Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie > CAF > Quesito Fiscale


04
Se le detrazioni fiscali per figli a carico non sono presenti nella busta paga, è possibile recuperarle nel 730/2017?

Se le detrazioni fiscali per figli a carico non sono presenti nella busta paga, è possibile recuperarle nel 730/2017?


Risposta a cura di 50&PiùCaaf




DOMANDA

Ho due figli, le detrazioni per i figli a carico sono ripartite al 50% tra me e il mio compagno.
Da pochi giorni ho ricevuto la CU2017 dal consulente del lavoro dalla quale è emerso che non ha inserito le suddette detrazioni. Anche nelle buste paga non sono infatti presenti.

Quali sono le modalità di azione per richiederle il fase di presentazione della mia dichiarazione dei redditi (730)?

Grazie  


 






       
       
   
 
Scrivi ai nostri esperti
di 50&Più Caaf, invia una mail a:
comunicazione.esterna@50epiu.it

Leggi qui gli altri quesiti fiscali
 
Nota trattamento dati personali
 


RISPOSTA

L’articolo 12 del Tuir, comma 1,  prevede che la detrazione per figli a carico sia ripartita nella misura del 50% tra i genitori non legalmente ed effettivamente separati ovvero, previo accordo tra gli stessi, spetta al genitore che possiede un reddito complessivo di ammontare più elevato.


Le detrazioni vengono riconosciute dal proprio datore di lavoro o ente pensionistico sulla base di quanto comunicato dal lavoratore dipendente o dal pensionato.

 

Nella Certificazione Unica 2017 è prevista l’indicazione dei dati relativi ai familiari che nel 2016 sono stati fiscalmente a carico del lavoratore/pensionato ai fini della corretta verifica dell’attribuzione delle detrazioni.

 

Tornando al suo quesito se il suo datore di lavoro non le ha riconosciuto le detrazioni per i figli a carico potrà comunque recuperarle presentando la dichiarazione dei redditi per l’anno d’imposta 2016. Nello specifico potrà presentare il Modello 730/2017 ed indicare nel prospetto dei familiari a carico il codice fiscale dei suoi figli, la percentuale di carico (nel suo caso 50%), ed i mesi (“12” per l’intero anno).  In questo modo nel conguaglio che percepirà a partire dal prossimo mese di luglio potrà recuperare, per intero, le detrazioni spettanti e non usufruite nel corso dell’anno.

 

E’ opportuno che comunichi al suo sostituto d’imposta la misura delle detrazioni spettanti per l’anno 2017 in modo che possa usufruirne direttamente nei cedolini paga del corrente anno anticipando così i tempi per il recupero.



Cosa c’è da sapere...

Sono considerati familiari fiscalmente a carico i membri della famiglia che nel 2016 hanno posseduto un reddito complessivo uguale o inferiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili.

Per i figli la detrazione è ripartita nella misura del 50% tra i genitori non legalmente ed effettivamente separati ovvero, previo accordo tra gli stessi, spetta al genitore che possiede un reddito complessivo di ammontare più elevato. In caso di separazione legale ed effettiva o di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, la detrazione spetta, in mancanza di accordo, al genitore affidatario. Nel caso di affidamento congiunto o condiviso, la detrazione è ripartita, in mancanza di accordo, nella misura del 50% tra i genitori.

 

In caso di coniuge fiscalmente a carico dell’altro, la detrazione compete a quest’ultimo per l’intero importo. Se l’altro genitore manca o non ha riconosciuto i figli naturali e il contribuente non è coniugato o, se coniugato, si è successivamente legalmente ed effettivamente separato, ovvero se vi sono figli adottivi, affidati o affiliati del solo contribuente e questi non è coniugato o, se coniugato, si è successivamente legalmente ed effettivamente separato, per il primo figlio si applicano, se più convenienti, le detrazioni previste per il coniuge a carico.

Le detrazioni d’imposta per i figli a carico spettano, in presenza del requisito reddituale (reddito complessivo annuo non superiore a 2.840,51 euro), a prescindere dalla loro età e dalla circostanza che convivano con i genitori. Il beneficio fiscale compete indipendentemente dal fatto che il figlio sia dedito agli studi o a tirocinio gratuito e anche nel caso in cui sia sposato, sempre che non sia a carico del coniuge.


Gli esperti di 50&PiùCaaf che rispondono alle vostre domande sono: Marco Chiudioni, Stefania De Agrò, Ada Martino, Romeo Melucci, Giuseppe Russo.


Questa rubrica, curata dai nostri esperti fiscali, risponde al quesito più significativo e di interesse generale pervenuto nel corso della settimana. Se hai una domanda fiscale scrivi
a: comunicazione.esterna@50epiu.it.

50&PiùCaaf svolge un qualificato servizio di assistenza fiscale certificato dal visto di conformità, garantito da una polizza assicurativa e dalla competenza dei suoi esperti fiscali. E' scelto ogni anno da oltre 800.000 lavoratori e pensionati.

 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.

Stampa


 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Concorso 50&Più: Farfalle e Libellule d'oro 2018

Proclamati i vincitori della XXXVI edizione del Concorso Prosa, Poesia, Pittura e Fotografia. VIDEO


Concorso 50&Più, le prime premiazioni

I 4 supervincitori del Concorso 50&Più 2017 votati dai lettori della rivista 50&Più e del sito 50epiu.it


Al via il Concorso 50&Più

A Salsomaggiore Terme (Pr) da tutta Italia per la finalissima di Prosa, Poesia, Pittura e Fotografia


Pensioni: superare la “Legge Fornero”

Tra le proposte sul tavolo del nuovo Governo c’è la cosiddetta quota 100 per il ritiro dall’attività lavorativa


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.