Cerca
Registrazione   |  Login
Pause
Percorso di navigazione > Home > Notizie


12
 Imu: in caso di variazione della proprietà dell’immobile, occorre darne comunicazione al Comune?

Imu: in caso di variazione della proprietà dell’immobile, occorre darne comunicazione al Comune?

Risposta a cura di 50&PiùCaaf


DOMANDA
: Da luglio sono diventata l'unica proprietaria dell'appartamento in cui risiedo. Quale modulo devo compilare per dichiarare che sono unica proprietaria? E come mi devo comportare per l'IMU?

Grazie


   


RISPOSTA
: Per quanto concerne l’adempimento dichiarativo, in via generale, non vanno dichiarati i dati che sono già in possesso dei Comuni.

Tutti gli atti, infatti, che transitano dal sistema notarile del Modello unico informatico c.d. MUI (come ad esempio una compravendita immobiliare, o nei casi in cui è stata presentata la dichiarazione di successione) non devono essere dichiarati ai fini Imu, in quanto sono disponibili ai Comuni tramite il sistema di interscambio dei dati catastali. In particolare le “istruzioni per la compilazione della dichiarazione IMU” hanno precisato che, al lume della nozione di "abitazione principale" (articolo 13, comma 2, del Dl 201/2011 convertito dalla legge 214/2011), la "conoscenza da parte del comune delle risultanze anagrafiche fa venire meno la necessità di presentazione della dichiarazione" (paragrafo 1.3).

In merito al versamento dell’IMU, relativamente all’abitazione principale, il  decreto legge 133 del 30 novembre scorso ha previsto la cosiddetta “mini-IMU” che dovrebbe far pagare ai proprietari degli immobili ubicati in quei Comuni che nel 2013 hanno deliberato o confermato un’aliquota superiore a quella “standard” del 4 per mille, il 40% sulla differenza fra l'imposta calcolata con l'aliquota deliberata e quella generata dall'aliquota “standard”.

Il meccanismo coinvolge sia gli aumenti intervenuti nel 2012 sia quelli del 2013, e dovrà essere pagata entro il 16 gennaio 2014 se il Governo non troverà le risorse necessarie a  cancellare del tutto l’imposta.


Cosa c’è da sapere…

La Dichiarazione IMU deve essere presentata, ove prevista, entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell'imposta. Se l’immobile è oggetto di più diritti reali da parte di più soggetti ciascuno è tenuto a presentare la dichiarazione. Le istruzioni confermano che uno qualsiasi dei titolari può comunque presentare la dichiarazione congiunta purché comprensiva di tutti i contitolari. Per i condomini e le multiproprietà la Dichiarazione IMU va presentata dall’amministratore del condominio o della comunione.

Oltre ai casi in cui sono intervenute “variazioni” la Dichiarazione IMU va comunque presentata quando il Comune non è in possesso delle informazioni necessarie per verificare il corretto adempimento dell’obbligazione tributaria (ad esempio quando il contribuente non ha richiesto gli aggiornamenti alla banca dati catastale, o in presenza di alcune riduzioni di imposta previste dalle delibere comunali).
La dichiarazione va presentata al Comune competente con le seguenti modalità:
1)Consegna direttamente al Comune indicato nel frontespizio;
2)Consegna in busta chiusa a mezzo raccomandata senza ricevuta di ritorno all’Ufficio
Tributi del Comune (sulla busta si dovrà riportare la dicitura Dichiarazione IMU e l’anno
di riferimento);
3)Invio telematico mediante posta certificata (PEC).

Allo stato attuale, tenuto conto che il Comune nelle proprie delibere ha facoltà di prevedere differenziazioni di aliquota, all’interno delle medesime categorie, o anche particolari forme di agevolazione e/o riduzioni (legate anche a requisiti personali o reddituali del singolo contribuente) è sempre opportuno verificare il regolamento comunale al fine di accertare se sia prevista la presentazione di un’apposita Comunicazione per usufruire di eventuali agevolazioni e/o riduzioni di aliquota o detrazione.


Gli esperti di 50&PiùCaaf che rispondono alle vostre domande sono:
Cinzia Calabrese, Marco Chiudioni, Ada Martino, Romeo Melucci.

Questa rubrica, curata dai nostri esperti fiscali, risponde al quesito più significativo e di interesse generale pervenuto nel corso della settimana. Se hai una domanda fiscale scrivi a: comunicazione.esterna@50epiu.it.

50&PiùCaaf svolge un qualificato servizio di assistenza fiscale certificato dal visto di conformità, garantito da una polizza assicurativa e dalla competenza dei suoi esperti fiscali. E' scelto ogni anno da oltre 750.000 lavoratori e pensionati.

 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.

Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Nuova sede del Patronato 50&PiùEnasco in Canada

Con l’ufficio di Mississauga, salgono a 12 le sedi distribuite sul territorio canadese


Quota 100: vecchie e nuove regole?

Al momento non ci sono precise indicazioni sul destino di Quota 100. E il cantiere pensioni resta aperto con la scritta “lavori in corso”


Olimpiadi 50&Più: tutte le classifiche

Le discipline, le coppe e le medaglie dell'unico evento sportivo dedicato agli over 50. Video


Lecce vince il Trofeo delle Olimpiadi di 50&Più

Al 2° posto Lodi e al 3° Venezia. A Lecce anche l'assoluto maschile. Belluno primeggia nella classifica femminile


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.