Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie > CAF > Fisco


18
Decreto IRPEF,  sì della Camera

Le misure: dalla Tasi all’aumento della tassazione sulle rendite finanziarie dalla riduzione dell'Irap all'aumento della tassa sul passaporto.


Il  decreto-legge  del  24 aprile 2014, n. 66, meglio conosciuto decreto Irpef, ha avuto il via libera definitivo della Camera con 322 sì, 149 no e 8 astenuti. Oltre alle conferme del bonus di 80 euro e il rinvio a ottobre dell’accontoTasi nei comuni che non hanno determinato le aliquote, il testo prevede, tra le varie misure, l’incremento delle rendite finanziarie, i tagli alla Rai, la proroga dei debiti Equitalia.

I principali provvedimenti fiscali

Bonus Irpef:  Confermato il bonus di 80 euro per i titolari di redditi da lavoro dipendente o assimilati. L’allargamento della platea viene rinviata alla legge di stabilità, dove ‘’saranno prioritariamente previsti interventi di natura fiscale che privilegino, in particolare, le famiglie monoreddito con almeno due o più figli a carico’’.

Tasi: Il versamento della prima rata della Tasi (la tassa sui servizi indivisibili) nei comuni ritardatari, è rinviata al 16 ottobre, ‘’sulla base delle deliberazioni concernenti le aliquote e detrazioni’’ pubblicati nel sito informatico entro il 18 settembre. I comuni sono quindi tenuti a inviare le deliberazioni, esclusivamente in via telematica, entro il 10 settembre. E’ previsto un acconto per gli enti locali, pari al 50% del gettito annuo stimato. I comuni dovranno rendere disponibili i modelli precompilati per il pagamento della Tasi

Irap: Viene ridotta l’aliquota base che passa dal 3,9% al 3,5%. vengono inoltre introdotte una serie di modifiche che riguardano imprese di assicurazioni, banche e soggetti finanziari, società di capitali. L’estensione dei tagli Irap a soggetti che non sono stati inclusi nel provvedimento sarà contenuta nel decreti delegati sulla riforma fiscale.

Rendite finanziarie: A partire dal primo luglio la tassazione passa dal 20% al 26%. Resta al 12,55 la tassazione sui titoli di stato, buoni postali. E’ inoltre previsto l’affrancamento delle plusvalenze e minusvalenze maturate entro il 30 giugno 2014. Per le casse di previdenza private è previsto un credito d’imposta, per il 2014, che consente di lasciare invariato il prelievo all’11,5%.

Tassa passaporti: Vicino al doppio la "tassa" sui passaporti  che sale a 73,50 euro dagli attuali 40,29 euro. È stato, invece, abolito il contributo annuale per i viaggi in Paesi extra Ue. Allo stesso tempo dovranno essere versati 300 euro per ottenere la cittadinanza italiana

Cartelle Equitalia: I contribuenti ritardatari, che non hanno rispettato i termini di pagamento delle cartelle Equitalia, potranno accedere di nuovo alla rateazione, a patto che la violazione sia antecedente al 22 giugno 2013. I contribuenti potranno accedere alle nuove norme, chiedendo al massimo la dilazione in 72 rate. La richiesta dovrà essere presentata entro il 31 luglio 2014.

Evasione fiscale: E’ prevista la presentazione da parte dei governo di un rapporto sulla realizzazione delle strategie di contrasto all’evasione, sui risultati del 2013, specificati per ciascuna regione, e sui risultati attesi. Il governo dovrà inoltre attuare un programma per la definizione di altre misure per conseguire nel 2015 un incremento di 2 mld di entrate dalla lotta all’evasione rispetto al 2013.

Fondo riduzione tasse: Le maggiori entrate strutturali, pari a 300 mld dal 2014, andranno alla copertura del bonus Irpef.

Spese P.A. : E’ prevista una riduzione per l’acquisto di beni e servizi da parte delle pubbliche amministrazioni, a partire dal 2014, pari a 2,1 mld le amministrazioni pubbliche, che possono procedere al taglio del 5% degli importi dei contratti in essere.

Compensi F24: E’ prevista la riduzione dei compensi riconosciuti alle banche per il servizio di pagamento di imposte e contributi versati con il modello F24. Contestualmente per i versamenti superiori a 1.000 euro o in presenza di compensazioni è previsto, a partire dal primo ottobre, l’obbligo di utilizzare il modello F24 on line.

Rai: Vengono confermati i tagli da 150 milioni di euro; la società sarà invece esclusa dai tagli aggiuntivi, previsti per le partecipate. Viene assicurata la presenza, in ciascuna regione e provincia autonoma, di proprie redazioni e strutture adeguate. Le sedi dovranno soddisfare le esigenze di promozione delle culture e degli strumenti linguistici locali. E infine prevista la possibilità di cedere quote di Rai way; mentre non è più prevista la costituzione di una società ad hoc che si occupa di trasmissione dei programmi radiotelevisivi all’estero (Rai world).

Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Il nuovo portale dell'associazione 50&Più

Un sito moderno, dinamico, ricco di informazioni. Si chiama Spazio50 ed è aperto a tutti gli over 50


Natale e Capodanno Insieme

Con 50&Più per trascorrere in compagnia il periodo più festoso dell’anno. Ecco le mete proposte


Pensionati, l’Inps ha avviato la verifica dei redditi 2018-2017

Sono coinvolti oltre 7 milioni di pensionati destinatari delle prestazioni legate al reddito


Italia in... Canto, a Roma le semifinali aspettando Sanremo

Saranno in 50 a contendersi la partecipazione alla finale che si terrà il 16 maggio 2020 al Teatro Ariston di Sanremo


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.