Cerca
Register   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


11
Più LONGEVITA' per uomini e donne

Presentato il Libro bianco dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna. Donne e uomini guadagnano in aspettativa di vita. Le donne 6 mesi in più dal 2007 al 2011, gli uomini ben 8,5 mesi.

Il divario tra l'aspettativa di vita dell'uomo e della donna continua a ridursi.  Dal 2007 al 2011 le donne hanno guadagnato 6 mesi in più di vita gli uomini 8,5 mesi. Mediamente l'aspettativa delle donne italiane  al 2011 è di 84,5 anni per gli uomini 79,4 anni. Si mantiene dunque il vantaggio femminile in termini di sopravvivenza, anche se il “gap” tra i due generi continua ad assottigliarsi. Questi alcuni dati sullo stato di salute delle donne italiane  contenuti nella IV edizione del Libro bianco dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) realizzato con la collaborazione dell’Osservatorio sulla Salute nelle Regioni Italiane dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e Farmindustria.

   
Migliora la prevenzione
oncologica,
ma l'assistenza
è ancora disomogenea
      
   
Dalla comparazione dei tassi di ospedalizzazione non emergono differenze significative tra uomini e donne, mentre i livelli di consumo di farmaci risultano più elevati per la popolazione femminile (42,9% vs. 34,3%), con tuttavia una modesta contrazione rispetto al 2009 (44,6%). L'analisi degli indicatori di salute e malattia nelle diverse Regioni italiane evidenzia le aree più critiche della salute femminile: si registra un incremento dell'incidenza e della prevalenza di tutti i tumori maligni nelle donne con una differenza Nord-Sud a svantaggio del Settentrione, anche se il tasso standardizzato di mortalità è quasi doppio per gli uomini (35,6 vs 19,39 per 100.000 abitanti). La prevenzione oncologica si è molto sviluppata con gli screening organizzati ed è migliorata su tutto il territorio nazionale, anche se persiste una differenza tra macro-aree geografiche. In particolare, per quanto riguarda la vaccinazione anti-Papilloma virus, la copertura raggiunta risulta ancora disomogenea e ben lontana dagli obiettivi prefissati.

I dati sulle malattie ischemiche confermano le marcate differenze di genere, con tassi di ospedalizzazione più che doppi negli uomini rispetto alle donne (961,7 vs 341 per 100.000 abitanti). Quanto alla salute mentale, il tasso di ospedalizzazione per i disturbi psichici da abuso di droghe è maggiore per gli uomini, ma si registra un aumento tra il genere femminile, in particolare nella fascia di età 45-54 anni. In tema di salute materno-infantile, permane un'alta percentuale di tagli cesarei (38,7%), con un range che varia da un minimo del 24% in Friuli Venezia Giulia a un massimo del 61,7% in Campania, mentre i punti nascita sono diminuiti, così come il numero di strutture con Tin (Terapia intensiva neonatale), che eseguono meno di 800 parti /anno: rimane ancora molto lavoro da fare per riorganizzare la rete assistenziale secondo le linee di azione tracciate dal Programma nazionale, approvato dalla Conferenza Stato-Regioni del 2011.

 
 
La Campania
è in testa per numero
di parti cesarei (67%)
 
"L'analisi trasversale degli indicatori “al femminile” di questa quarta edizione del Libro bianco - dichiara Francesca Merzagora, presidente Onda - documenta che lo stato di salute delle donne è complessivamente buono, anche se permangono tra macroaree geografiche e singole Regioni marcate differenze in termini di distribuzione del benessere, accessibilità e appropriatezza dei servizi offerti, con il Meridione e le Isole in posizione nettamente più svantaggiata rispetto al Centro e al Nord".

"Il quadro che emerge da questo volume - dichiara Walter Ricciardi, direttore del Dipartimento di Sanità pubblica, Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma - evidenzia una condizione di benessere fisico in generale buona della popolazione femminile, ma rileva l'urgenza sia di promuovere campagne preventive più mirate e politiche socio-sanitarie in grado di assicurare il mantenimento e il miglioramento delle generali condizioni di salute, sia di favorire il potenziamento e/o l'adeguamento dell'offerta dei servizi, spesso insufficienti e poco rispondenti alle esigenze dell'utenza".

Per saperne di Più: www.ondaosservatorio.it/.

Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Invalidità civile 2020: i nuovi importi

Pochi euro per tutti: è la situazione che molti affrontano da tempo, sebbene i trattamenti siano calcolati sui redditi dei singoli


Spese detraibili: dal 1° gennaio è cambiato il metodo di pagamento


Olimpiadi invernali: vince il Trofeo la provincia di Massa Carrara

Secondo posto per la squadra provinciale di Bergamo e terzo per Lucca


Incontri 50&Più in Sardegna

La grande festa de soci 50&Più quest’anno si tiene a Geremeas (Ca) dal 30 maggio al 28 giugno


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.