Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie > CAF > Quesito Fiscale


20
In caso di comodato d'uso gratuito, è possibile detrarre le spese per la ristrutturazione edilizia?

 

In caso di comodato d'uso gratuito, è possibile detrarre le spese per la ristrutturazione edilizia?


Risposta a cura di 50&PiùCaaf




DOMANDA

Sono proprietaria di un immobile che io e il mio ragazzo abbiamo deciso di ristrutturare approfittando delle agevolazioni fiscali. Io, oltre ad essere unica proprietaria della casa, ho anche la residenza in tale appartamento; parlando con il geometra che ci seguirà i lavori in casa, mi ha consigliato di cedere al mio ragazzo alcuni ambienti dell'appartamento in comodato d'uso gratuito, cosicché possa contribuire anche lui alle spese di ristrutturazione godendo delle agevolazioni fiscali.

Tuttavia, leggendo online, mi sono imbattuta in diversi casi in cui la persona avente il comodato d'uso gratuito (dopo aver pagato con bonifico svariate cose), non ha potuto detrarre tali spese o perché non aveva la residenza in tale appartamento o perché la detrazione non spetta a chi ha il comodato.

Vi scrivo per sapere come ci possiamo muovere per poter contribuire entrambi alle spese di ristrutturazione, senza rischiare di non poter godere delle agevolazioni.

Grazie  


 





       
       
   
 
Scrivi ai nostri esperti
di 50&Più Caaf, invia una mail a:
comunicazione.esterna@50epiu.it

Leggi qui gli altri quesiti fiscali
 
Nota trattamento dati personali
 


RISPOSTA

La detrazione per gli interventi di recupero edilizio spetta a chi possiede l’immobile sul quale sono stati effettuati gli interventi, perché proprietario o titolare di altro diritto reale, o detiene lo stesso sulla base di un titolo idoneo, come ad esempio in caso di locazione o comodato.

 

Inoltre, ha diritto alla detrazione anche il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento, purché abbia sostenuto le spese e le fatture e i bonifici siano a lui intestati.

 

Secondo la giurisprudenza di Cassazione (anche se sul punto non v’è giurisprudenza consolidata) il Fisco deve essere considerato terzo rispetto ai contraenti, pertanto, ai fini della opponibilità del contratto di comodato (o di locazione) lo stesso dovrà essere stato registrato prima dell’avvio dei lavori.


Cosa c’è da sapere...

La detrazione per le spese sostenute per la ristrutturazione di immobili spetta in relazione alle spese sostenute per i seguenti interventi di recupero del patrimonio edilizio:

- interventi di manutenzione straordinaria sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze;

- di manutenzione ordinaria e straordinaria sulle parti comuni di edifici residenziali;

- interventi di restauro e risanamento conservativo;

- interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, a condizione che sia stato dichiarato lo stato di emergenza;

- interventi finalizzati alla cablatura degli edifici, al contenimento dell’inquinamento acustico, all’adozione di misure di sicurezza statica e antisismica degli edifici, all’esecuzione di opere interne;

- interventi relativi alla realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali, anche a proprietà comune;

- ulteriori interventi quali, ad esempio, quelli di bonifica dall’amianto o quelli finalizzati alla prevenzione di atti illeciti da parte di terzi o all’eliminazione delle barriere architettoniche, oppure interventi di esecuzione di opere volte ad evitare gli infortuni domestici.

 

La detrazione spetta anche in relazione alle spese sostenute per gli interventi finalizzati al conseguimento di risparmi energetici, compresa l’installazione di impianti basati sull’impiego delle fonti rinnovabili di energia, tra i quali rientrano gli impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica.


Gli esperti di 50&PiùCaaf che rispondono alle vostre domande sono: Marco Chiudioni, Stefania De Agrò, Ada Martino, Romeo Melucci, Giuseppe Russo.


Questa rubrica, curata dai nostri esperti fiscali, risponde al quesito più significativo e di interesse generale pervenuto nel corso della settimana. Se hai una domanda fiscale scrivi
a: comunicazione.esterna@50epiu.it.

50&PiùCaaf svolge un qualificato servizio di assistenza fiscale certificato dal visto di conformità, garantito da una polizza assicurativa e dalla competenza dei suoi esperti fiscali. E' scelto ogni anno da oltre 800.000 lavoratori e pensionati.

 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.

Stampa
 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Donne: in pensione più tardi dal 2018

Una panoramica dettagliata sui requisiti necessari per accedere alla pensione di vecchiaia e alla prestazione anticipata nel corso del nuovo anno


Pensioni: tornano a crescere, ma di poco

Dal prossimo gennaio è previsto un aumento dell’1,1% sull’attuale importo. Un valore modesto


Pensionati al lavoro

Gli over 60 impegnati in una attività lavorativa nel 2017 sono il 14,1%, un aumento del 3,6% sul 2008


Speciale Colombia e Panama

Un tour tra storia e modernità. Con 50&Più Turismo dall'11 al 22 marzo 2018


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.