Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie > CAF > Economia e Finanza


13
Istat: INFLAZIONE a +0,1%


L’Italia esce dalla deflazione. I prezzi al consumo tornano a salire per effetto dei beni energetici, il particolare del gas naturale.


L’Italia esce dalla deflazione. L’indice generale dei prezzi al consumo a ottobre 2014, al lordo dei tabacchi, sale dello 0,1% . Questo timido rialzo è sia sul mese precedente sia rispetto a ottobre 2013. Un aumento che conferma la stima provvisoria dell’Istat.

 

Il calo prolungato dei prezzi sembrerebbe estinto, ma non certo per una ripresa dei consumi. Infatti, la debole inversione di tendenza che rileva l’Istat è dovuta principalmente al ridimensionamento delle flessioni tendenziali dei prezzi dei beni energetici regolamentati (-2,6%, da -6,6% di settembre) ‒ con un ruolo determinante del gas naturale (-5,9%, da -11,1% del mese precedente) ‒ e dei servizi relativi alle comunicazioni (-1,0%, da -5,6% di settembre).

 

Il rialzo mensile dell'indice generale dei prezzi è quindi un “merito” dell’aumento del gas naturale (+4,7%). Anche il prezzo dell’energia elettrica segna un aumento congiunturale sensibile (+1,6%), ma meno marcato: su base tendenziale, cresce dell’1,9%, registrando un’inversione di tendenza (da -0,2% di settembre).

 

Nel comparto non regolamentato si rilevano ribassi congiunturali dei prezzi di quasi tutti i carburanti. Il prezzo della benzina diminuisce su base mensile dell’1,2% mentre registra una flessione su base annua (-0,8%) meno ampia di quella rilevata a settembre (-2,5%), per effetto del confronto con ottobre 2013 (mese in cui il calo congiunturale era stato più marcato e pari a -2,9%). Il prezzo del gasolio per mezzi di trasporto fa registrare un decremento congiunturale dell’1,1% e una flessione pari a -3,5% (da -3,4% del mese precedente). I prezzi degli altri carburanti – trainati dal ribasso del GPL – diminuiscono dello 0,9% su base mensile e del 5,0% su base annua (da - 4,1% di settembre).

 

Nel mese di ottobre 2014, gli incrementi congiunturali più ampi interessano i prezzi dell’istruzione (+1,2%) e dell’abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+1,1%). Aumenti su base mensile più contenuti si riscontrano per i prezzi delle divisioni di spesa per le comunicazioni (+0,4%), abbigliamento e calzature (+0,2%), servizi ricettivi e di ristorazione e altri beni e servizi (per entrambe +0,1%). I prezzi dei trasporti diminuiscono dello 0,6% rispetto a settembre 2014.

 

I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto, il cosiddetto carrello della spesa, diminuiscono dello 0,1% su base mensile e crescono dello 0,1% su base annua.

 

Per saperne di Più: www.istat.it

Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Il nuovo portale dell'associazione 50&Più

Un sito moderno, dinamico, ricco di informazioni. Si chiama Spazio50 ed è aperto a tutti gli over 50


Natale e Capodanno Insieme

Con 50&Più per trascorrere in compagnia il periodo più festoso dell’anno. Ecco le mete proposte


Pensionati, l’Inps ha avviato la verifica dei redditi 2018-2017

Sono coinvolti oltre 7 milioni di pensionati destinatari delle prestazioni legate al reddito


Italia in... Canto, a Roma le semifinali aspettando Sanremo

Saranno in 50 a contendersi la partecipazione alla finale che si terrà il 16 maggio 2020 al Teatro Ariston di Sanremo


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.