Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


18
CASA, Imu e Tasi a 23,9 miliardi di euro

Nel 2014 prelievo di poco superiore al 2012. L’evasione fiscale tocca i 4,3 miliardi di euro. Il valore medio di un immobile scende a 181 mila euro. La rendita di locazione più alta è al Centro.

 

Tra Imu e Tasi gli italiani nel 2014 hanno sborsato 23,9 miliardi di euro. Poco più del 2012 quando l’ammontare delle tasse era di 23,8 miliardi. Ma non tutti pagano, visto che è stata calcolata un’evasione  pari a 4,3 miliardi di euro. Questi alcuni dati contenuti nel volume Gli immobili in Italia, redatto  dall’Agenzia delle Entrate e dal Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia, in collaborazione con il partner tecnologico Sogei e l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, presentato ieri a Roma presso l’Aula dei Gruppi Parlamentari della Camera dei Deputati.

 

L’analisi

Il volume fotografa la situazione immobiliare al 31 dicembre 2012: il 76,6% delle famiglie risulta risiedere in abitazioni di loro proprietà. Questo dato risulta sensibilmente più elevato al Sud (82,1%) e prossimo al dato nazionale al Nord (74,5%), mentre è più basso nelle regioni del Centro (72,8%).

 

Rispetto al 2011, nel 2012 il numero degli immobili censiti al Catasto cresce di circa 1,1 milioni, superando quota 62 milioni e 877mila. Oltre che dai consueti fenomeni di frazionamento o unificazione delle unità immobiliari esistenti e dagli accatastamenti delle nuove costruzioni, questo incremento è influenzato soprattutto dalla regolarizzazione degli immobili mai dichiarati in Catasto, i cosiddetti “immobili fantasma”.

 

La superficie media di un’abitazione in Italia, determinata come rapporto tra superficie complessiva e numero di unità abitative totali, è pari a 116 metri quadri e le regioni con abitazioni mediamente più grandi sono l’Umbria (133 mq), il Friuli Venezia Giulia e il Veneto (132 mq). Dimensioni mediamente più ridotte sono quelle riscontrabili in Valle d’Aosta (93 mq), Liguria (96 mq) e Basilicata (105 mq). Rispetto al 2011, si registra

comunque un aumento della superficie abitativa (+1,5%) a livello nazionale.

 

Scende il valore patrimoniale - Nel 2012 il valore del patrimonio immobiliare residenziale italiano è stato stimato in 6.574,9 miliardi di euro, in leggero calo rispetto al 2011 (-0,6%). Circa il 91% del valore riguarda le abitazioni e le relative pertinenze di proprietà delle persone fisiche. Il valore medio di un’abitazione nel 2012 è pari a circa 181mila euro, in calo dell’1,8% rispetto al 2011. Una cantina o una soffitta di pertinenza valgono in media 5.400 euro, un box invece poco più di 20mila euro.

 

L’identikit del locatore – Complessivamente, le persone che nel 2012 hanno immobili locati sono più di 4,5 milioni, in crescita di circa l’11,2% rispetto ai 4,1 milioni del 2010. Il 34,2% dei locatori ha un’età compresa tra 51 e 70 anni, seguono quelli con età compresa tra 31 e 50 anni (il 24,1%) e gli ultrasettantenni (21,5%). Il numero di contratti di locazione stipulati nel 2012 (5,4 milioni) è aumentato del 15,9% rispetto al 2010, con un incremento del 6,7% per il canone annuo medio percepito.

 

La rendita da locazione annua più elevata si registra al Centro (11.500 euro), dove i valori immobiliari risultano più alti, con una crescita del 4,3% rispetto al 2010; segue il Nord, con 10mila euro di canone da locazione annuo (e una crescita del 9,2%) e, infine, il Sud e le Isole dove la locazione frutta in media 7.500 euro l’anno (+3%).

 

Il prelievo sugli immobili - Tra le imposte patrimoniali, l’Imu, nel 2014 ha generato un gettito pari a 19,3 miliardi; mentre la Tasi sui servizi indivisibili ha prodotto un gettito di 4,6 miliardi. Il gettito complessivo Imu-Tasi 2014 (23,9 miliardi di euro) rimane pressoché invariato se confrontato con quello dell’Imu 2012 (23,8 miliardi di euro). Considerando solo l’abitazione principale, nel 2014 è calato del 12,6% il gettito Tasi-Imu (3,5 miliardi di euro), a fronte del gettito Imu 2012 che era risultato di circa 4 miliardi di euro. La Tasi (che nel 2013 non era prevista) è costata ai proprietari di prima casa in media 204 euro nel 2014 contro i 227 euro nel 2012 dell’Imu.

 

Il gettito evaso - A partire dai dati catastali il rapporto mette in evidenza la differenza fra quanto i contribuenti dovrebbero versare e quanto viene effettivamente versato. Nel 2014, con riferimento sia all’Imu che alla Tasi,  il gettito evaso risulta pari a 4,3 miliardi di euro in linea con il 2012.



Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Un’alleanza oggi per l’italia di domani

Il nostro Paese necessita di una strategia chiara per risolvere le conseguenze economiche portate dall’emergenza sanitaria


Il teatro è longevità, recitare è un elisir di lunga vita

Lo sanno bene i tanti attori che, oggi, calcano la scena ben oltre i supposti limiti di età


Covid-19: i dati conclusivi del sondaggio 50&Più

La ricerca racconta speranze e paure degli over 55, al tempo della pandemia


Il cumulo contributivo: le soluzioni

Ricongiungere gli anni di contribuzione versati in più gestioni è una delle possibilità per raggiungere prima la prestazione pensionistica


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.