Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie > CAF > Quesito Fiscale


03
Se l’immobile è in comproprietà al 50%, la detrazione fiscale per la ristrutturazione come viene suddivisa?

Se l’immobile è in comproprietà al 50%, la detrazione fiscale per la ristrutturazione viene ripartita tra i due proprietari o può beneficiarne uno solo?


Risposta a cura di 50&PiùCaaf



DOMANDA

Io e la mia ragazza abbiamo acquistato un alloggio in comproprietà al 50%  (prima casa) che vorremmo ristrutturare durante il 2017.
Essendo lei possessore di partita Iva e io lavoratore dipendente, potrei, intestandomi le fatture e pagando per intero i costi, beneficiare della totale detrazione fiscale del  50% oppure soltanto il 25% vista la comproprietà?

Grazie

 


 





       
       
   
 
Scrivi ai nostri esperti
di 50&Più Caaf, invia una mail a:
comunicazione.esterna@50epiu.it

Leggi qui gli altri quesiti fiscali
 
Nota trattamento dati personali
 


RISPOSTA

 

Per espressa previsione normativa la detrazione d'imposta Irpef del 50% per le spese di ristrutturazione edilizia (art. 16 bis del Dpr 917/86) spetta a chi effettivamente sostiene l'onere, sempreché sia titolare del diritto di proprietà, o di un diritto reale sull'immobile, o detenga l'immobile sulla base di un titolo idoneo.

 Ne discende che in qualità di possessore/acquirente, anche in quota parte dell’unità abitativa e nel rispetto di tutti gli altri adempimenti previsti dalla vigente normativa, potrà beneficiare interamente dell’agevolazione del 50%, purché sostenga effettivamente le spese, ovvero, risulti intestatario delle fatture dei relativi bonifici.

 

Cosa c’è da sapere...

La detrazione fiscale per lavori di ristrutturazione edilizia spetta a tutte le persone fisiche residenti e non residenti nel territorio dello Stato, che possiedono o detengono l’immobile, sul quale sono stati effettuati gli interventi di recupero edilizio, sulla base di un titolo idoneo (proprietà, altro diritto reale, concessione demaniale, locazione o comodato). Ha diritto alla detrazione anche il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento, purché abbia sostenuto le spese e le fatture e i bonifici siano a lui intestati. È ammessa la detrazione anche nei casi in cui le fatture e i bonifici non siano intestati al familiare convivente, purché la percentuale della spesa sostenuta dallo stesso sia indicata nella fattura (per approfondimenti si veda la circolare 11/E del 21 maggio 2014).


Condizioni per fruire della detrazione:

- pagamenti effettuati con bonifico bancario o postale da cui risultino: causale del versamento (per le spese sostenute dal 1° gennaio 2012 va indicato l’art. 16-bis del TUIR);

- codice fiscale del soggetto che effettua il pagamento; 

- codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento;

- indicazione nella dichiarazione dei redditi dei dati catastali identificativi dell’immobile;

- estremi di registrazione dell’atto che ne costituisce titolo (ad esempio, contratto di affitto), se i lavori sono effettuati dal detentore; altri dati richiesti ai fini del controllo della detrazione.

Il contribuente deve, inoltre, conservare ed esibire, a richiesta dell’Ufficio, i documenti individuati dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 2 novembre 2011.

Per gli interventi realizzati sulle parti comuni condominiali il contribuente, in luogo di tutta la documentazione prevista, può utilizzare una certificazione rilasciata dall’amministratore del condominio, in cui lo stesso attesti di avere adempiuto a tutti gli obblighi previsti e indichi la somma di cui il contribuente può tenere conto ai fini della detrazione. In merito ai condomini minimi (nel caso in cui i condòmini non siano più di otto) dove non c'è obbligo di nominare l'amministratore, la circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 3/E del 2016 ha previsto che non sia più necessario richiedere obbligatoriamente il codice fiscale del condominio precisando altresì che il pagamento delle spese deve essere sempre effettuato mediante l’apposito  bonifico  bancario/postale sul quale è operata la ritenuta d’acconto da parte di banche o Posta.

Inoltre, in assenza del
codice fiscale del condominio
, i contribuenti possono inserire nei modelli di dichiarazione le spese sostenute riportando il codice fiscale del condomino che ha effettuato il bonifico. Il contribuente dovrà dimostrare, in sede di controllo, che gli interventi sono stati effettuati su parti comuni dell’edificio.

Gli esperti di 50&PiùCaaf che rispondono alle vostre domande sono: Marco Chiudioni, Stefania De Agrò, Ada Martino, Romeo Melucci, Giuseppe Russo.


Questa rubrica, curata dai nostri esperti fiscali, risponde al quesito più significativo e di interesse generale pervenuto nel corso della settimana. Se hai una domanda fiscale scrivi
a: comunicazione.esterna@50epiu.it.

50&PiùCaaf svolge un qualificato servizio di assistenza fiscale certificato dal visto di conformità, garantito da una polizza assicurativa e dalla competenza dei suoi esperti fiscali. E' scelto ogni anno da oltre 800.000 lavoratori e pensionati.

 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.

Stampa


 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Nella terra amata dagli Dei

Voglia di Grecia a bordo di Costa Deliziosa con una tappa in Croazia. Partenza da Venezia e Bari il 21 e 22 ottobre


Concorso 50&Più: Farfalle e Libellule d'oro 2018

Proclamati i vincitori della XXXVI edizione del Concorso Prosa, Poesia, Pittura e Fotografia. VIDEO


Concorso 50&Più, le prime premiazioni

I 4 supervincitori del Concorso 50&Più 2017 votati dai lettori della rivista 50&Più e del sito 50epiu.it


Al via il Concorso 50&Più

A Salsomaggiore Terme (Pr) da tutta Italia per la finalissima di Prosa, Poesia, Pittura e Fotografia


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.