Cerca
Register   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


23
“OTTANTA” voglia di guidare

Un esercito di circa 800.000 ultraottantenni, tutti patentati e intenzionati a continuare ad esserlo. Una nuova legge, introdotta dal precedente governo, sta contribuendo a snellire tempi e procedure per ottenere il rinnovo - comunque obbligatorio dopo l’ottantesimo anno di età - della patente di guida. Un vademecum per capire come fare.


Articolo tratto dalla Rivista 50&Più, numero di aprile.

di Paolo Bernardi

Fino a poco tempo fa gli ultraottantenni intenzionati a rinnovare la patente di guida non avevano vita facile. Esami, visite e verifiche costituivano il complicatissimo iter da seguire per difendere la propria autonomia. Primo passo, sottoporsi a visita medica presso una commissione medica composta da più sanitari (Commissione Medica Provinciale), la quale dopo aver esaminato le condizioni di salute del richiedente poteva rinnovargli la patente per un periodo da tre mesi a tre anni, oppure poteva negare tale rinnovo. Il problema era che di tali commissioni ce n’erano una ogni provincia e ciò obbligava gli ultraottantenni a lunghi spostamenti dalle proprie abitazioni ai capoluoghi di provincia.

A peggiorare la situazione il fatto che le commissioni erano già di loro oberate di lavoro e i tempi di prenotazione delle visite si allungavano molto. Inoltre, poteva capitare che la documentazione medica fosse insufficiente e che la visita venisse rinviata ad altra data, con ulteriore aggravio di spese tra visite e viaggi. Insomma, un bel problema per i circa 800.000 patentati che hanno superato gli ottanta anni e per gli altri 30.000 che hanno superato i novanta.

Una legge introdotta dal precedente Governo, invece, ha eliminato questa lunga procedura consentendo di effettuare la visita presso il medico legale operante nell’Asl (Azienda Sanitaria Locale) competente per territorio, presso il medico responsabile dei servizi di base del Distretto Sanitario o il medico militare, oppure del Ministero della Sanità, della Polizia, dei Vigili del fuoco, o presso un ispettore medico del Ministero del Lavoro o delle Ferrovie dello Stato. Questi, più facilmente raggiungibili e consultabili, non obbligano a grandi spostamenti. C’è da aggiungere che, mentre prima le commissioni potevano variare i tempi di validità della patente a seconda delle condizioni di salute del richiedente (da un mese a due anni), adesso il rinnovo, in assenza di seri problemi di salute, implica una validità automatica di due anni.

Nonostante l’entrata in vigore della nuova normativa (10 febbraio 2012), alcuni mesi fa ha fatto scalpore la denuncia di una dei più famosi e conosciuti astrofisici italiani, Margherita Hack, che si era vista rifiutare la visita da un medico della Asl in quanto questi non voleva assumersi la responsabilità di far condurre un auto ad una persona così anziana. Le polemiche che seguirono a questa vicenda, in realtà, appartengono ad un dibattito più ampio sull’opportunità di affidare automobili a persone con obiettive capacità di vigilanza, reattività e concentrazione, diminuite dall’età.

Da una parte, c’è chi allude alle pressioni delle case automobilistiche che non vogliono rinunciare ad una fetta di mercato consistente (abbiamo detto circa 800.000 patentati) o alle pressioni delle agenzie per auto che, per le complicazioni delle commissioni, avevano visto perdere molti clienti.

Dall’altra, si invocano le paure degli automobilisti “più giovani” che vedono negli anziani un pericolo per la circolazione, pericolo spesso legato a pregiudizi e luoghi comuni. Pregiudizi smentiti dai fatti e anche da altre norme. Infatti, a questo ultimo e presunto “pericolo” ha già rimediato il Codice della Strada con l’art. 119 (Box “La Legge 35”) , tanto che se i medici delle Asl non hanno la certezza che un over 80 possa guidare, possono rimandarlo alle Commissioni Mediche Provinciali. Il problema sta invece nel grado di responsabilità del medico che accerta l’idoneità: potrebbe essere troppo severo e prescrivere di nuovo il pesante iter burocratico per arrivare alla commissione o, al contrario, poco coscienzioso, rinnovando la patente magari perché “spinto” dalle esigenze delle agenzie automobilistiche che premono per accontentare il cliente.

La situazione potrebbe essere risolta dando al medico la possibilità di modulare la validità della patente e decidere per un periodo più breve dei due anni. In questo modo si potrebbero contenere i rischi in un arco di tempo inferiore ai 24 mesi. Passerà questa proposta o ne verranno avanzate altre? La parola al nuovo Governo.

LA RICETTA PER CONTINUARE A CIRCOLARE

Ingredienti
• Patente di guida; • codice fiscale; • documentazione medica attestante stato di salute e assenza di serie patologie; • versamento di 9 euro su c/c postale n. 9001 intestato alla Motorizzazione Civile. • marca da bollo di 14,62 euro.

Preparazione
• Prenotare una visita presso uno dei medici già citati nell’articolo; • al momento della visita consegnare i documenti prima elencati; • effettuata la visita, il medico invierà il certificato alla Motorizzazione; • dopo quaranta giorni la Motorizzazione invierà al richiedente un bollino di rinnovo da applicare sulla patente. Nel frattempo si potrà circolare portando con sé copia del certificato di idoneità rilasciato dal medico. Nella fase della preparazione potrete sempre affidarvi ad una delle numerose agenzie di pratiche automobilistiche o agli uffici dell’Aci. Pagando una tariffa stabilita, l’agenzia provvederà alla produzione dei documenti necessari e fisserà una visita con uno dei medici abilitati.

Ricordatevi che...
• Il rinnovo per gli over 80 è valido solo per patenti A e B; • all’estero non si può circolare senza bollino e con il solo certificato medico. Quindi, in caso di espatrio con vettura, attendere il bollino da applicare sulla patente; • per esercitare neo patentati alla guida, non si può avere più di 65 anni. Quindi occhio alle richieste dei nipoti!

LA LEGGE 35
Ad introdurre la nuova normativa è la Legge di conversione n. 35 del 4 aprile 2012 del Decreto Legge n. 5 del 2012. L’articolo del Codice della Strada che invece prevede la possibilità da parte del singolo medico, di inviare il richiedente a visita della Commissione Medica Provinciale è il 119, comma 4, lettera D, che recita: “L’accertamento dei requisiti psichici e fisici è effettuato da commissioni mediche locali, costituite dai competenti organi regionali... nei riguardi...: di coloro per i quali l’esito degli accertamenti clinici, strumentali e di laboratorio faccia sorgere al medico di cui al comma 2 dubbi circa l’idoneità e la sicurezza della guida”.

AUTOMOBILISTI MODELLO
Secondo i dati forniti dall’Asaps (Amici e sostenitori della Polizia Stradale), nel periodo 2003/2010, gli over 70 risultano gli automobilisti più attenti. Con una media di 1,045 punti, risultano quelli a cui sono stati sottratti meno punti sulla patente. Di contro, agli automobilisti nella fascia di età 25-29 vengono sottratti mediamente 2,68 punti, a quelli in fascia 30-34, 2,45 punti. Per quanto riguarda poi la differenza tra uomini e donne, la percentuale dei punti decurtati a queste ultime è del 24,74%, mentre agli uomini spetta il restante 75,26% dei punti persi. Le donne patentate, però, sono in numero minore degli uomini (42% delle patenti attive) e percorrono molti meno chilometri, un gran vantaggio in termini statistici.
Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Invalidità civile 2020: i nuovi importi

Pochi euro per tutti: è la situazione che molti affrontano da tempo, sebbene i trattamenti siano calcolati sui redditi dei singoli


Spese detraibili: dal 1° gennaio è cambiato il metodo di pagamento


Olimpiadi invernali: vince il Trofeo la provincia di Massa Carrara

Secondo posto per la squadra provinciale di Bergamo e terzo per Lucca


Incontri 50&Più in Sardegna

La grande festa de soci 50&Più quest’anno si tiene a Geremeas (Ca) dal 30 maggio al 28 giugno


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.