Cerca
Registrazione   |  Login
Pause
Percorso di navigazione > Home > Notizie


10
Speciale IMU: una raccolta dei quesiti più ricorrenti pervenuti a 50&Più Caaf

Risposte a cura di 50&PiùCaaf
SPECIALE IMU:
una raccolta dei quesiti più ricorrenti pervenuti a 50&PiùCaaf.
Ecco tutte le risposte


 Scarica qui le risposte in versione PDF.


 
Scrivi ai nostri esperti 
di 50&Più Caaf, invia una mail a: 
comunicazione.esterna@50epiu.it

Leggi qui gli altri quesiti fiscali
 
Nota trattamento dati personali



 

 


Domanda. Ho comprato casa inizio gennaio (prima casa), ma solo adesso, fine maggio, ho fatto il cambio di residenza.la mia domanda e' devo pagare l'Imu per 5 mesi?

RispostaLe agevolazioni per l’abitazione principale spettano all’unica abitazione nella quale il possessore dimora e risiede anagraficamente.
In sostanza è necessario il doppio requisito: quello della dimora e quello della residenza anagrafica (uno solo non è sufficiente).
Nel suo caso per i primi 5 mesi, venendo a mancare i requisiti, dovrà pagare l’IMU. Le agevolazioni per l’abitazione principale, al contrario, spetteranno a partire dalla data di cambio di residenza e dimora.

Domanda. Mi sono separato e la casa è stata assegnata alla mia ex moglie. Sono io il proprietario al 100% e ora vivo in affitto. Volevo sapere chi deve pagare l’IMU
RispostaL’assegnazione della casa all’ex coniuge a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio determina che è il coniuge assegnatario l’unico soggetto che pagherà l’IMU anche se non proprietario. In pratica lei dovrà dichiarare l’immobile solo ai fini Irpef mentre la sua ex-moglie in qualità di assegnataria pagherà, se dovuta, l’IMU.

DomandaPer una successione non ancora aperta, il versamento dell’IMU è valido se effettuato da uno solo dei figli eredi?

RispostaOgni erede è tenuto al pagamento sulla propria quota di possesso relativa agli immobili pervenuti per successione, sebbene la dichiarazione di successione non sia stata ancora presentata. Se gli eredi non eseguono in proprio il pagamento delle imposte, le stesse si considerano omesse.

DomandaAppartengo alle forze armate  di Polizia e per ragioni di lavoro ho dovuto trasferirmi in un immobile diverso da quello di residenza e ubicato in un altro Comune. Ai fini IMU, come devo considerare l’unica abitazione di proprietà? Posso fruire di agevolazioni?

Risposta. Il contribuente che non ha la residenza nell’immobile, deve calcolare l’imposta IMU tenendo conto dell’aliquota ordinaria prevista dalla delibera comunale.  Non è possibile, infatti,  applicare l’aliquota agevolata né la detrazione per l’immobile nel quale il militare non abbia anche la residenza anagrafica.

DomandaPosso avere degli sconti sull'IMU sulla seconda casa che è data in uso a mio figlio?

RispostaNo, la normativa sull’IMU non consente, in via generale, agevolazioni  d’imposta  sulle seconde case, neanche su quelle date in comodato a figli o ad altri familiari. Tuttavia il Comune nella propria delibera può autonomamente prevedere un’aliquota più bassa per queste specifiche casistiche, è necessario, quindi, verificarla per accertarne o meno la presenza. In ogni caso la sospensione del versamento della prima rata Imu non è mai applicabile.

DomandaHo una seconda casa data in uso gratuito ai miei genitori che risultano usufruttuari. Chi deve pagare l’IMU: loro o io , in qualità di nudo proprietario?

Risposta. In questa situazione i soggetti passivi dell’IMU sono i genitori usufruttuari. Se residenti nell’immobile, pagheranno l’IMU applicando aliquota agevolata e relative detrazioni.

Domanda. Mia madre è ricoverata in una casa di cura dove ha trasferito la residenza. E’ proprietaria di un’unica abitazione che abbiamo affittato. E’ possibile usufruire della sospensione per la prima rata Imu

RispostaGli anziani e disabili che acquisiscono la residenza in Istituti di ricovero o sanitari, a seguito di ricovero permanente, possono godere delle agevolazioni per la propria abitazione a condizione che ci siano contemporaneamente anche queste due specifiche condizioni:
- se il Comune nella propria delibera prevede espressamente tale agevolazione per gli anziani ricoverati in Istituti sanitari o ricovero;
- se l’abitazione non è locata.
Nel suo caso, pertanto, poiché l’abitazione è locata non spetta l’agevolazione e di conseguenza non può godere della sospensione del versamento della prima rata IMU anche nel caso in cui il suo Comune l’avesse prevista.

Domanda. A seguito del decesso di mio padre, nella casa coniugale continua a vivere mia madre. Io e mia sorella, in qualità di eredi, abbiamo comunque l’obbligo di  pagare l’IMU per la nostra quota di proprietà? 

Risposta. Il soggetto passivo, ai fini IMU, è soltanto il genitore (coniuge superstite possessore), al quale spetta il diritto reale di abitazione ai sensi dell’articolo 540 del Codice civile. I figli in questo caso, non devono rispettare nessun adempimento tributario con riferimento alla casa familiare.

 

Domanda. Si può usare un modello F24 per versare l'IMU di più Comuni?

Risposta. Certamente. Può essere utlizzato un modello F24 contenente versamenti destinati a Comuni.

Domanda. Sono proprietario di un immobile con due box di pertinenza, si tratta dell'unica proprietà/prima casa.
L'immobile e n°1 box sono affittati con regolare contratto, mentre il 2°box non è affittato. Per l'immobile e il 1° box mi è stato detto che dovrò pagare l'IMU perchè non essendo residente le proprietà non costituiscono la cosiddetta prima casa. Mi chiedevo cosa devo fare per il pagamento IMU del 2° box, non affittato e non utilizzato da me. Devo pagare o è applicabile la sospensione dell'IMU in quanto si tratta di pertinenze classificate nella categoria catastale C/6.

Risposta. la sospensione per la prima rata Imu spetta all’abitazione principale ed alle sue pertinenze così come definite ai fini IMU. In particolare, per queste ultime, spetta fino ad un massimo di tre pertinenze di categoria C/2 – C/6 – C/7 ma nella misura massima di una per ciascuna categoria (una per C/2; una per C/6 ed una per C/7). Nel suo caso lei ha affittato il suo immobile (che pertanto non costituisce più la sua “abitazione principale”). Venendo a mancare  “l’abitazione principale” anche il secondo box  perde la qualifica di “pertinenza” e di conseguenza saranno entrambi soggetti ad IMU.

Domanda. Per il mio immobile ad uso abitativo devo calcolare l’IMU. Vorrei sapere se la rendita catastale rivalutata del 5% va ancora rivalutata per 160 o per il vecchio valore  100 ?  L' IMU  va versata ai Comuni per intero oppure qualcosa va allo Stato?

Risposta. Per calcolare la base imponibile Imu è necessario verificare la rendita catastale e rivalutarla del 5%. Il risultato così ottenuto sarà moltiplicato per 160 nel caso di abitazioni e pertinenze (categorie C/2 – C/6 – C/7). Per gli altri immobili di diverse categorie catastali e per i terreni è previsto, invece, un altro moltiplicatore. Alla base imponibile così determinata va poi applicata l’aliquota IMU prevista dal suo Comune.
Per quanto riguarda il versamento  a partire dal 2013 la quota statale è dovuta solo per gli immobili ad uso produttivo di categoria catastale “D”. Nel suo caso verserà solo al Comune.


Hai ancora dubbi sul pagmento dell'Imu?
Guarda la videointervista realizzata al nostro esperto fiscale, Romeo Melucci, di 50&PiùCaaf

Gli esperti di 50&PiùCaaf che rispondono alle vostre domande sono:
Cinzia Calabrese, Marco Chiudioni, Ada Martino, Romeo Melucci.


Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Quota 100: vecchie e nuove regole?

Al momento non ci sono precise indicazioni sul destino di Quota 100. E il cantiere pensioni resta aperto con la scritta “lavori in corso”


Olimpiadi 50&Più: tutte le classifiche

Le discipline, le coppe e le medaglie dell'unico evento sportivo dedicato agli over 50. Video


Lecce vince il Trofeo delle Olimpiadi di 50&Più

Al 2° posto Lodi e al 3° Venezia. A Lecce anche l'assoluto maschile. Belluno primeggia nella classifica femminile


Il Patronato 50&PiùEnasco è operativo anche in Spagna

Aperta la sede a Valencia per assistere gli italiani che vivono nella Comunidad Valenciana


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.