Cerca
Register   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


25
Mercato immobiliare in CALO

Agenzia delle Entrate:le compravendite sono scese del 3,6%. Nel settore residenziale si acquista di più nei comuni di capoluogo. Firenze in testa.

Il dato complessivo dice che, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, il mercato immobiliare ha visto un calo del 3,6%. Una flessione che ha investito tutti i settori  tranne quello produttivo che segna +10,3%. Il leggero calo il  mercato residenziale (-1%) è legato al risultato negativo dei comuni non capoluogo (-2,4%), che ha annullato il dato positivo di quelli capoluogo (+1,8%). Un mercato, quindi più orientato verso le grandi città. Sono i principali dati che emergono dalla Nota trimestrale pubblicata  dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate riferiti al secondo trimestre 2014.
 
Mercato residenziale
L’analisi dei dati relativi al mercato residenziale, in particolar modo delle otto città che hanno più di 350mila abitanti, mette in evidenza un aumento del 3,8%. Tra le città che hanno fatto registrare un dato positivo spiccano: Firenze (+12,6%), Bologna (+10,8%) e Genova (+10,3%), mentre arrivano segnali negativi da Torino (-5,5%) e Napoli (-6,3%).

Inoltre, si segnala che il capoluogo piemontese è l’unica, tra le grandi città, a passare da un valore positivo (+10,8%) registrato nel primo trimestre a quello negativo del secondo trimestre.
Cambiamento opposto invece per Palermo che passa dal -1% dei primi tre mesi dell’anno al +7% del periodo aprile-giugno.

È andata peggio nei comuni delle province, dove c’è stato un leggero calo (-1,2%), dovuto alle flessioni di Bologna (-6,7%), Milano (-2,9%) e Genova (-4,8%). Questi cali sono stati mitigati in parte dai dati positivi osservati a Firenze (+9,7%), Napoli (+2%) e Roma (+0,9%).

 
Settore commerciale
Anche il settore commerciale riprende il ciclo negativo avviato negli ultimi mesi del 2011. Registrato, nel secondo trimestre 2014, un calo del 5,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; la flessione riguarda tutte le aree territoriali, con il Sud che segna il decremento maggiore (-9%).
 
Settore terziario
Scende anche il settore terziario (-6,9%), che comprende le unità immobiliari censite in catasto come uffici e istituti di credito. Anche in questo caso, la flessione coinvolge tutte le aree geografiche, seppure con qualche differenza: a perdere maggiormente è il Centro (-22,3%), mentre Sud e Nord hanno limitato le perdite, fermandosi a -4,3% e -2,2%.
 
Settore produttivo
L’unico settore che ha visto un segno positivo è quello produttivo (capannoni e industrie), che ha fatto segnare un aumento del 10,3%. A incidere sul risultato soprattutto il Nord (+16,2%) e il Centro (+9,1%), che annullano il calo registrato nel Mezzogiorno (-8,5%).

Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Incontri 50&Più in Sardegna

La grande festa de soci 50&Più quest’anno si tiene a Geremeas (Ca) dal 30 maggio al 28 giugno


Pensione 2020: vecchie e nuove regole

Cercando di fornire risposte semplici, vediamo di chiarire cosa cambierà in tema di pensioni nel corso dell'anno entrante


Pensioni: sempre più magre dal 2020

Il nuovo anno non prevede alcuna grande novità per gli importi in pagamento, se non rivalutazioni assai modeste


50&Più: tornano le Olimpiadi invernali

Appuntamento dal 19 al 26 gennaio a San Sicario (TO), nel comprensorio sciistico della Via Lattea


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.