Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


17
Ritardato pagamento IMU e TASI


Con il ravvedimento operoso è possibile rimediare all’omesso o parziale versamento. Ecco come fare.

 

Scaduto il 16 dicembre il termine ultimo per il saldo di Imu e Tasi, in caso di tardivo o parziale pagamento è possibile rimediare attraverso il ricorso al ravvedimento operoso. Grazie a questo istituto il contribuente può pagare l'imposta dovuta con una sanzione ridotta, abbinata agli interessi legali, e graduata ai giorni di ritardo. Se il Comune non ha deliberato diversamente, gli interessi per il 2015 vanno calcolati al tasso legale annuo dello 0,5% con maturazione giorno per giorno.
 

Anche per l'Imu e per la Tasi, come per gli altri tributi, ricorda 50&PiùCaaf, in caso di omesso o parziale versamento si applica la sanzione del 30%, prevista dall’art. 13 co. 2 del DLgs. 471/97. Il contribuente che intende porre rimedio alla dimenticanza o all'errore, ha la possibilità di regolarizzarsi, pagando la sanzione ridotta a:

- 1/15 per ogni giorno di ritardo, se esso viene eseguito entro 14 giorni dalla violazione. La sanzione sarà quindi dello 0,2% per il 1° giorno, dello 0,4% per il secondo giorno e così via fino al 2,8% il 14° giorno;

- 1/10 del minimo (pari al 3%) nei casi di mancato pagamento del tributo o di un acconto, se esso viene eseguito nel termine di 30 giorni dalla data dell’omissione;

- 1/9 del minimo (pari al 3,33%) se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene entro il novantesimo giorno;

- 1/8 del minimo (pari al 3,75%), se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno nel corso del quale è stata commessa la violazione .

Si evidenzia infine che la nuova legge di Stabilità dovrebbe prevedere una riforma delle sanzioni amministrative, che però entreranno in vigore solo dall’anno 2016.

Per gli omessi e ritardati versamenti, per quanto riguarda i codici tributo da utilizzare nel modello F24 in sede di versamento dell’imposta e degli interessi, nella Risoluzione n. 35/2012 l’Agenzia delle Entrate ha precisato che in caso di “ravvedimento le sanzioni e gli interessi sono versati unitamente all’imposta dovuta” e che occorre barrare la casella “RAVV” e nel campo “Anno di riferimento” dovrà essere indicato l’anno in cui l’imposta doveva essere versata.

 

Stampa

 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Le grandi crociere di 50&Più

L’Oriente, fra spiagge e cultura: Singapore, Malesia e Thailandia con Costa Fortuna dal 29 gennaio al 5 febbraio 2019


Nuova sede del Patronato 50&PiùEnasco a Ottawa

Premiato con l'Aquila d'oro, l'imprenditore italo-canadese Angelo Filoso


Legge di bilancio 2019: misure e costi annunciati

Tanti i nodi da sciogliere per il nuovo esecutivo: dalla Flat Tax al reddito di cittadinanza, dalla riforma delle pensioni agli impegni con l’Europa


A Venezia il Trofeo delle Olimpiadi 50&Più

Lecce, scende di un gradino e si classifica seconda, al terzo posto la squadra di Belluno. VIDEO


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.