Cerca
Register   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


11
A Forlì la Mostra di WILDT
Fino al 17 giugno 2012 si tiene, presso i Musei San Domenico a Forlì, la mostra "Wildt - L'anima e le forme da Michelangelo a Klimt". 50&Più organizza visite alla mostra e sarà lieta di accompagnare i soci provenienti da tutta la Penisola a scoprire e apprezzare le bellezze artistiche, storiche e culturali del territorio.

La mostra si articola all’interno delle grandi sale della biblioteca del Convento di San Domenico e nelle stanze del piano terra dove si sono tenute le sei precedenti mostre ideate e realizzate dalla Fondazione della Cassa dei Risparmi di Forlì in collaborazione con il Comune di Forlì ed i Musei San Domenico.

Questa esposizione, eccezionale per completezza e qualità delle opere, rappresenta il primo tempo del “Progetto Novecento. Percorsi – Eventi – Interpretazioni” che si svilupperà nel 2013 con la grande mostra DUX, dedicata ad una ricognizione sull’ “arte italiana negli anni del consenso”, proposta da Forlì, città del Duce.
L’esposizione, in visione fino al 17 giugno 2012, è la più completa di quelle dedicate a Wildt, proponendo quasi la totalità delle opere sopravvissute alla Seconda Guerra Mondiale.

Adolfo Wildt (Milano, 1868-1931) è tra i maggiori scultori del Novecento, anche se questo riconoscimento giunge tardi e l’apprezzamento da parte della critica è sempre stato controverso. La grande capacità di questo artista è quella di riuscire a fondere armoniosamente nelle sue opere elementi del classico e dell’anticlassico, di realizzare capolavori originali e intrisi di richiami gotici, rinascimentali, evocazioni di arte egiziana e greca. Proprio questo suo essere eclettico e lontano sia da uno stile conservatore che dalle linee della modernità, è stato oggetto, in passato, di numerosi attacchi. Solo ora si torna finalmente a considerarlo tra i massimi scultori del Novecento.

Ma il fascino e l’espressività della sua arte rimangono indiscutibili; la sua è una produzione artistica che predilige come forma d’espressione la scultura perché, secondo l’artista, è in grado di esaltare la tecnica e dare vita a sorprendenti effetti, come dimostrano infatti i suoi capolavori in marmo.

I principali temi delle sculture di Wildt, il mito e le maschere, hanno trovato spesso stimolanti dialoghi con la musica e la letteratura: proprio per questo riuscì a dialogare con la musica (Wagner) e la letteratura contemporanea, da D’Annunzio a Pirandello e Bontempelli; è stato inoltre un superbo ritrattista con i magnifici busti colossali di Mussolini, Vittorio Emanuele III, Pio XI, Margherita Sarfatti, Toscanini, e di tanti eroi di quegli anni ha saputo creare un Olimpo di inquietanti idoli moderni.

Partendo dall’eccezionale nucleo di opere conservate a Forlì e grazie alla disponibilità dell’Archivio Scheiwiller (il grande editore milanese che per via familiare ha ereditato molte opere e materiali di Wildt), è oggi possibile radunare una serie di straordinari capolavori dell'artista e ricostruire il percorso più completo della sua produzione sia scultorea, sia grafica.

I lunghi studi di Paola Mola, infatti, indiscussa conoscitrice dell’artista (che cura, insieme a Fernando Mazzocca e Antonio Paolucci, anche questa mostra), la disponibilità dei documenti e delle splendide fotografie d’epoca dell’Archivio Scheiwiller hanno consentito una ricostruzione dettagliata e davvero affascinante della biografia, delle relazioni di questo protagonista assoluto di un periodo che del resto a Forlì e nel territorio circostante ha lasciato testimonianze di scultura (Boifava, Drei), di urbanistica e di architettura (Bazzari, Valle) di grande livello, da riscoprire e valorizzare in occasione della mostra, con una serie di itinerari e di eventi opportunamente studiati e programmati.

L’insieme di queste iniziative, attorno e attraverso la mostra dedicata ad Adolfo Wildt, consentirà di rileggere la vicenda novecentesca della città e della Romagna.

Si tratta di una rassegna non esclusivamente monografica ma di un momento di confronto tra le opere di Wildt e quelle di artisti - pittori e scultori - moderni e del passato che per lui furono fonte di ispirazione (gli antichi come Fidia, Cosmè Tura, Antonello da Messina, Dürer, Pisanello, Bramante, Michelangelo, Bramantino, Bronzino, Tanzio da Varallo, Bambaia, Cellini, Bernini, Canova e i moderni Previati, Dudreville, Mazzucotelli, Rodin, Klinger, Meštrovic, Klimt, Brancusi, De Chirico, Casorati, Martini, Messina, Fontana, Melotti) con cui si è intensamente confrontato, attraversando diversi momenti artistici, come il Liberty, il Simbolismo, il Decò, il classicismo novecentesco, l’eclettismo con richiami al Quattrocento, al Manierismo, al Barocco, al Realismo magico.

50&Più Forlì organizza…

L’Associazione 50&Più di Forlì è a disposizione per ulteriori informazioni sull’evento e per l'organizzazione di micro pacchetti comprensivi di hotel e biglietti museo. Sarà inoltre lieta di accompagnare i soci provenienti da tutta la Penisola a scoprire e apprezzare le bellezze artistiche, storiche e culturali del territorio.
Per maggiori informazioni e prenotazioni: Andrea Panzavolta 0543.24118.

Informazioni sulla mostra
Orari: da martedì a venerdì 9.30/19.00; sabato, domenica e giorni festivi 9.30/20.00. Lunedì chiuso. Lunedì 30 aprile apertura straordinaria. Ulteriori info e dettagli: www.mostrawildt.it.
Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Invalidità civile 2020: i nuovi importi

Pochi euro per tutti: è la situazione che molti affrontano da tempo, sebbene i trattamenti siano calcolati sui redditi dei singoli


Spese detraibili: dal 1° gennaio è cambiato il metodo di pagamento


Olimpiadi invernali: vince il Trofeo la provincia di Massa Carrara

Secondo posto per la squadra provinciale di Bergamo e terzo per Lucca


Incontri 50&Più in Sardegna

La grande festa de soci 50&Più quest’anno si tiene a Geremeas (Ca) dal 30 maggio al 28 giugno


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.