Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie > CAF > Quesito Fiscale


29
Il padre può detrarre le spese per la ristrutturazione edilizia dell’abitazione della figlia?

Il padre può detrarre le spese per la ristrutturazione edilizia dell’abitazione della figlia?
   

Risposta a cura di 50&PiùCaaf


DOMANDA

Mia figlia che vive con me ha acquistato un nuovo appartamento che deve essere ristrutturato. Le spese per i lavori di ristrutturazione saranno sostenuti da me padre convivente con la figlia nella nostra casa di famiglia (non nella casa che deve essere ristrutturata). I bonifici saranno da me effettuati. Ho diritto al recupero fiscale?
Grazie


       
       
   
 
Scrivi ai nostri esperti
di 50&Più Caaf, invia una mail a:
comunicazione.esterna@50epiu.it

Leggi qui gli altri quesiti fiscali
 
Nota trattamento dati personali
 


RISPOSTA

In via generale la detrazione spetta a tutte le persone fisiche, residenti e non residenti nel territorio dello Stato, che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo (proprietà, altro diritto reale, concessione demaniale, locazione o comodato), l’immobile sul quale sono stati effettuati gli interventi di recupero edilizio. La detrazione per lavori di ristrutturazione edilizia spetta anche al familiare (coniuge, parenti entro il terzo grado, affini entro il secondo grado), a condizione però che lo stesso sia convivente del possessore o detentore dell’immobile, sostenga le spese e le fatture e i bonifici risultino intestati a lui (Circolare Agenzia entrate n. 36/2007). E’ necessario, in ogni caso, che la convivenza sussista fin dal momento in cui hanno inizio i lavori.

L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare 12.06.2002 n. 50 risposta 5.1, ha ulteriormente ribadito che: “…
non è invece richiesto che l’immobile sia considerato abitazione principale per il proprietario o per il familiare convivente, essendo sufficiente che si tratti di una delle abitazioni su cui si esplica il rapporto di convivenza”.

Per rispondere al suo quesito se sua figlia convive con lei, così come attestato anche dallo stato di famiglia, si ritiene che, ferma restando la sussistenza degli altri requisiti, lei possa detrarre le spese sostenute per l’immobile di proprietà di sua figlia a condizione che detto immobile sia “a disposizione” del nucleo familiare ed in esso si possa esplicare, in linea di principio, il rapporto di convivenza.

Le fatture ed i bonifici devono essere intestati al soggetto che sostiene la spesa e che è legittimato ad usufruire della detrazione (padre) mentre le eventuali abilitazioni amministrative, richiesta dalla vigente normativa edilizia, possono anche essere intestate al proprietario dell’immobile (figlia). Si ricorda che nel bonifico dovrà essere sempre indicata la causale del versamento (Bonifico relativo a lavori edilizi che danno diritto alla detrazione prevista dall’articolo 16-bis del Dpr 917/1986), il  codice fiscale del soggetto beneficiario della detrazione fiscale e il codice fiscale, o numero di partita Iva, del beneficiario del pagamento.


COSA C’E’ DA SAPERE...

Il Provvedimento dell’Agenzia delle entrate del 2/11/2011 ha indicato i seguenti documenti che devono essere conservati ed esibiti dai contribuenti che intendono avvalersi della detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio di cui all’art. 16 bis del TUIR: 

1. Le abilitazioni amministrative richieste dalla vigente legislazione edilizia in relazione alla tipologia di lavori da realizzare (Concessione, autorizzazione o comunicazione di inizio lavori). Nel caso in cui la normativa non preveda alcun titolo abilitativo per la realizzazione di determinati interventi di ristrutturazione edilizia comunque agevolati dalla normativa fiscale occorre dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà,  in cui sia indicata la data di inizio dei lavori ed attestata la circostanza che gli interventi di ristrutturazione edilizia posti in essere rientrano tra quelli agevolabili, anche se i medesimi non necessitano di alcun titolo abilitativo, ai sensi della normativa edilizia vigente.

2. Per gli immobili non ancora censiti, domanda di accatastamento.

3. Ricevute di pagamento dell’imposta comunale sugli immobili, se dovuta.

4. Delibera assembleare di approvazione dell’esecuzione dei lavori, per gli interventi riguardanti parti comuni di edifici residenziali, e tabella millesimale di ripartizione delle spese.

5. In caso di lavori effettuati dal detentore dell’immobile, se diverso dai familiari conviventi, dichiarazione di consenso del possessore all'esecuzione dei lavori.

6. Comunicazione preventiva indicante la data di inizio dei lavori all’Azienda sanitaria locale, qualora la stessa sia obbligatoria secondo le vigenti disposizioni in materia di sicurezza dei cantieri.

7. Fatture e ricevute fiscali comprovanti le spese effettivamente sostenute.

8. Ricevute dei bonifici di pagamento.

 


Gli esperti di 50&PiùCaaf che rispondono alle vostre domande sono: Marco Chiudioni, Stefania De Agrò, Ada Martino, Romeo Melucci, Giuseppe Russo.


Questa rubrica, curata dai nostri esperti fiscali, risponde al quesito più significativo e di interesse generale pervenuto nel corso della settimana. Se hai una domanda fiscale scrivi
a: comunicazione.esterna@50epiu.it.

50&PiùCaaf svolge un qualificato servizio di assistenza fiscale certificato dal visto di conformità, garantito da una polizza assicurativa e dalla competenza dei suoi esperti fiscali. E' scelto ogni anno da oltre 750.000 lavoratori e pensionati.

 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.

Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Pensionati, l’Inps ha avviato la verifica dei redditi 2018-2017

Sono coinvolti oltre 7 milioni di pensionati destinatari delle prestazioni legate al reddito


Italia in... Canto, a Roma le semifinali aspettando Sanremo

Saranno in 50 a contendersi la partecipazione alla finale che si terrà il 16 maggio 2020 al Teatro Ariston di Sanremo


Indennizzo commercianti: conferme dal Governo

Il nuovo esecutivo intende ampliare la platea di coloro che ne hanno diritto, vista la crisi del settore


Il Patronato 50&PiùEnasco alla presidenza del Cipla

Tagli, incertezza economica, ritardi e scarsa vigilanza. Sono queste le valutazioni emerse e condivise nel corso della prima riunione del Comitato


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.