Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie > CAF > Quesito Fiscale


03
Nel 730 precompilato non risultano i giorni di lavoro. La conseguenza è la perdita delle detrazioni. Che fare?

Nel 730 precompilato dall’Agenzia delle entrate non risultano i giorni di lavoro dipendente. La conseguenza è la perdita delle detrazioni. Che fare?

   

Risposta a cura di 50&PiùCaaf


DOMANDA

Nel collegarmi al nuovo sistema del modello 730 precompilato dell’Agenzia delle entrate, ho visualizzato quello di mia moglie. Sono preoccupato perché c’è un avviso che dice: “Campi relativi ai giorni di lavoro dipendente o di pensione vuoti – sono presenti più Cu con situazioni particolari. Non è stato inserito il numero dei giorni di lavoro dipendente o di pensione. Quindi non sono applicate le relative detrazioni. Verifica e inserisci il numero dei giorni nel quadro C”.  Alla fine di tutto risulta un debito di bene 2.700 euro circa. La mia domanda è: cosa significa questo avviso?
Grazie


       
       
   
 
Scrivi ai nostri esperti
di 50&Più Caaf, invia una mail a:
comunicazione.esterna@50epiu.it

Leggi qui gli altri quesiti fiscali
 
Nota trattamento dati personali
 


RISPOSTA

Il modello 730 Precompilato predisposto dall’Agenzia delle entrate va sempre verificato con molta attenzione dal dichiarante in quanto potrebbe essere incompleto di alcuni dati essenziali che hanno una notevole rilevanza nel calcolo del conguaglio finale. Inoltre, in alcuni casi, una parte degli oneri e spese non sono inserite nella dichiarazione ma nel cosiddetto “Prospetto aggiuntivo” costringendo il contribuente a ulteriori controlli e verifiche. Si deve ricordare, tra l’altro, che chi presenta il proprio 730 sul sito dell’Agenzia delle entrate è esonerato dai controlli esclusivamente se “accetta” la dichiarazione. Al contrario se la modifica o la integra, variando il reddito o l’imposta, sarà soggetto ad eventuali controlli dell’Agenzia per tutti i dati in essa contenuti ivi inclusi quelli non variati.

Tornando al suo quesito in presenza di più “rapporti di lavoro” nel corso del medesimo anno e, di conseguenza, di due o più Certificazioni Uniche (Modelli CU) è possibile che nel modello 730 Precompilato i giorni di lavoro dipendente non vengano valorizzati dall’Agenzia con la conseguenza che non le saranno riconosciute le detrazioni a lei spettanti il cui importo incide notevolmente nel conguaglio finale. Nel suo caso dovrà verificare le Certificazioni in suo possesso ed inserire i giorni di lavoro dipendente svolto nell’anno (Casella 6 della CU2016)  tenendo presente che, in presenza di più redditi di lavoro dipendente, è necessario indicare il numero totale dei giorni compresi nei vari periodi, tenendo conto che quelli compresi in periodi contemporanei devono essere considerati una volta sola. Ad esempio se è in possesso di due CU ed il periodo di lavoro (campo 8 e 9 della CU) per una va dal 01/01 al 31/3 e per l’altra dal 1/3 al 30/11 il mese di marzo, presente in entrambe le certificazioni, andrà conteggiato una sola volta.

 

Cosa c’è da sapere...

Tra i principali elementi presenti nel modello 730 precompilato dall’Agenzia, oltre ai redditi certificati dalla CU e ai dati della dichiarazione presentata lo scorso anno, ci saranno solo alcuni degli oneri detraibili e deducibili che consentono di godere delle agevolazioni fiscali (spese sanitarie, interessi passivi su mutui, premi per assicurazioni, contributi previdenziali e per previdenza complementare, spese universitarie e spese funebri).

Già lo scorso anno gli organi di informazione e gli addetti ai lavori hanno evidenziato alcune criticità nei dati presenti nel modello precompilato ma, dalle prime segnalazioni ricevute, la situazione, nel corrente anno, non sembra sia migliorata a dimostrazione che la cosiddetta “fase sperimentale” sarà ancora lunga prima di arrivare ad una dichiarazione che possa definirsi “completa”.

Tra le principali criticità emerse in questi primi giorni si evidenzia:

- l’assenza dei giorni di lavoro dipendente in alcune dichiarazioni dove il percipiente è titolare di più Certificazioni Uniche;

- l’assenza di una parte delle spese mediche sostenute in quanto non tutti i soggetti erano obbligati a comunicarle  all’Agenzia. Ad esempio erano esonerate le parafarmacie, le aziende non accreditate al Servizio Sanitario Nazionale, alcune categorie di medici quali fisioterapisti, psicologi ecc.;

- in riferimento agli acquisti nelle farmacie è da evidenziare l’assenza di una parte delle spese detraibili, come ad esempio gran parte dei cosiddetti “farmaci da banco”, a causa delle difficoltà tecniche da parte delle farmacie nella conservazione dei dati;

- l’assenza di spese detraibili molto ricorrenti (mancano alcune importanti spese come quelle di istruzione che, dal corrente anno, sono detraibili anche per la scuola materna, elementari, medie e superiori fino a euro 400 per studente ivi incluse quelle sostenute per la mensa scolastica);

- la presenza di ulteriori redditi nel quadro “D” del modello 730 inseriti nella precompilata a seguito delle comunicazioni delle Casse e Fondi sanitari per i rimborsi effettuati nel 2015 di spese mediche sostenute dai propri assistiti nel 2014. In questi casi il contribuente potrebbe vedersi costretto a pagare imposte in realtà non dovute e dovrà verificare attentamente la dichiarazione dello scorso anno;

- l’assenza in dichiarazione delle spese di ristrutturazione, riqualificazione energetica e bonus arredi sostenute nel 2015 le quali, essendo presenti nel solo Prospetto aggiuntivo costringeranno il contribuente a doverle verificare e ad integrare la propria dichiarazione perdendo così il vantaggio dell’esonero dei controlli.

In alternativa alla presentazione del modello 730 sul sito dell’Agenzia delle entrate ci si potrà rivolgere ad un CAF che, oltre a verificare la correttezza dei dati inseriti e a riconoscere i benefici fiscali delle spese non presenti nel precompilato, apporrà il Visto di conformità sulla dichiarazione. In questo caso, sui dati certificati, il controllo documentale sarà effettuato dall’Agenzia nei confronti dello stesso CAF che, in caso di errore, sarà chiamato direttamente dall’Amministrazione finanziaria al pagamento di imposta sanzioni ed interessi.

 

Gli esperti di 50&PiùCaaf che rispondono alle vostre domande sono: Marco Chiudioni, Stefania De Agrò, Ada Martino, Romeo Melucci, Giuseppe Russo.


Questa rubrica, curata dai nostri esperti fiscali, risponde al quesito più significativo e di interesse generale pervenuto nel corso della settimana. Se hai una domanda fiscale scrivi
a: comunicazione.esterna@50epiu.it.

50&PiùCaaf svolge un qualificato servizio di assistenza fiscale certificato dal visto di conformità, garantito da una polizza assicurativa e dalla competenza dei suoi esperti fiscali. E' scelto ogni anno da oltre 750.000 lavoratori e pensionati.

 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.

Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Pensionati, l’Inps ha avviato la verifica dei redditi 2018-2017

Sono coinvolti oltre 7 milioni di pensionati destinatari delle prestazioni legate al reddito


Italia in... Canto, a Roma le semifinali aspettando Sanremo

Saranno in 50 a contendersi la partecipazione alla finale che si terrà il 16 maggio 2020 al Teatro Ariston di Sanremo


Indennizzo commercianti: conferme dal Governo

Il nuovo esecutivo intende ampliare la platea di coloro che ne hanno diritto, vista la crisi del settore


Il Patronato 50&PiùEnasco alla presidenza del Cipla

Tagli, incertezza economica, ritardi e scarsa vigilanza. Sono queste le valutazioni emerse e condivise nel corso della prima riunione del Comitato


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.