Cerca
Register   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


27
Colf e badanti: contributi e ferie 2013

Due livelli di contribuzione a partire da quest’anno per colf e badanti. Con l’ultima riforma del lavoro (legge n. 92/2012 riforma Fornero), che ha interessato parzialmente anche i lavoratori domestici, sono state rimodulate tutte le aliquote contributive previste.


Di Gianni Tel - 50&Più


Il Sistema di contribuzione

Secondo il principio della riforma “che la flessibilità va pagata”, la misura dei contributi dovuti all’Inps per l’indennità di disoccupazione, cui hanno diritto anche i domestici (l’indennità adesso si chiama ASPI e MiniASPI), è diversa a seconda che si riferisca a lavoratori assunti “a tempo indeterminato” o “a tempo determinato”. Di conseguenza, questa diversità dei contributi fa scendere il costo orario che le famiglie devono versare all’Inps per i domestici assunti a tempo indeterminato (cioè stabilmente); mentre, al contrario, diventa un poco più caro perché maggiorato della nuova addizionale dell’1,4%, prevista per tutti i contratti “flessibili”, quando l’assunzione è a termine. (V. tabella).
L’addizionale, comunque, non è dovuta se la colf o badante è assunta per sostituire lavoratori assenti (ad esempio: durante le assenze per ferie estive, oppure per malattia o maternità, ecc.).
Se il contratto a termine, poi, viene trasformato a tempo indeterminato il datore di lavoro si vede restituire dall’Inps gli ultimi sei mesi di versamento del contributo addizionale.
Stessa restituzione anche nel caso in cui il datore di lavoro riassuma il lavoratore entro sei mesi dalla scadenza del contratto a termine. In questa ipotesi è prevista una riduzione del rimborso corrispondente ai mesi che intercorrono tra la scadenza e l’assunzione a tempo indeterminato.

Le ferie 2013
E’ periodo di vacanze anche per i lavoratori domestici. Le famiglie, prima di partire per le vacanze devono verificare se la colf o la badante ha fatto le ferie già da giugno 2013 : in caso positivo vanno infatti versati i contributi entro 10 luglio 2013  (insieme con quelli ordinari così come da tabella), cadendo le stesse nel secondo trimestre 2013. Per le ferie fruite da luglio a settembre i  contributi vanno invece pagati entro il 10 ottobre 2013. Vediamo quali sono le regole sulle ferie da ricordare.
Per quanto riguarda la durata, il contratto stabilisce che, a prescindere dalla qualifica, vanno riconosciuti  26 giorni lavorativi se l’anzianità di servizio presso la stessa famiglia è di almeno un anno.
Le ferie vanno godute preferibilmente tra giugno e settembre e non possono essere frazionate in più di due periodi. Nulla vieta  alle parti di decidere di comune accordo un periodo diverso.

Il calcolo
Durante il periodo di ferie la colf va retribuita come se stesse lavorando. Per il calcolo della cifra da pagare si prende la retribuzione globale di fatto corrisposta mensilmente. Se l’anzianità è inferiore all’anno, il calcolo va fatto in dodicesimi, considerando come mese intero le frazioni superiori a 15 giorni.
Così se la colf è stata assunta l’ 11 aprile di quest’anno e chiede le ferie dal 1° agosto avrà diritto a 4/12 della retribuzione mensile.
Per quanto riguarda il calcolo va chiarito che:
  • non ci sono differenze tra colf a servizio intero e a ore. Nel secondo caso, bisogna risalire sempre alla retribuzione mensile, moltiplicando la paga settimanale per 52 e dividendo il risultato per 12;
  • se la colf usufruisce di vitto e alloggio, va aggiunto alla retribuzione mensile il valore convenzionale delle relative indennità, il cui valore complessivo nel 2013 è di 5,31 Euro al giorno, di cui 1,85 per ogni pasto e 1,61 per il pernottamento.
Le ferie sono un diritto irrinunciabile riconosciuto dalla Costituzione, pertanto ogni accordo tra datore di lavoro e lavoratore volto alla rinuncia del periodo feriale è nullo.
Può tuttavia capitare che la colf debba farne a meno per esigenza propria o della famiglia. In questo caso la lavoratrice ha diritto ad una paga doppia: per le ferie non godute e per le giornate lavorate.
Una rinuncia del tutto particolare è consentita alle lavoratrici straniere. Se la famiglia è d’accordo, la colf può cumulare le ferie spettanti per un periodo massimo di due anni, in questo modo si dà all’interessata la possibilità di trascorrere nel Paese di origine un periodo di vacanza abbastanza lungo da giustificare le spese di viaggio.

Come si versa
Il pagamento va effettuato utilizzando i bollettini MAV che si possono ottenere accedendo al sito dell’Inps (www.inps.it) oppure telefonando al contact center 803.164.

I soci 50&Più possono anche rivolgersi al servizio 50&Più Colf e Badanti, che è in grado di generare gratuitamente detti bollettini. Per ogni informazione è possibile contattare il numero verde 800929922.




Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Invalidità civile 2020: i nuovi importi

Pochi euro per tutti: è la situazione che molti affrontano da tempo, sebbene i trattamenti siano calcolati sui redditi dei singoli


Spese detraibili: dal 1° gennaio è cambiato il metodo di pagamento


Olimpiadi invernali: vince il Trofeo la provincia di Massa Carrara

Secondo posto per la squadra provinciale di Bergamo e terzo per Lucca


Incontri 50&Più in Sardegna

La grande festa de soci 50&Più quest’anno si tiene a Geremeas (Ca) dal 30 maggio al 28 giugno


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.