Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie > CAF > Quesito Fiscale


31
Come recuperare la detrazione di 900 euro per la locazione di un alloggio sociale, se non goduta nella precedente dichiarazione?

Come recuperare la detrazione di 900 euro per la locazione di un alloggio sociale,  se non goduta nella precedente dichiarazione?

Risposta a cura di 50&PiùCaaf


DOMANDA

Ho un quesito da porVi in merito alla detrazione per assegnatari di alloggi sociali. Mia mamma abita in una casa dell'ALER, oggi ha fatto la dichiarazione dei redditi (730) 2016 redditi 2015 e le hanno detto che riceverà un rimborso di 900 euro perché beneficia della detrazione. Le hanno detto che poteva beneficiare anche l'anno scorso di questa detrazione ma lei non ha presentato la certificazione rilasciata dall'ALER e il caf le ha fatto il red. La mia domanda è: posso presentare un modello Unico integrativo 2015 redditi 2014 a favore per recuperare il credito 2014 e poi l'anno prossimo il 730 per il rimborso?

Grazie


       
       
   
 
Scrivi ai nostri esperti
di 50&Più Caaf, invia una mail a:
comunicazione.esterna@50epiu.it

Leggi qui gli altri quesiti fiscali
 
Nota trattamento dati personali
 


RISPOSTA

Se è stato stipulato un contratto di locazione di un “alloggio sociale” adibito a propria abitazione principale, è possibile fruire di una detrazione pari a:

- € 900, se il reddito complessivo non supera € 15.493,71;

- 450, se il reddito complessivo supera € 15.493,71, ma non € 30.987,41.

Come per le altre detrazioni fruibili dalla generalità degli inquilini (si veda l'articolo 16, comma 1, del Dpr 917/1986), le detrazioni vanno rapportate al periodo di destinazione dell’immobile ad abitazione principale.

Sono considerati “alloggi sociali” le unità immobiliari ad uso residenziale, in locazione permanente, come definiti dal decreto del Ministro delle infrastrutture del 22 aprile 2008, in attuazione dell’articolo 5 della legge 8 febbraio 2007.

Il beneficio fiscale è riconosciuto limitatamente al triennio 2014/2016.

Ai fini dei benefici fiscali, il contratto registrato di assegnazione in locazione deve evidenziare che si tratta della locazione di un alloggio sociale, in alternativa deve essere prodotta una dichiarazione dell’Ente che attesti che il contratto si riferisce ad un alloggio sociale previsto dal DM 22.04.2008.

Venendo al quesito, se per Sua madre, nel 2014, ricorrevano le predette condizioni di detraibilità, potrà presentare, in qualità di soggetto ammesso al beneficio, un modello Unico 2015 Integrativo a favore (redditi 2014) entro e non oltre il 30/9/2016.

 

Successivamente alla presentazione del Modello Unico 2015 Integrativo a favore potrà utilizzare il credito Irpef scaturito in compensazione, per il pagamento di altri debiti con modello F24, oppure potrà anche recuperarlo con un modello 730 Integrativo di tipo 1 rivolgendosi ad un CAF/Professionista abilitato entro il prossimo 25 ottobre.


 

Cosa c’è da sapere... 

 

Oltre alla detrazione di cui all’Art. 7, Decreto-legge 28 marzo 2014, n. 47 (solo per gli anni 2014-2016) prevista per la locazione di alloggi sociali, l’Articolo 16 del TUIR (Dpr 917/1986) prevede diverse tipologie di detrazioni, riservate ai contribuenti titolari di contratti di locazione:

 

Art. 16, comma 01, TUIR - Detrazione per gli inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale:

 

i contribuenti che hanno stipulato o rinnovato contratti di locazione di immobili adibiti ad abitazione principale hanno diritto ad una detrazione di € 300,00 se il reddito complessivo (comprensivo del reddito assoggettato al regime della cedolare secca) non supera € 15.493,71; € 150,00 se il reddito complessivo (comprensivo del reddito assoggettato al regime della cedolare secca) è superiore a € 15.493,71 ma non a € 30.987,41. La detrazione può essere fruita non solo se il contratto di locazione è stato stipulato ai sensi della Legge 9/12/1998 n. 431 ma anche se (Risoluzione 16.05.2008 n. 200) il contratto è stato stipulato ai sensi di precedenti normative ed automaticamente prorogato per gli anni successivi.

 

Art. 16, comma 1, del TUIR - Detrazione per alloggi locati con contratti in regime convenzionale:

 

ai soggetti titolari di contratti di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale degli stessi, stipulati o rinnovati entro il 31 dicembre 2009 a norma dell’articolo 2, comma 3 e articolo 4, commi 2 e 3, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, spetta una detrazione, rapportata al periodo dell’anno durante il quale sussiste tale destinazione, per i seguenti importi: € 495,80 se il reddito complessivo (comprensivo del reddito assoggettato al regime della cedolare secca) non supera € 15.493,71; € 247,90 se il reddito complessivo (comprensivo del reddito assoggettato al regime della cedolare secca) supera € 15.493,71, ma non € 30.987,41.

 

Art. 16, comma 1-bis, del TUIR - Lavoratori che trasferiscono la residenza per motivi di lavoro:

 

ai lavoratori dipendenti che hanno trasferito la propria residenza nel comune di lavoro o in uno di quelli limitrofi, nei 3 anni antecedenti a quello di richiesta della detrazione, (la detrazione spetta per i primi tre anni dalla data di variazione della residenza) purché il nuovo comune di residenza disti dal vecchio almeno 100 chilometri, e comunque al di fuori dalla propria regione, e che siano titolari di qualunque tipo di contratto di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale degli stessi (Circolare 18.06.2001 n. 58). Tale detrazione, rapportata al periodo dell’anno durante il quale l’abitazione ha costituito la dimora principale del contribuente, è così determinata: € 991,60 se il reddito complessivo (comprensivo del reddito assoggettato al regime della cedolare secca) non supera € 15.493,71; € 495,80 se il reddito complessivo (comprensivo del reddito assoggettato al regime della cedolare secca) supera € 15.493,71, ma non € 30.987,41.

 

Art. 16, comma 1 ter, del TUIR - Detrazione per canoni di locazione spettanti ai giovani per abitazione principale:

 

ai giovani di età compresa tra i 20 ed i 30 anni che hanno stipulato un contratto di locazione ai sensi della legge 9 dicembre 1998, n. 431, per l’unità immobiliare adibita ad abitazione principale, spetta una detrazione di € 991,60. La detrazione spetta solo se il reddito complessivo (comprensivo del reddito assoggettato al regime della cedolare secca) non è superiore a € 15.493,71. La detrazione compete per i contratti di locazione stipulati a partire dal 2007 e spetta per tre annualità sempreché il conduttore si trovi nelle condizioni anagrafiche e reddituali richieste dalla norma (Circolare 4.04.2008 n. 34, risposta 9.1).

Il requisito dell’età è soddisfatto se ricorre anche per una parte del periodo d’imposta per il quale si intende fruire dell’agevolazione (Circolare 4.04.2008 n. 34, risposta 9.2).

Nel caso in cui il contratto di locazione sia stipulato da più conduttori e solo uno ha i requisiti di età previsti dalla norma, quest’ultimo potrà fruire della detrazione soltanto per la sua quota (Circolare 4.04.2008 n. 34, risposta 9.3).

Per usufruire della detrazione è necessario che l’unità immobiliare sia diversa da quella destinata ad abitazione principale dei genitori o di coloro cui sono affidati dagli organi competenti ai sensi di legge.

 

    

Gli esperti di 50&PiùCaaf che rispondono alle vostre domande sono: Marco Chiudioni, Stefania De Agrò, Ada Martino, Romeo Melucci, Giuseppe Russo.


Questa rubrica, curata dai nostri esperti fiscali, risponde al quesito più significativo e di interesse generale pervenuto nel corso della settimana. Se hai una domanda fiscale scrivi
a: comunicazione.esterna@50epiu.it.

50&PiùCaaf svolge un qualificato servizio di assistenza fiscale certificato dal visto di conformità, garantito da una polizza assicurativa e dalla competenza dei suoi esperti fiscali. E' scelto ogni anno da oltre 800.000 lavoratori e pensionati.

 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.

Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Pensionati, l’Inps ha avviato la verifica dei redditi 2018-2017

Sono coinvolti oltre 7 milioni di pensionati destinatari delle prestazioni legate al reddito


Italia in... Canto, a Roma le semifinali aspettando Sanremo

Saranno in 50 a contendersi la partecipazione alla finale che si terrà il 16 maggio 2020 al Teatro Ariston di Sanremo


Indennizzo commercianti: conferme dal Governo

Il nuovo esecutivo intende ampliare la platea di coloro che ne hanno diritto, vista la crisi del settore


Il Patronato 50&PiùEnasco alla presidenza del Cipla

Tagli, incertezza economica, ritardi e scarsa vigilanza. Sono queste le valutazioni emerse e condivise nel corso della prima riunione del Comitato


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.