Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie > CAF > Quesito Fiscale


14
In caso di trasferimento per motivi di lavoro in un altro Comune, è possibile detrarre dal 730 il canone di affitto?

In caso di trasferimento per motivi di lavoro in un altro Comune, è possibile detrarre dal 730 il canone di affitto?

 


Risposta a cura di 50&PiùCaaf




DOMANDA

Per motivi di lavoro mi sono trasferito in una città dove ho sottoscritto un regolare canone di affitto 4+4, conservando la residenza nella precedente città. Volevo cortesemente sapere se l'anno prossimo nel modello 730 ho diritto a detrazioni relative allo stesso affitto e, in caso affermativo, in che misura?


Grazie  


 






       
       
   
 
Scrivi ai nostri esperti
di 50&Più Caaf, invia una mail a:
comunicazione.esterna@50epiu.it

Leggi qui gli altri quesiti fiscali
 
Nota trattamento dati personali
 


RISPOSTA

In base alla tipologia del contratto di locazione da Lei stipulato, avrà la facoltà di scegliere la detrazione più favorevole tra quelle previste dall’art. 16 del dpr 917/86 (TUIR), spettanti per i soggetti titolari di contratti di locazione di unità immobiliari adibite ad “abitazione principale”.


L’articolo 16 , comma 1-quinquies , del dpr 917/86 (TUIR) prevede che le detrazioni, da ripartire tra gli aventi diritto (i titolari dei contratti di locazione) sono rapportate al periodo dell'anno durante il quale l'unità immobiliare locata è adibita ad abitazione principale.

Per abitazione principale si intende quella nella quale il soggetto titolare del contratto di locazione “dimora abitualmente”.

Quindi, ai fini del conseguimento di una delle suddette detrazioni, prevale l’aspetto sostanziale rispetto a quello formale circa il requisito dell’abitazione principale. La quale, in quanto definita al predetto comma 1 - quinquies dell'art.16 del Tuir come "dimora abituale", non deve necessariamente coincidere il luogo della residenza così come risultante dai registri anagrafici. Pertanto, nello specifico lei avrà diritto al beneficio fiscale, se in concreto destina in modo abituale l’immobile ad abitazione principale propria o di un familiare.

Ovviamente, in caso di controllo da parte dell'Agenzia delle Entrate, sarà suo onere dimostrare che il suo domicilio non coincide con la residenza anagrafica.


Da quanto prospettato nel quesito, non è invece applicabile l'agevolazione prevista per Lavoratori dipendenti trasferiscono la residenza per motivi di lavoro, di cui all’art. 16, comma 1-ter , dpr 917/86 (TUIR), visto che per tale detrazione il lavoratore deve aver trasferito la propria residenza nel comune di lavoroo in uno di quelli limitrofi a non meno di 100 Km di distanza dal precedente e comunque al di fuori della propria regione.


 

 

 Cosa c’è da sapere...


Sono previste delle detrazioni per gli inquiliniche stipulano contratti di locazione di immobili adibiti ad abitazione principale. Queste detrazioni vengono riconosciute e graduate in relazione all’ammontare del reddito complessivo (aumentato del reddito dei fabbricati locati assoggettati alla cedolare secca). La detrazione è calcolata sulla base degli importi riportati in Appendice alle istruzioni alla compilazione del modello 730, tabella :“Detrazioni per canoni di locazione”.


- Detrazione inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale: spetta ai contribuenti che hanno stipulato o rinnovato il contratto di locazione di immobili destinati ad abitazione principale, in base alla legge che disciplina le locazioni di immobili ad uso abitativo (legge 9 dicembre 1998, n. 431);


- Detrazione per gli inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale locati con contratti in regime convenzionale: spetta ai contribuenti intestatari di contratti di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale, stipulati o rinnovati sulla base di appositi accordi definiti in sede locale fra le organizzazioni della proprietà edilizia e le organizzazioni dei conduttori maggiormente rappresentative a livello nazionale (c.d. contratti convenzionali - art. 2, comma 3, e art. 4, commi 2 e 3 della legge n. 431 del 1998).


- Detrazione per canoni di locazione spettante ai giovani per l’abitazione principale: spetta ai giovani di età compresa fra i 20 e i 30 anni, che hanno stipulato un contratto di locazione per l’unità immobiliare da destinare a propria abitazione principale, ai sensi della legge 9 dicembre 1998, n. 431. Il requisito dell’età è soddisfatto se ricorre anche per una parte dell’anno in cui si intende fruire della detrazione. È necessario che l’immobile affittato sia diverso dall’abitazione principale dei genitori o di coloro cui sono affidati dagli organi competenti ai sensi di legge. La detrazione spetta per i primi tre anni dalla stipula del contra tto. Ad esempio, se il contratto è stato stipulato nel 2014 la detrazione può essere fruita anche per il 2015 e il 2016.

 

- Detrazione per gli inquilini di alloggi sociali adibiti ad abitazione principale: spetta ai contribuenti che hanno stipulato contratti di locazione di alloggi sociali, come definiti dal decreto del Ministro delle infrastrutture del 22 aprile 2008, in attuazione dell’articolo 5 della legge 8 febbraio 2007, n.9, adibiti ad abitazione principale.


- Detrazione Lavoratori dipendenti che trasferiscono la residenza per motivi di lavoro : spetta ai lavoratori dipendenti che hanno trasferito o trasferiscono la propria residenza nel comune di lavoro o in uno di quelli limitrofi nei tre anni antecedenti quello di richiesta della detrazione e siano titolari di qualunque tipo di contratto di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale situate nel nuovo comune di residenza a non meno di 100 Km di distanza dal precedente e comunque al di fuori della propria regione. La detrazione può essere fruita nei primi tre anni dal trasferimento della residenza. La detrazione spetta esclusivamente ai lavoratori dipendenti anche se la variazione di residenza è la conseguenza di un contratto di lavoro appena stipulato. Sono esclusi i percettori di redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente. Se il contribuente, nel corso del periodo di spettanza della detrazione, cessa di essere lavoratore dipendente, perde il diritto alla detrazione a partire dall’anno d’imposta successivo a quello nel quale non sussiste più tale qualifica.

 



Gli esperti di 50&PiùCaaf che rispondono alle vostre domande sono: Marco Chiudioni, Stefania De Agrò, Ada Martino, Romeo Melucci, Giuseppe Russo.


Questa rubrica, curata dai nostri esperti fiscali, risponde al quesito più significativo e di interesse generale pervenuto nel corso della settimana. Se hai una domanda fiscale scrivi
a: comunicazione.esterna@50epiu.it.

50&PiùCaaf svolge un qualificato servizio di assistenza fiscale certificato dal visto di conformità, garantito da una polizza assicurativa e dalla competenza dei suoi esperti fiscali. E' scelto ogni anno da oltre 800.000 lavoratori e pensionati.

 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.

Stampa
 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

L'arte in gioco con 50&Più

Torna il Concorso di Prosa, Poesia, Pittura e Fotografia. Invio delle opere entro il 6 aprile


Donne: in pensione più tardi dal 2018

Una panoramica dettagliata sui requisiti necessari per accedere alla pensione di vecchiaia e alla prestazione anticipata nel corso del nuovo anno


Pensioni: tornano a crescere, ma di poco

Dal prossimo gennaio è previsto un aumento dell’1,1% sull’attuale importo. Un valore modesto


Pensionati al lavoro

Gli over 60 impegnati in una attività lavorativa nel 2017 sono il 14,1%, un aumento del 3,6% sul 2008


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.