Cerca
Registrazione   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


09
BONUS di 80 euro in busta paga

Lo ha confermato il Consiglio dei Ministri presentando il Documento di programmazione economica e finanza. Gli interessati sono i lavoratori dipendenti che hanno un reddito inferiore a 25 mila euro. In arrivo anche risorse a favore degli incapienti. Le misure saranno operative con il prossimo decreto legge che sarà presentato nei prossimi giorni.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Def, il Documento di economia e finanza. Il provvedimento, un documento "molto serio e rigoroso" nella sintesi del premier Matteo Renzi, mette sul tavolo le riforme "precondizione per la crescita" e fissa il quadro macro entro cui si svilupperà la politica economica: il pil allo 0,8% nel 2014, una stima "di estrema prudenza" dice il presidente del Consiglio, e l'indebitamento netto fermo al 2,6%, garantendo "il mantenimento dei parametri europei".
Renzi e il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan, illustrando il Def, hanno fatto leva sulle ragioni, politiche e tecniche, che consentiranno all'Italia di negoziare margini di manovra più ampia a Bruxelles. In sostanza, si rispettano i parametri Ue per ritagliarsi più spazio nel medio termine e poter quindi sostenere interventi per la crescita. 
 
Strettamente legata al Def è l'operazione sulle buste paga, con gli 80 euro in più 'promessi' ai lavoratori con redditi fino a 25mila euro. Il presidente del Consiglio è entrato nel merito delle coperture necessarie. I 6,7 mld per gli sgravi Irpef verranno per "4,5 mld dalla spending review e per 2,2 mld da un aumento del gettito Iva ed un aumento della tassazione legata alla rivalutazione delle quote di Bankitalia". Il dl sarà presentato venerdì 18 aprile, "non perché è il venerdì santo e quindi giorno di Passione ma perché necessita del passaggio del Def in Parlamento il 17 per sbloccare coperture relative all'Iva". Si tratta dell'Iva che deriva dal pagamento dei debiti della pubblica amministrazione e il governo deve incassare il via libera per il rallentamento al calo del debito, secondo quanto previsto dal Fiscal Compact. Una puntualizzazione importante arriva per quella fascia di reddito, sotto gli 8mila euro, che già non paga l'Irpef. Nel Dl, assicura il premier, "c'è una soluzione tecnica che riguarda gli incapienti", insieme "all'individuazione fascia per fascia" dei destinatari del provvedimento.
Maggiori dettagli si avranno con la presentazione del decreto legge.

Per saperne di Più: www.governo.it

Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Natale e Capodanno Insieme

Con 50&Più per trascorrere in compagnia il periodo più festoso dell’anno. Ecco le mete proposte


Pensionati, l’Inps ha avviato la verifica dei redditi 2018-2017

Sono coinvolti oltre 7 milioni di pensionati destinatari delle prestazioni legate al reddito


Italia in... Canto, a Roma le semifinali aspettando Sanremo

Saranno in 50 a contendersi la partecipazione alla finale che si terrà il 16 maggio 2020 al Teatro Ariston di Sanremo


Indennizzo commercianti: conferme dal Governo

Il nuovo esecutivo intende ampliare la platea di coloro che ne hanno diritto, vista la crisi del settore


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.