3 e 2.5). Il requisito congiunto di “acquirente e mutuatario” è pertanto sempre necessario, tranne che nell’ipotesi di mutui contratti anteriormente all’anno 1991 per i quali è previsto che la detrazione degli interessi passivi spetta anche ai soggetti che non siano titolari di redditi di fabbricati (12.05.2000 n. 95, risposta 1.2.6).

 

La detrazione spetta soltanto al soggetto che dall’atto di acquisto risulti essere “proprietario” o “nudo proprietario”, al verificarsi di tutti i requisiti richiesti, e non spetta mai all’usufruttuario in quanto lo stesso non acquista la proprietà dell’unità immobiliare.


Tornando al suo quesito solamente il coniuge “intestatario” del contratto di mutuo ed al contempo “proprietario” dell’immobile, anche in parte, potrà detrarre gli interessi passivi posto che per l’altro coniuge il doppio requisito (intestatario e proprietario) non sussiste.



Cosa c’è da sapere...

L’art. 15, comma 1, lett. b) del TUIR stabilisce che in presenza di un mutuo ipotecario contratto per l’acquisto dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale e delle sue pertinenze spetta una detrazione dall’imposta lorda pari al 19 per cento degli interessi passivi e relativi oneri accessori, nonché delle quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione.


Per abitazione principalesi intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente. Pertanto, la detrazione spetta al contribuente acquirente e intestatario del contratto di mutuo, anche se l’immobile è adibito ad abitazione principale di un suo familiare (coniuge, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo grado).


La detrazione spetta su un importo massimo di 4.000,00 euro. caso di contitolarità del contratto o di più contratti di mutuo, questo limite si riferisce all’ammontare complessivo degli interessi, oneri accessori e quote di rivalutazione sostenuti (per esempio i coniugi non fiscalmente a carico l’uno dell’altro cointestatari in parti uguali del mutuo che grava sulla abitazione principale acquistata in comproprietà possono indicare al massimo un importo di 2.000,00 euro ciascuno).


Se invece il mutuo è cointestato con il coniuge fiscalmente a carico, il coniuge che sostiene interamente la spesa può fruire della detrazione per entrambe le quote di interessi passivi. Resta inteso che il duplice requisito di “intestatario” del contratto di mutuo e “proprietario” dell’immobile deve sussistere per entrambi.


La detrazione spetta a condizione che l’immobile sia adibito ad abitazione principale entro un anno dall’acquisto, e che l’acquisto sia avvenuto nell’anno antecedente o successivo al mutuo. l’immobile acquistato è sottoposto a ristrutturazione edilizia, la detrazione spetta dalla data in cui viene adibito ad abitazione principale, purché questo avvenga sempre entro due anni dall’acquisto.

 


 

Gli esperti di 50&PiùCaaf che rispondono alle vostre domande sono: Marco Chiudioni, Stefania De Agrò, Ada Martino, Romeo Melucci, Giuseppe Russo.


Questa rubrica, curata dai nostri esperti fiscali, risponde al quesito più significativo e di interesse generale pervenuto nel corso della settimana. Se hai una domanda fiscale scrivi
a: comunicazione.esterna@50epiu.it.

50&PiùCaaf svolge un qualificato servizio di assistenza fiscale certificato dal visto di conformità, garantito da una polizza assicurativa e dalla competenza dei suoi esperti fiscali. E' scelto ogni anno da oltre 800.000 lavoratori e pensionati.

 Clicca qui per conoscere la sede di 50&PiùCaaf a te più vicina

Stampa
 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Pensioni: tornano a crescere, ma di poco

Dal prossimo gennaio è previsto un aumento dell’1,1% sull’attuale importo. Un valore modesto


Pensionati al lavoro

Gli over 60 impegnati in una attività lavorativa nel 2017 sono il 14,1%, un aumento del 3,6% sul 2008


Speciale Colombia e Panama

Un tour tra storia e modernità. Con 50&Più Turismo dall'11 al 22 marzo 2018


Chi vincerà il Trofeo invernale?

L’appuntamenton con le Olimpiadi 50&Più è ad Andalo (Tn) dal 28 Gennaio al 4 Febbraio 2018


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.