Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie > CAF > Quesito Fiscale


09
I compensi da lavoro saltuario, remunerati con voucher, vanno dichiarati nel 730?

I compensi da lavoro saltuario, remunerati con voucher, vanno dichiarati nel 730?

Risposta a cura di 50&PiùCaaf


DOMANDA
: Vengo al dunque. Nell'anno 2013 ho percepito i seguenti redditi:
Euro 2821.53, derivante da sussidio di disoccupazione;
Euro 1700 circa, derivante da lavoro occasionale con ritenuta d'acconto;
Euro 250 circa, derivante da lavoro occasionale di tipo accessorio (voucher).
Devo mettere tutto nella dichiarazione dei redditi? Cosa non va eventualmente dichiarato?
Grazie.


   


RISPOSTA
: In via generale che possono utilizzare il Mod. 730 i contribuenti che nel 2013 hanno percepito:

  • redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (es. co.co.co. e contratti di lavoro a progetto);
  • redditi dei terreni e dei fabbricati;
  • redditi di capitale;
  • redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita IVA (es. prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente);
  • redditi diversi (es. redditi di terreni e fabbricati situati all’estero);
  • alcuni dei redditi assoggettabili a tassazione separata, indicati nella sezione II del quadro D.

Con riferimento ai redditi da lei percepiti nel 2013 sono dichiarabili il sussidio di disoccupazione da indicare nel quadro C del modello 730 e il reddito di lavoro occasionale che vanno invece esposti nel quadro D (rigo D5 codice “2”). Per quanto riguarda invece i lavori saltuari (occasionali), remunerati attraverso voucher e quindi riconducibili nell’ambito della disciplina di cui al Dlgs n. 276/2003 (articoli da 70 a 73), modificata fino alla legge n. 33/2009 sono esenti da imposizione fiscale, pertanto, detti compensi non concorrono alla formazione del reddito e non c’è l’obbligo di dichiarazione.

La invitiamo comunque a rivolgersi ad un CAF o ad un professionista abilitato per una più dettagliata analisi dei documenti in suo possesso e per la verifica dei requisiti di un eventuale esonero dichiarativo.


Cosa c’è da sapere…

Il “decreto del fare” (Dl 69/2013) ha introdotto la possibilità di utilizzare il 730 anche per i contribuenti titolari di redditi di lavoro dipendente e/o assimilati, privi di un sostituto d'imposta tenuto a effettuare il conguaglio (sono esclusi alcuni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, fra cui le indennità percepite dai membri del Parlamento europeo).
Se dalla dichiarazione (che va presentata a un Caf o a un iscritto nell’albo dei consulenti del lavoro oppure in quello dei dottori commercialisti ed esperti contabili, abilitati allo svolgimento dell’attività di assistenza fiscale) emerge un debito il pagamento potrà essere effettuato con un modello F24 alle medesime scadenze previste per il modello Unico. L’eventuale rimborso sarà, invece, eseguito direttamente dall’Amministrazione Finanziaria.


Gli esperti di 50&PiùCaaf che rispondono alle vostre domande sono:
Cinzia Calabrese, Marco Chiudioni, Ada Martino, Romeo Melucci.

Questa rubrica, curata dai nostri esperti fiscali, risponde al quesito più significativo e di interesse generale pervenuto nel corso della settimana. Se hai una domanda fiscale scrivi a: comunicazione.esterna@50epiu.it.

50&PiùCaaf svolge un qualificato servizio di assistenza fiscale certificato dal visto di conformità, garantito da una polizza assicurativa e dalla competenza dei suoi esperti fiscali. E' scelto ogni anno da oltre 750.000 lavoratori e pensionati.

 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.

Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Pensionati, l’Inps ha avviato la verifica dei redditi 2018-2017

Sono coinvolti oltre 7 milioni di pensionati destinatari delle prestazioni legate al reddito


Italia in... Canto, a Roma le semifinali aspettando Sanremo

Saranno in 50 a contendersi la partecipazione alla finale che si terrà il 16 maggio 2020 al Teatro Ariston di Sanremo


Indennizzo commercianti: conferme dal Governo

Il nuovo esecutivo intende ampliare la platea di coloro che ne hanno diritto, vista la crisi del settore


Il Patronato 50&PiùEnasco alla presidenza del Cipla

Tagli, incertezza economica, ritardi e scarsa vigilanza. Sono queste le valutazioni emerse e condivise nel corso della prima riunione del Comitato


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.