Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


12
NATALE, regali "proibiti"

Dall'avorio alla lana shahtoosh, una lista di regali da evitare per chi ama l'ambiente e gli animali.


Natale si avvicina, c'è chi ha pronta una lista di regali da fare, chi invece si ridurrà all'ultimo momento. In entrambi i casi il rischio di acquistare qualcosa che sia contro il rispetto dell'ambiente e degli animali è dietro l'angolo. In alcune circostanze un semplice acquisto oltre a danneggiare habitat e specie animali, può contribuire a finanziare guerre e conflitti. Come evitare di essere complici di tutto questo? Un breve vademecum di Adnkronos.

Prima regola: no all'avorio intagliato, sia di elefante che di rinoceronte. Una materia prima che fa gola, tanto che solo nel 2013 sono stati tra i 22.000 e i 25.000 gli elefanti uccisi, 70 al giorno, mentre solo in Sud Africa dai 13 rinoceronti uccisi dai bracconieri nel 2007 si è saliti ai 1.004 del 2013. Meglio rinunciare e scegliere un altro materiale per statue e statuine, bracciali, pedine degli scacchi.

Per lo stesso motivo, occhio alla medicina popolare che sta vivendo un periodo d'oro, ma l'importazione di questi farmaci può essere illegale. Ossa di tigre, corni di rinoceronte, muschio o bile di orso: spesso tra i componenti vi sono animali e piante a rischio estinzione.

Se ci orientiamo su un accessorio di abbigliamento, no alla lana shahtoosh: è considerata la Regina delle Lane, ma è ricavata dal mantello dell'antilope tibetana, una specie altamente minacciata di estinzione.

Per confezionare sciarpe e foulard è stato sterminato il 90% di questa specie, considerato che per un solo scialle bisogna uccidere fino a tre animali. Per lo stesso motivo, no a cappotti e borse di leopardo, irbis, gatto di Geoffroy, tigre, leone, puma, giaguaro, ocelot o ghepardo. Meglio scegliere stoffe in seta naturale o altre fibre naturali.

Un regalo per chi ama la musica? La scelta è ampia quindi si può rinunciare ad acquistare strumenti musicali in guscio di tartaruga, chitarre in palissandro di Rio e i cosiddetti 'bastoni della pioggia' in legno di cactus. Per quanto riguarda il legno, infatti, è bene ricordare che dal 30 al 40% delle esportazioni dal continente asiatico è di origine illegale e una grandissima fetta è destinata all’Europa.

Gli omaggi floreali non sono esclusi: orchidee, cactacee, aloe (con l'eccezione dell'aloe vera), euforbie e ginseng americano sono piante protette per cui sono richiesti documenti Cites (la Convenzione di Washington). Occhio anche ai bastoncini d'incenso in legno di aloe, sandalo o rosa.

Il mercato nero di fauna e flora selvatiche fa viaggiare da un continente all’altro avorio, corni di rinoceronte, pelli, e legname protetti alimentando un giro di affari di 23 miliardi di dollari l’anno, il quarto mercato illegale mondiale dopo droga, armi ed esseri umani. Secondo le nazioni Unite più del 40% dei conflitti mondiali tra Paesi è da imputarsi al possesso di risorse naturali, a partire dal Paese ‘simbolo’, la Repubblica Democratica del Congo, uno dei più problematici riguardo il bracconaggio di elefanti, ippopotami, grandi scimmie e produzione illegale di carbone.

Secondo il Wwf, numerosi gruppi armati hanno acquistato armi e droga col saccheggio di biodiversità: Lord Resistency Army, le forze democratiche per la difesa del Rwanda, Mai-Mai Morgan. Janjaweed in Sudan si finanzia col commercio di avorio e corni di rinoceronte; i narcotrafficanti in CentroAmerica deforestano illegalmente intere zone; le milizie tribali in Nord Birmania sfruttano tigri e rettili.

 

Stampa

 


AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Premiati i vincitori dei Corti 50&Più

Vince la seconda edizione del Concorso il corto Amarcord sal mèn del regista Dorin Valeriu Mihai


Corti di Lunga Vita, i tre finalisti

La cerimonia di premiazione si terrà mercoledì 12 dicembre alle ore 18.00 al MAXXI di Roma


Thailandia: suggestioni d’oriente

In viaggio con 50&Più Turismo dal 10 al 19 marzo 2019. Un itinerario tra natura incontaminata e antiche capitali


Corti di Lunga Vita, ecco chi sono gli otto finalisti

La finale con la proclamazione dei vincitori si terrà il 12 dicembre al MAXXI di Roma alle ore 18.00


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.