Cerca
Registrazione   |  Login
Pause
Percorso di navigazione > Home > Notizie


30
Spese di ristrutturazione con bonifico da conto cointestato ma la fattura indica un unico intestatario

Spese di ristrutturazione con bonifico da conto cointestato ma dalla fattura risulta solo un beneficiario della detrazione Irpef.

Risposta a cura di 50&PiùCaaf


DOMANDA
: Sono il coniuge convivente non proprietario dell'immobile in cui vivo con mia moglie (proprietaria). A partire dal 2012 abbiamo effettuato dei lavori di ristrutturazione e risparmio energetico.
Avendo mia moglie un'Irpef bassa avevamo chiesto al commercialista, al quale ci siamo appoggiati preventivamente per ottenere un supporto in merito, se facendo la dichiarazione dei redditi congiunta le due IRPEF si sarebbero cumulate.

Avendo avuto risposta positiva, tutte le fatture emesse dalle imprese sono state intestate a mia moglie e pagate con bonifico da un conto cointestato a entrambi.
Ora in fase di dichiarazione dei redditi il commercialista ci avvisa che possiamo portare in detrazione solo la quota IRPEF di mia moglie in contraddizione a quanto detto inizialmente.

Avremmo optato altrimenti per intestare le fatture anche a mio nome. E’ corretto quanto detto dal commercialista? E’ possibile ora ovviare al problema chiedendo alle imprese di modificare/cointestare le fatture? Oppure tutto quello che non è detraibile con l'IRPEF di mia moglie è irrimediabilmente perso?



   


RISPOSTA
: In merito alle agevolazioni  fiscali  per gli interventi di recupero edilizio e per quelli finalizzati al risparmio energetico, la ripartizione della spesa in dichiarazione dei redditi si reputa debba essere conseguente a quanto indicato nella documentazione che attesta il sostenimento della spesa.

L’Agenzia delle Entrate con circolare 12.06.2002 n.50, risposta 5.1, ha tenuto a precisare che la detrazione compete anche ai familiari conviventi del possessore o detentore dell’immobile sul quale vengono effettuati i lavori, purché ne sostengano le spese e quindi risultino destinatari delle relative fatture ed abbiano provveduto al pagamento con bonifico.
 
Con la Circolare 4.04.2008 n. 34, risposta 11.1, la predetta Agenzia ha anche chiarito che qualora non vi sia coincidenza tra il nominativo riportato nella scheda informativa e l’intestazione del bonifico o della fattura, la detrazione spetta al soggetto avente diritto nella misura in cui ha sostenuto effettivamente la spesa a condizione che detta circostanza venga annotata in fattura.

In ultimo,  con la recente circolare  21.05.2014 n.11/E, nel confermare il predetto orientamento, ha altresì chiarito che: “…l’annotazione sui documenti della percentuale di spesa sostenuta deve essere effettuata fin dal primo anno di fruizione del beneficio e che il comportamento dei contribuenti deve essere coerente con detta documentazione. E’ esclusa la possibilità di modificare, nei periodi d’imposta successivi , la ripartizione della spesa sostenuta”.

Cosa c’è da sapere…

I familiari conviventi con il possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento, che sostengono le spese per la realizzazione dei lavori, possono fruire della detrazione d’imposta a condizione che il requisito della convivenza abbia carattere di stabilità e non sia solo episodico. Al fine di usufruire del beneficio è richiesto che la convivenza sussista fin dal momento in cui iniziano i lavori ( Circolare 4.04.2008 n. 34).

L’estensione dell'agevolazione ai conviventi trova applicazione limitatamente ai lavori eseguiti su immobili appartenenti all'ambito "privatistico", a  quelli, cioè, nei quali può esplicarsi la convivenza, ma non in relazione ai lavori eseguiti su immobili strumentali all'attività d'impresa, arte o professione (Circolare 31.05.2007 n. 36).

Gli esperti di 50&PiùCaaf che rispondono alle vostre domande sono:
Cinzia Calabrese, Marco Chiudioni, Ada Martino, Romeo Melucci.

Questa rubrica, curata dai nostri esperti fiscali, risponde al quesito più significativo e di interesse generale pervenuto nel corso della settimana. Se hai una domanda fiscale scrivi a: comunicazione.esterna@50epiu.it.

50&PiùCaaf svolge un qualificato servizio di assistenza fiscale certificato dal visto di conformità, garantito da una polizza assicurativa e dalla competenza dei suoi esperti fiscali. E' scelto ogni anno da oltre 750.000 lavoratori e pensionati.

 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.

Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Nuova sede del Patronato 50&PiùEnasco in Canada

Con l’ufficio di Mississauga, salgono a 12 le sedi distribuite sul territorio canadese


Quota 100: vecchie e nuove regole?

Al momento non ci sono precise indicazioni sul destino di Quota 100. E il cantiere pensioni resta aperto con la scritta “lavori in corso”


Olimpiadi 50&Più: tutte le classifiche

Le discipline, le coppe e le medaglie dell'unico evento sportivo dedicato agli over 50. Video


Lecce vince il Trofeo delle Olimpiadi di 50&Più

Al 2° posto Lodi e al 3° Venezia. A Lecce anche l'assoluto maschile. Belluno primeggia nella classifica femminile


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.