Cerca
Register   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


07
Consumo di GAS: è allerta
Per un attimo Gazprom, il colosso del gas russo, fa “tremare” l’Italia, con un’annunciata riduzione del 30% del quantitativo di gas immesso nel nostro Paese. Il Ministero dello Sviluppo economico interviene con un piano eccezionale. Escluse per le utenze domestiche conseguenze negative.

La Sardegna imbiancata, una temperatura di – 21° C in Liguria, l’Emilia-Romagna sotto i ghiacci e la neve, black-out continui, autostrade chiuse, comunicazioni interrotte. L’elenco potrebbe continuare, ma è meglio fermarsi qui. Una situazione straordinaria, un gelo che in taluni casi neppure i nostri nonni ricordavano, forse reso ancora più difficile da affrontare dall’inadeguatezza dei mezzi usati e dalla scarsa organizzazione. Ma per le polemiche ci sarà tempo. In tutto questo un annuncio veloce sconvolge e preoccupa il nostro Paese, flagellato in queste ore dal gelo e dalla neve: il consumo di gas si avvia a grandi passi verso il record di 440 milioni di metri cubi consumati, un picco dei consumi atteso nei prossimi giorni. E da subito Gazprom, uno dei nostri maggiori fornitori della rete gas, ha messo in chiaro che ridurrà l’erogazione del 30%.

Il Ministero dello Sviluppo si muove

Il Comitato per il monitoraggio e l’emergenza gas del Ministero dello Sviluppo Economico ha parlato di “allerta per il picco eccezionale” annunciando “ulteriori misure” per migliorare gli approvvigionamenti del nostro Paese, soprattutto alla luce dell’eccezionale ondata di freddo che sta attraversando l’intero continente europeo. Una situazione considerata di allerta e che va riequilibrata nel calo di forniture di gas russo con l'aumento delle importazioni da Nord Europa e Nord Africa. Non solo: nella riunione di ieri del Comitato, è stato deciso di riavviare le centrali ad olio combustibile (il che denota che siamo in piena emergenza). Intanto è in corso l'attivazione del contenimento dei consumi dei clienti industriali, le cui clausole contrattuali prevedono queste possibilità. “Misure che tutelano pienamente le utenze domestiche per le quali sono escluse conseguenze negative”, comunica il Ministero.

Parla l’Eni
In un suo intervento a Radio 24, l’Amministratore Delegato dell’Eni, Paolo Scaroni, ha annunciato che fino a mercoledì non ci saranno problemi con l’aumento concordato delle importazioni dall’Algeria e dal Nord Europa attraverso la Svizzera. Il problema è semmai verificare che cosa accadrà sempre con Gazprom fra i giorni di giovedì e venerdì, giornate in cui è prevista in Russia un’ulteriore ondata di freddo con relative diminuzioni dei volumi di gas importati dal rigassificatore di Rovigo.
Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Invalidità civile 2020: i nuovi importi

Pochi euro per tutti: è la situazione che molti affrontano da tempo, sebbene i trattamenti siano calcolati sui redditi dei singoli


Spese detraibili: dal 1° gennaio è cambiato il metodo di pagamento


Olimpiadi invernali: vince il Trofeo la provincia di Massa Carrara

Secondo posto per la squadra provinciale di Bergamo e terzo per Lucca


Incontri 50&Più in Sardegna

La grande festa de soci 50&Più quest’anno si tiene a Geremeas (Ca) dal 30 maggio al 28 giugno


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.