Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie > CAF > Economia e Finanza


02
INFLAZIONE: livello preoccupante
Più salato il carrello della spesa.  Alle stelle i prezzi di zucchero, caffé e carburanti. Secondo Federconsumatori gli italiani spenderanno 928 euro in più all'anno. Intanto l'Istat aggiorna il Paniere.

A gennaio 2012 il rincaro dei prodotti maggiormente consumati dalle famiglie (dai cibo ai carburanti) supera il tasso di inflazione. Il carrello della spesa costa agli Italiani il 4,2% in più, mentre l'inflazione si attesta al 3,2%. Lo rileva l'Istat analizzando i prezzi al consumo.

Secondo Federconsumatori il livello di inflazione registrato dall'Istituto di Statistica, le famiglie dovranno far fronte a una stangata di 928 euro annui. Solo nel settore alimentare, subiranno ricadute di oltre 201 euro annui a famiglia.
I dati dell’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, i prezzi in pochi mesi hanno conosciuto una crescita ben più consistente, anche sulla spinta del continuo aumento dei carburanti  L’inflazione rischia di avvicinarsi a fine anno tra il 4 e il 5%.

Il tasso di inflazione:nel mese di gennaio, comunica l'Istat, secondo le stime preliminari, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), comprensivo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,3% rispetto al mese precedente e del 3,2% nei confronti di gennaio 2011 (era +3,3% a dicembre 2011).  L’inflazione acquisita per il 2012 è pari all’1,6%.
Al netto dei soli beni energetici, il tasso di crescita tendenziale dell’indice dei prezzi al consumo scende al 2,2% dal 2,3%, di dicembre.
Il rallentamento dell’inflazione deriva dal lieve aumento del tasso di crescita tendenziale dei prezzi dei beni (+3,9%, dal +3,8% di dicembre 2011), più che compensato dal calo di quello dei servizi (+2,3%, dal +2,5% del mese precedente).

Beni alimentari: a gennaio aumentano pane e pasta (per entrambi +0,3%), in crescita su base tendenziale, rispettivamente, del 2,9% e del 2,1%. Rialzi si rilevano, inoltre, per i prezzi del caffè (+0,5%, +16,5% rispetto a gennaio 2011) e dello zucchero (+0,3%, +15,9% su base annua). I prezzi dei vegetali freschi (+2,4%), in flessione su base annua dell’8,6%. Aumenti su base mensile più moderati si rilevano per i prezzi del pesce fresco di mare di pescata (+1,5%, +3,6% in termini tendenziali) e del pesce fresco di acqua dolce (+1,4%, +1,3% su base annua). Per contro, nello stesso comparto, si segnala la diminuzione congiunturale dei prezzi della frutta fresca (-1,5%), in flessione anche su base tendenziale (-2,3%).

Beni energetici: nel comparto regolamentato, l’aumento congiunturale è dovuto ai rialzi del prezzo dell’energia elettrica (+5,1%), il cui tasso di crescita tendenziale sale all’11,3% dal 5,1% di dicembre, e del prezzo del gas naturale (+2,7%), che segna un incremento su base annua del 15,4% (era 13,2% a dicembre). Nel comparto non regolamentato si registrano forti rialzi congiunturali dei prezzi di tutti i carburanti: il prezzo della benzina aumenta del 4,9% sul mese precedente e il relativo tasso di crescita tendenziale sale al 17,4% (dal 15,8% di dicembre). Il prezzo del gasolio per mezzi di trasporto segna un rialzo congiunturale del 4,7% e cresce su base annua del 25,2% (in accelerazione dal 24,3% del mese precedente). In aumento su dicembre è anche il prezzo degli Altri carburanti (+2,1%), il cui tasso di variazione tendenziale diventa negativo (-2,0% dal 3,4% di dicembre). Infine, il prezzo del gasolio per riscaldamento aumenta dell’1,7% sul mese precedente e del 15,1% su quello corrispondente del 2011 (era +16,8% a dicembre).

Tabacchi: il lieve aumento su base mensile dei prezzi dei Tabacchi è imputabile all’aumento dei prezzi dei Sigari e sigaretti (+1,5%, +3,4% su base tendenziale) e delle Sigarette (+0,1%) che crescono su base annua del 7,1%.

Altri beni: per i  beni durevoli, si registra un forte aumento congiunturale dei prezzi degli apparecchi per la telefonia fissa (+6,2%), in crescita su base annua dell’11,6%, e un rialzo sul mese più moderato (+0,4%) per quelli degli apparecchi per la telefonia mobile, in flessione su base tendenziale del 22,6%. Aumenti congiunturali si rilevano, inoltre, sia per i prezzi degli Apparecchi per il trattamento dell’informazione (+2,4%, -5,4% in termini tendenziali) sia per i relativi Accessori (+1,4%, -10,1% su base annua). Infine, continuano ad aumentare i prezzi della Gioielleria (+0,6%, +23,8% su base annua).

Servizi: i servizi relativi ai trasporti, si registrano cali congiunturali consistenti per i prezzi del trasporto aereo passeggeri (-15,7%), che crescono su base tendenziale dell’8,2% (era +8,7% a dicembre). Diminuzioni decisamente più moderate si rilevano per i prezzi del trasporto marittimo e per vie di acque interne (-0,6%), in crescita del 30,3% rispetto a gennaio 2011 (+18,3% a dicembre) e per i prezzi del trasporto ferroviario passeggeri (-0,8%) che aumentano su base annua del 7,4% (in diminuzione dal 9,8% di dicembre). Per contro, all’interno di questo settore si segnala l’aumento congiunturale del 4,0% dei prezzi del pedaggio autostradale, che crescono su base tendenziale del 4,8%. Per quanto riguarda i Servizi vari, diminuiscono le spese bancarie e finanziarie, in flessione su base annua del 2,3%.

Servizi abitazione: aumenti sostenuti per i prezzi delle spese condominiali (+1,3%, +2,8% su base annua) e dei Servizi domestici di personale retribuito (+1,7%, +2,5% in termini tendenziali). Infine, nel settore dei Ricreativi, culturali e per la cura della persona si segnala il forte calo su base mensile dei prezzi dei Pacchetti vacanza (-6,8%), in flessione del 3,4% rispetto a gennaio 2011.

Il paniere si aggiorna:  per il calcolo dell'inflazione il paniere Istat include nuovi prodotti. Entrano  l'E-book reader, l'E-book download e la mediazione civile. Fra le posizioni rappresentative già presenti nel paniere dello scorso anno, una delle modifiche di maggiore rilievo riguarda la posizione Energia elettrica che, terminata l'introduzione progressiva dei prezzi biorari, viene disaggregata nelle tre posizioni Tariffa bioraria fascia diurna feriale, Tariffa bioraria fascia notturna, weekend e festivi equota fissa.
La posizione rappresentativa Computer desktop, comprende ora anche il nuovo prodotto "All-in-one", mentre quella relativa al Notebook include il nuovo prodotto "Ultrabook".
Novità si registrano anche nel segmento dei Giochi, lotterie e scommesse, nella posizione dei Concorsi pronostici, dove sono stati inseriti, in aggiunta ai tradizionali giochi numerici a totalizzatore nazionale e ai giochi a base sportiva, le "lotterie istantanee", le "scommesse sportive" e i "giochi a base ippica".
Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Pensione 2020: vecchie e nuove regole

Cercando di fornire risposte semplici, vediamo di chiarire cosa cambierà in tema di pensioni nel corso dell'anno entrante


Pensioni: sempre più magre dal 2020

Il nuovo anno non prevede alcuna grande novità per gli importi in pagamento, se non rivalutazioni assai modeste


50&Più: tornano le Olimpiadi invernali

Appuntamento dal 19 al 26 gennaio a San Sicario (TO), nel comprensorio sciistico della Via Lattea


Il nuovo portale dell'associazione 50&Più

Un sito moderno, dinamico, ricco di informazioni. Si chiama Spazio50 ed è aperto a tutti gli over 50


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.