Cerca
Register   |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


10
Contributi piu’ salati per gli AUTONOMI

Sulle spalle di artigiani e commercianti un ulteriore aumento delle aliquote contributive.

di Gianni Tel, 50&Più

Contributi più cari per i lavoratori autonomi. Già da gennaio dell’anno scorso la Manovra “Monti” (Legge 214/2011) ha previsto che le aliquote contributive di artigiani e commercianti fossero incrementate dell’1,3% e poi, per ogni anno successivo, di un altro 0,45% fino al 2018 da quando questi lavoratori dovranno pagare il 24% del proprio reddito (quello di impresa dichiarato al fisco).


Fino al 2011, gli artigiani finanziavano il proprio fondo previdenziale versando all’Inps il 20% del reddito prodotto nell’arco dell’anno. L’aliquota dei commercianti era leggermente superiore pari al 20,09 ( Tab. A).
Nessuna novità, invece, è stata introdotta sull’impianto di calcolo e pagamento dei contributi, vale a dire il vincolo del minimale di reddito (per l’anno 2013 pari a 15.357 euro), l’aliquota aggiuntiva dell’1% dovuta oltre il limite di reddito medio annuo su cui la pensione viene calcolata (per l’anno 2013  pari a 45.530 euro), nonché il massimale di reddito oltre il quale non è più dovuta la contribuzione (per l’anno 2013  pari a 75.883 euro).

Ciò vale per tutti coloro iscritti con decorrenza anteriore a primo gennaio 1996 o che possono far valere un’anzianità contributiva  a tale data.

Per coloro, invece, che si sono iscritti negli elenchi di categoria dopo il 31 dicembre 1995 il massimale di reddito contributivo 2013 è pari a 99.034 euro (Tab. B).

Termini e modalità di pagamento

Per quanto riguarda la riscossione dei contributi non è cambiato nulla, avviene sempre tramite il modello F24 alle seguenti scadenze:
-    16 maggio, 16 agosto, 18 novembre 2013 e 17 febbraio 2014 per il versamento delle quattro rate dei contributi dovuti sul minimale di reddito;
-    entro i termini previsti per il pagamento dell’IRPEF in riferimento ai contributi dovuti sulla quota di reddito eccedente il minimale, a titolo di saldo 2012 primo acconto 2013 e secondo acconto 2013.

Sconto per gli ultra65enni

I commercianti e gli artigiani che abbiano già superato il 65° anno di età e siano già pensionati Inps possono versare un contributo ridotto del 50%.
Ciò vale per i già pensionati al 2011, per i nuovi invece si dovrà naturalmente tener conto della nuova età pensionabile così come prevista dalla riforma “Monti” (66 anni e tre mesi per il 2013).
La riduzione parte dal mese successivo al compimento dell’età anche se la domanda viene presentata successivamente.
E’ un’opportunità che consente di risparmiare sul versamento, anche se si avrà un importo minore dei supplementi di pensione a cui si ha diritto.





Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

Invalidità civile 2020: i nuovi importi

Pochi euro per tutti: è la situazione che molti affrontano da tempo, sebbene i trattamenti siano calcolati sui redditi dei singoli


Spese detraibili: dal 1° gennaio è cambiato il metodo di pagamento


Olimpiadi invernali: vince il Trofeo la provincia di Massa Carrara

Secondo posto per la squadra provinciale di Bergamo e terzo per Lucca


Incontri 50&Più in Sardegna

La grande festa de soci 50&Più quest’anno si tiene a Geremeas (Ca) dal 30 maggio al 28 giugno


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.